FALSIFICA RICETTE MEDICHE PER PROCURARSI OPPIACEI, ARRESTATO
news locale - 02/12/2011 11:12

JESOLO (VENEZIA), 2 DIC - Falsificava ricette mediche per procurarsi un farmaco a base di oppiacei con il quale sostituiva l'eroina: è l'accusa che ha fatto finire in carcere un ragazzo di 26 anni, residente a Jesolo con i genitori di 65 e 52 anni, i quali sono stati a loro volta denunciati. L'operazione è stata condotta dagli uomini del commissariato di Jesolo. Il ragazzo, esperto di informatica e di acquisti on line, già noto alle forze dell'ordine per truffa e accesso abusivo e danneggiamento di sistemi informatici, utilizzava ricette mediche autentiche (sono stati identificati due ignari medici), modificandole nelle intestazioni e nei codici per inserire un farmaco a base di oppio, prescrivibile per malati terminali di cancro. In alcuni casi, il giovane avrebbe contraffatto ricette compilate scaricate da appositi siti internet, utilizzando nomi di fantasia sia dei medici che dei pazienti. Ogni scatola del farmaco costa 54 euro: con la ricetta e il codice di esenzione viene fatta pagare al paziente circa 12 euro, mentre la quota rimanente è a carico del servizio sanitario. Il farmaco contiene 28 compresse che venivano sciolte dall'arrestato e diluite, sostituendo in toto una dose di eroina. La truffa ammonterebbe a diverse decine di migliaia di euro. I poliziotti si sono appostati davanti ad una delle farmacie del litorale di Jesolo utilizzate dal giovane e hanno atteso il suo arrivo. In sua vece si è presentato il padre, che non ha esitato a ritirare il farmaco con una ricetta contraffatta. Una successiva perquisizione nella casa della famiglia ha permesso agli investigatori di ritrovare diverse scatole del farmaco, vari grammi di droga, sostanza da taglio e bilancino di precisione.

FALSIFICA RICETTE MEDICHE PER PROCURARSI OPPIACEI, ARRESTATO

JESOLO (VENEZIA), 2 DIC - Falsificava ricette mediche per procurarsi un farmaco a base di oppiacei con il quale sostituiva l'eroina: è l'accusa che ha fatto finire in carcere un ragazzo di 26 anni, residente a Jesolo con i genitori di 65 e 52 anni, i quali sono stati a loro volta denunciati. L'operazione è stata condotta dagli uomini del commissariato di Jesolo. Il ragazzo, esperto di informatica e di acquisti on line, già noto alle forze dell'ordine per truffa e accesso abusivo e danneggiamento di sistemi informatici, utilizzava ricette mediche autentiche (sono stati identificati due ignari medici), modificandole nelle intestazioni e nei codici per inserire un farmaco a base di oppio, prescrivibile per malati terminali di cancro. In alcuni casi, il giovane avrebbe contraffatto ricette compilate scaricate da appositi siti internet, utilizzando nomi di fantasia sia dei medici che dei pazienti. Ogni scatola del farmaco costa 54 euro: con la ricetta e il codice di esenzione viene fatta pagare al paziente circa 12 euro, mentre la quota rimanente è a carico del servizio sanitario. Il farmaco contiene 28 compresse che venivano sciolte dall'arrestato e diluite, sostituendo in toto una dose di eroina. La truffa ammonterebbe a diverse decine di migliaia di euro. I poliziotti si sono appostati davanti ad una delle farmacie del litorale di Jesolo utilizzate dal giovane e hanno atteso il suo arrivo. In sua vece si è presentato il padre, che non ha esitato a ritirare il farmaco con una ricetta contraffatta. Una successiva perquisizione nella casa della famiglia ha permesso agli investigatori di ritrovare diverse scatole del farmaco, vari grammi di droga, sostanza da taglio e bilancino di precisione.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Verona | Lo avevano già graziato una volta, quando invece di finire in carcere assieme ai suoi cinq...

E' stato arrestato dai carabinieri di Venezia, al confine tra l'Albania e la Grecia, un albanese di ...

Padova- Il Dr. Pasquale Aversa nuovo commissario prefettizio di Abano rassicura la comunità termale. Sono ore di preoccupazione per il comm...

Abano- Alle 06.15 di questa mattina gli agenti della Guardia di Finanza di Padova hanno esguito un mandato di custodia cautelare in carcere nei confronti di Luca Claudio. Le accuse...

Gli agenti della Squadra Mobile di Padova hanno arrestato il malvivente che il 22 aprile era salito su un taxi in zona Stanga fingendosi cliente, per poi aggred...

Padova- Operazione investigativa dei Carabinieri sul territorio a contrasto della vendita di sostanze stupefacenti. Dopo vari appostamenti e pedinamenti i milit...

Una serie di incendi boschivi si erano verificati nel territorio del Parco dei Colli Euganei prima di Ferragosto, in particolare nella zona di Arquà Petrarca, danneggiando la rise...

Padova - La Squadra Mobile di Padova ha arrestato un borseggiatore seriale con alle spalle13 capi d'imputazione. Ricci Fiore, puntava anzian...

Padova- Era stato scarcerato proprio ieri, mercoledì 15.04.15 dalla casa circon...

Villafranca Padovana- Arrestato dai carabinieri, un 43enne rumeno in flagranza di reato con reiterazione di reato per maltrattamenti e minacce di morte alla famiglia. I fatti ris...