CGIA: SEGNI DI RIPRESA A NORDEST
Notizie e politica - 04/12/2014 13:05

Il Nordest dà segni di ripresa e il Veneto, in particolare, sembra aver superato la fase più critica di questa crisi economica. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA che ha analizzato la dinamica di alcuni indicatori economici in questa prima parte dell’anno. Nel primo semestre di quest’anno l’export del Nordest ha registrato un significativo +2,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; in Veneto la dinamica dell’export ha toccato il +2,7 per cento e in provincia di Bolzano addirittura il +2,9 per cento.

Nei primi 10 mesi di quest’anno, invece, la cassa integrazione totale ha subito una contrazione del 16 per cento. Se si esclude il Friuli Venezia Giulia, dove è aumentata dell’8,4 per cento, e la provincia di Trento, che registra un incremento del 7 per cento, nel Veneto è diminuita del 21,3 per cento e a Bolzano addirittura del 37,8 per cento.

Nei primi 9 mesi del 2014 l’occupazione manifesta una crescita dello 0,7 per cento, con una punta massima del 2,1 per cento a Trento. Scende, seppur di poco, anche la disoccupazione: -0,3 per cento. Il numero dei senza lavoro è pari a 236.000 unità. Se nel Friuli Venezia Giulia la percentuale di coloro che sono alla ricerca di un posto di lavoro è aumentata dello 0,9 per cento, portando il livello medio regionale a toccare il 7,7 per cento, a Trento è salita del 3,3 per cento, mentre nel Veneto si è contratta dello 0,8 per cento, stabilizzando il dato medio regionale al 7,4 per cento.

Dal Veneto, che costituisce oltre i 2/3 della popolazione residente nel Nordest, arrivano dei segnali importanti verso la tanto agognata ripresa economica. Nei primi 6 mesi del 2014 la produzione industriale è cresciuta del 2,3 per cento, gli ordinativi del mercato interno del 2,5 per cento e quelli del mercato estero del 3,7 per cento. Rispetto al 2013, quest’anno il Pil nel 2014 è destinato ad aumentare del +0,2 per cento, mentre in Friuli Venezia Giulia dovrebbe crescere dello 0,1 per cento. Solo in Trentino Alto Adige, invece, la ricchezza prodotta  dovrebbe essere negativa (-0,1 per cento), mentre quella prevista a livello medio nazionale sembra destinata a stabilizzarsi su un preoccupante -0,4 per cento.

Il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi, ne è convinto: “Se ripartono il Nordest e la Lombardia, riparte anche il resto del Paese. In passato è stato sempre così. Purtroppo, però, registriamo ancora degli squilibri molto evidenti. Se il manifatturiero dà degli incoraggianti segnali di ripresa, la situazione delle costruzioni, dei servizi e del commercio rimane ancora molto critica. Questi tre settori risentono del forte calo degli investimenti e dei consumi delle famiglie che sono sempre più ridotti al lumicino. Visto che anche nel Nordest la quasi totalità delle merci viaggia su gomma, l’auspicio è che il ritorno dei Tir lungo le nostre autostrade preluda ad una inversione di tendenza che coinvolga anche quei comparti che fino adesso sono rimasti al palo”.

CGIA: SEGNI DI RIPRESA A NORDEST

Il Nordest dà segni di ripresa e il Veneto, in particolare, sembra aver superato la fase più critica di questa crisi economica. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA che ha analizzato la dinamica di alcuni indicatori economici in questa prima parte dell’anno. Nel primo semestre di quest’anno l’export del Nordest ha registrato un significativo +2,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; in Veneto la dinamica dell’export ha toccato il +2,7 per cento e in provincia di Bolzano addirittura il +2,9 per cento.

Nei primi 10 mesi di quest’anno, invece, la cassa integrazione totale ha subito una contrazione del 16 per cento. Se si esclude il Friuli Venezia Giulia, dove è aumentata dell’8,4 per cento, e la provincia di Trento, che registra un incremento del 7 per cento, nel Veneto è diminuita del 21,3 per cento e a Bolzano addirittura del 37,8 per cento.

Nei primi 9 mesi del 2014 l’occupazione manifesta una crescita dello 0,7 per cento, con una punta massima del 2,1 per cento a Trento. Scende, seppur di poco, anche la disoccupazione: -0,3 per cento. Il numero dei senza lavoro è pari a 236.000 unità. Se nel Friuli Venezia Giulia la percentuale di coloro che sono alla ricerca di un posto di lavoro è aumentata dello 0,9 per cento, portando il livello medio regionale a toccare il 7,7 per cento, a Trento è salita del 3,3 per cento, mentre nel Veneto si è contratta dello 0,8 per cento, stabilizzando il dato medio regionale al 7,4 per cento.

Dal Veneto, che costituisce oltre i 2/3 della popolazione residente nel Nordest, arrivano dei segnali importanti verso la tanto agognata ripresa economica. Nei primi 6 mesi del 2014 la produzione industriale è cresciuta del 2,3 per cento, gli ordinativi del mercato interno del 2,5 per cento e quelli del mercato estero del 3,7 per cento. Rispetto al 2013, quest’anno il Pil nel 2014 è destinato ad aumentare del +0,2 per cento, mentre in Friuli Venezia Giulia dovrebbe crescere dello 0,1 per cento. Solo in Trentino Alto Adige, invece, la ricchezza prodotta  dovrebbe essere negativa (-0,1 per cento), mentre quella prevista a livello medio nazionale sembra destinata a stabilizzarsi su un preoccupante -0,4 per cento.

Il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi, ne è convinto: “Se ripartono il Nordest e la Lombardia, riparte anche il resto del Paese. In passato è stato sempre così. Purtroppo, però, registriamo ancora degli squilibri molto evidenti. Se il manifatturiero dà degli incoraggianti segnali di ripresa, la situazione delle costruzioni, dei servizi e del commercio rimane ancora molto critica. Questi tre settori risentono del forte calo degli investimenti e dei consumi delle famiglie che sono sempre più ridotti al lumicino. Visto che anche nel Nordest la quasi totalità delle merci viaggia su gomma, l’auspicio è che il ritorno dei Tir lungo le nostre autostrade preluda ad una inversione di tendenza che coinvolga anche quei comparti che fino adesso sono rimasti al palo”.


Notice: Undefined variable: now in /media/STORAGE3T/gruppotv7/ads_module.php on line 66
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali veneti non inficieranno la qualità dell'assistenza, grazie a una programmazione d...

INFLAZIONE, A VERONA LA PIU' ALTA DEL VENETO - Sale il costo della vita in Veneto, a Verona più che altrove, dove il rincaro annuo per le famiglie nel 2019 è stato di 233 euro. A...

SINDACATI: "DALLA REGIONE PIU' RISORSE AGLI ANZIANI" - Nella conferenza stampa congiunta di SPI CGIL, FNP CISL e UILP, l...

VENETO, NUOVI INTROITI DALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI - 6 milioni di introito nel 2019, 38 milioni complessivi dal 2010 e altri 67 immobili per cui è già attiva la procedura per la vendita, tra cui P...

CITTADELLA FESTEGGIA LA 1^ NATA DEL 2020, LEONORA ---- Sempre piacevole scoprire i primi nati del nu...

SCUOLA, IN VENETO STUDIARE PAGA - I giovani che conseguono una laurea o un diploma trovano lavoro più facilmente, specialmente in Veneto, r...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati poco meno di 4000 i casi notificati di AIDS in Veneto, a fronte di più di 13.00...

SANITÀ:DIVARIO STIPENDI, LA REGIONE CERCA SOLUZIONI ---- Potrebbe essere sanato il divario economico che vedrebbe i medici dell'Azienda Ospedaliera di Padova percepire compensi in...

VENETO SÌ TAV, SABATO A VERONA LA MANIFESTAZIONE  Il Veneto produttivo scende ...

PIANO TRIENNALE SICUREZZA SCUOLE, RICHIESTI FONDI La Giunta regionale del Veneto ha approvato oggi - su proposta delle assessore Elena Donazzan e Manuela Lanza...