PALAZZO A REGIONE VENETO, FASCICOLO CORTE CONTI SU VENDITA
news locale - 15/02/2012 11:21

VENEZIA, 15 FEB - La Corte dei Conti ha aperto un fascicolo sulla compravendita a Venezia dell'ex palazzo compartimentale delle Ferrovie, acquistato nel 2007 dalla Regione Veneto per farne la sua nuova sede. L'indagine, come riporta la Nuova Venezia, vuole accertare se il prezzo pagato per l'immobile - 64,9 milioni di euro per i 19.250 metri quadri del palazzo e 4,6 per i 2 mila dei magazzini retrostanti - sia stato equo o vi sia stato un danno per l'erario. A vendere i livelli superiori dell'edificio è stata Grandi Stazioni con la mediazione del manager Gian Michele Gambato, oggi presidente di Sistemi Territoriali, che ha sempre sottolineato come proprio l'Agenzia delle Entrate certificò, insieme ad altri periti, la congruità del prezzo pattuito. Le verifiche riguardano, in particolare, la differenza tra la stima iniziale sul valore dell'intero immobile e il prezzo finale pagato dalla Regione Veneto per i piani superiori: l'edificio è stato infatti ceduto nel 2001 da Ferrovie dello Stato a Grandi Stazioni per 35 miliardi di lire, per poi raddoppiare di prezzo nell'arco di sei anni, pur a fronte di lavori di ristrutturazione. L'indagine contabile dovrà anche fare chiarezza sulla legittimità della maxi parcella pagata da Grandi Stazioni a Gambato.

PALAZZO A REGIONE VENETO, FASCICOLO CORTE CONTI SU VENDITA

VENEZIA, 15 FEB - La Corte dei Conti ha aperto un fascicolo sulla compravendita a Venezia dell'ex palazzo compartimentale delle Ferrovie, acquistato nel 2007 dalla Regione Veneto per farne la sua nuova sede. L'indagine, come riporta la Nuova Venezia, vuole accertare se il prezzo pagato per l'immobile - 64,9 milioni di euro per i 19.250 metri quadri del palazzo e 4,6 per i 2 mila dei magazzini retrostanti - sia stato equo o vi sia stato un danno per l'erario. A vendere i livelli superiori dell'edificio è stata Grandi Stazioni con la mediazione del manager Gian Michele Gambato, oggi presidente di Sistemi Territoriali, che ha sempre sottolineato come proprio l'Agenzia delle Entrate certificò, insieme ad altri periti, la congruità del prezzo pattuito. Le verifiche riguardano, in particolare, la differenza tra la stima iniziale sul valore dell'intero immobile e il prezzo finale pagato dalla Regione Veneto per i piani superiori: l'edificio è stato infatti ceduto nel 2001 da Ferrovie dello Stato a Grandi Stazioni per 35 miliardi di lire, per poi raddoppiare di prezzo nell'arco di sei anni, pur a fronte di lavori di ristrutturazione. L'indagine contabile dovrà anche fare chiarezza sulla legittimità della maxi parcella pagata da Grandi Stazioni a Gambato.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy