CARTELLO NO INGRESSO A ZINGARI, MESSO DA COMMESSA MAROCCHINA
news locale - 21/02/2012 11:22

VICENZA, 21 FEB - Candidamente, e lo scrive anche nel cartello, dice di non essere mossa da intenti razzisti, ma non è passato inosservato il foglio arancione esposto, a Vicenza, da una commessa di origini marocchine in vetrina con la scritta "vietato entrare ai zingari". Un divieto, al di là dell'errore grammaticale di quel 'ai', accompagnato da una lunga spiegazione preliminare - "siamo spiacenti: ma per maleducazione e non rispetto delle regole, e numerosi furti.." - e una postilla: "non per razzismo". Il piccolo cartello è stato sistemato in una delle vetrine di un piccolo bazar appena sopra un enorme manifesto con la classica scritta "svendita totale". "L'ho messo io quel cartello, qualche giorno fa", dice la commessa al Giornale di Vicenza, indicando che il titolare che passa raramente "mi ha consigliato di toglierlo, perché dice che così rischio solo guai". Poi la spiegazione: "gli zingari passano sempre di qua, entrano in otto o dieci o anche di più: sono sempre gli stessi e hanno sempre dei bambini con loro, che vanno in giro per il bazar". Io non riesco a controllarli e poi, ogni volta, è sempre la stessa storia: rubano". "So che questo è un luogo aperto al pubblico e so cosa può pensare la gente. Ma no - rileva -, non sono razzista; l'ho anche scritto. Sono marocchina, vivo qui da 12 anni e so che esistono le regole e io le rispetto. Non sono razzista ma le regole devono valere per tutti. Sennò non dite a me che tratto qualcuno in maniera diversa". A fine marzo, intanto, vista la crisi, il piccolo bazar dovrebbe chiudere.

CARTELLO NO INGRESSO A ZINGARI, MESSO DA COMMESSA MAROCCHINA

VICENZA, 21 FEB - Candidamente, e lo scrive anche nel cartello, dice di non essere mossa da intenti razzisti, ma non è passato inosservato il foglio arancione esposto, a Vicenza, da una commessa di origini marocchine in vetrina con la scritta "vietato entrare ai zingari". Un divieto, al di là dell'errore grammaticale di quel 'ai', accompagnato da una lunga spiegazione preliminare - "siamo spiacenti: ma per maleducazione e non rispetto delle regole, e numerosi furti.." - e una postilla: "non per razzismo". Il piccolo cartello è stato sistemato in una delle vetrine di un piccolo bazar appena sopra un enorme manifesto con la classica scritta "svendita totale". "L'ho messo io quel cartello, qualche giorno fa", dice la commessa al Giornale di Vicenza, indicando che il titolare che passa raramente "mi ha consigliato di toglierlo, perché dice che così rischio solo guai". Poi la spiegazione: "gli zingari passano sempre di qua, entrano in otto o dieci o anche di più: sono sempre gli stessi e hanno sempre dei bambini con loro, che vanno in giro per il bazar". Io non riesco a controllarli e poi, ogni volta, è sempre la stessa storia: rubano". "So che questo è un luogo aperto al pubblico e so cosa può pensare la gente. Ma no - rileva -, non sono razzista; l'ho anche scritto. Sono marocchina, vivo qui da 12 anni e so che esistono le regole e io le rispetto. Non sono razzista ma le regole devono valere per tutti. Sennò non dite a me che tratto qualcuno in maniera diversa". A fine marzo, intanto, vista la crisi, il piccolo bazar dovrebbe chiudere.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy