CGIA, CON MANOVRA MONTI SONO 20 IN 12 ANNI,PER 575 MLD
news locale - 26/11/2011 15:28

 VENEZIA, 26 NOV - "Per migliorare la situazione dei nostri conti pubblici, negli ultimi 12 anni abbiamo subito 19 manovre correttive. Se aggiungiamo anche quella che si appresta a fare nei prossimi giorni il governo Monti, la dimensione economica complessiva di queste 20 finanziarie ammonta a 575,5 miliardi di euro". Lo rileva la Cgia di Mestre secondo la quale se, invece, si "analizzano gli effetti economici complessivi che gravano sulle tasche dei cittadini italiani, nel periodo compreso tra il 2000 ed il 2014, anno quest'ultimo in cui dovrebbero terminare gli effetti delle misure economiche prese in quest'ultima legislatura, ciascun italiano, al fine di correggere il nostro deficit pubblico, si sarà sobbarcato un costo totale di 6.178 euro".

La Cgia ha ricostruito, a partire dal 2000, gli effetti economici delle manovre correttive approvate dai vari Governi che si sono succeduti in questi ultimi 12 anni. "E' interessante notare - osserva il segretario Giuseppe Bortolussi - che dal 2008 le manovre correttive sono pluriennali. In pratica esplicano i loro effetti in più anni. Nel 2011, ad esempio, si sovrappongono i risultati di 10 provvedimenti presi precedentemente che producono degli effetti economici sui nostri conti pubblici per un importo totale pari a 77 miliardi di euro. Purtroppo le brutte notizie non terminano qui". "Nei prossimi anni - conclude Bortolussi - le cose non miglioreranno di molto. Anzi, nel 2013, anno in cui è previsto il pareggio di bilancio, la dimensione delle misure prese in questi ultimi anni raggiungerà il livello record di 84 miliardi di euro per un costo, finalizzato a migliorare la correzione del deficit, pari a 1.302 euro pro capite". La Cgia spiega che gli importi dei provvedimenti presi in esame in questi ultimi 12 anni sono stati rivalutati a prezzi costanti 2010. Inoltre, si è ipotizzato che la manovra economica da 25 mld che il nuovo governo Monti presenterà nelle prossime settimane sia destinata interamente alla correzione del deficit pubblico

CGIA, CON MANOVRA MONTI SONO 20 IN 12 ANNI,PER 575 MLD

 VENEZIA, 26 NOV - "Per migliorare la situazione dei nostri conti pubblici, negli ultimi 12 anni abbiamo subito 19 manovre correttive. Se aggiungiamo anche quella che si appresta a fare nei prossimi giorni il governo Monti, la dimensione economica complessiva di queste 20 finanziarie ammonta a 575,5 miliardi di euro". Lo rileva la Cgia di Mestre secondo la quale se, invece, si "analizzano gli effetti economici complessivi che gravano sulle tasche dei cittadini italiani, nel periodo compreso tra il 2000 ed il 2014, anno quest'ultimo in cui dovrebbero terminare gli effetti delle misure economiche prese in quest'ultima legislatura, ciascun italiano, al fine di correggere il nostro deficit pubblico, si sarà sobbarcato un costo totale di 6.178 euro".

La Cgia ha ricostruito, a partire dal 2000, gli effetti economici delle manovre correttive approvate dai vari Governi che si sono succeduti in questi ultimi 12 anni. "E' interessante notare - osserva il segretario Giuseppe Bortolussi - che dal 2008 le manovre correttive sono pluriennali. In pratica esplicano i loro effetti in più anni. Nel 2011, ad esempio, si sovrappongono i risultati di 10 provvedimenti presi precedentemente che producono degli effetti economici sui nostri conti pubblici per un importo totale pari a 77 miliardi di euro. Purtroppo le brutte notizie non terminano qui". "Nei prossimi anni - conclude Bortolussi - le cose non miglioreranno di molto. Anzi, nel 2013, anno in cui è previsto il pareggio di bilancio, la dimensione delle misure prese in questi ultimi anni raggiungerà il livello record di 84 miliardi di euro per un costo, finalizzato a migliorare la correzione del deficit, pari a 1.302 euro pro capite". La Cgia spiega che gli importi dei provvedimenti presi in esame in questi ultimi 12 anni sono stati rivalutati a prezzi costanti 2010. Inoltre, si è ipotizzato che la manovra economica da 25 mld che il nuovo governo Monti presenterà nelle prossime settimane sia destinata interamente alla correzione del deficit pubblico

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
CROLLANO I CONSUMI IN VENETO - "Una cifra impressionante che da sola la dice lunga sulla necessità di provvedimenti rapidi che invece tardano ad arrivare", com...

IL COMMERCIO AD ABANO SENZA TURISTI E' CRITICO - E’ una voce unanime quella de...

UN'APP PER VALORIZZARE I COMMERCIANTI DI CARMIGNANO Una App per creare un filo diretto tra commercianti, alcune categorie di professionisti e cittadini per favorire l’acquisto di...

+++RISTORANTI E ALBERGHI: PERSI 1,6 MILIARDI IN VENETO+++ A livello regionale, dopo la Lombardia e il Lazio, la più colpita è il Veneto con -1,6 miliardi di euro, ben 906.550milioni di euro in meno ...

I COMMERCIANTI DEL CAMPOSAMPIERESE NON SI ARRENDONO ---- Non si arrendono i comm...

I MERCATI RIONALI SENTONO LA CRISI ---- Sembra siano in difficoltà i commercianti dei mercati rionali. Un coro unanime ...

UTENZE RINCARATE NEL 2018, IL GAS SALIRA' ANCORA - Dopo un anno di continui aumenti nel costo delle utenze domestiche il 2019 ha in serbo un'amara sorpresa per cittadini e famiglie.

Canale: TV7 Triveneta Orari: 13:00 - 13:45 / 19:35 - 20:20 Trasmissione di attualità ed intrattenimento. Durata 45' in...

LA CRISI DEGLI ZUCCHERIFICI ARRIVA A PADOVA - Coldiretti lancia l'allarme riguardo la produzione di zucchero nostrano: 16 dei 19 stabilimenti presenti in Italia sono stati chiusi ...

RIPRESA C'È, ECCO DOVE MIGLIORARE ANCORA IL LAVORO. L'assessore al lavoro regionale, Elena Donazzan, commenta i dati Istat sugli stipendi in Veneto e suggerisc...