COOPERATIVE: MARINO, RISCHIANO RITORNO A ETA' DEL FERRO
news locale - 15/03/2012 11:11

VENEZIA, 15 MAR - Anche le cooperative italiane hanno iniziato a risentire pesantemente della crisi globale. Per Luigi Marino, presidente dell'Alleanza italiana delle cooperative, ospite della conferenza internazionale 'Promoting the understanding of cooperatives for a better world', le cooperative "vengono dall'età dell'oro, fatta di dieci anni di grossa crescita, fino al 2010. Ma, non essendo fuori dal mondo, già dal 2011 il fattore anticiclico tipico delle cooperative si sta esaurendo e il rischio è quello di cadere nell'età 'del ferro', saltando anche quella dell"argentò". Marino ha quindi approfondito la riflessione, ricordando che il sistema della cooperazione "in questi anni ha sacrificato gli utili per mantenere l'occupazione, ma, avendo gli stessi problemi delle altre imprese, adesso non può andare oltre". "I temi principali da affrontare per le cooperative, come per le altre imprese - ha proseguito - sono quelli della produttività e della capitalizzazione e del dimensionamento delle imprese, che risultano ancora troppo ridotte nel nostro Paese. Bisogna quindi favorire la crescita delle imprese e non bloccarla, imprimendo più internazionalizzazione e più managerialità". Quanto ai problemi che bloccano lo sviluppo, Marino ha richiamato due questioni generali. "Il primo è quello dell' accesso al credito, che si sbloccherà con la moratoria, ma che necessita di misure più incisive, visto che, senza il ritorno a un sistema di credito 'normale', la ripresa non è possibile. Il secondo riguarda i ritardi nei pagamenti delle pubbliche amministrazioni: un atto non da codice civile, ma da codice penale, pensando ai 300 giorni di ritardo italiani, confrontati ai 40 tedeschi, ai 70 francesi, ma anche i 150 di Grecia e Portogallo. E' un problema che Stato ed enti locali devono assolutamente risolvere, altrimenti le imprese italiane resteranno il tesoriere occulto delle pubbliche amministrazioni".

COOPERATIVE: MARINO, RISCHIANO RITORNO A ETA' DEL FERRO

VENEZIA, 15 MAR - Anche le cooperative italiane hanno iniziato a risentire pesantemente della crisi globale. Per Luigi Marino, presidente dell'Alleanza italiana delle cooperative, ospite della conferenza internazionale 'Promoting the understanding of cooperatives for a better world', le cooperative "vengono dall'età dell'oro, fatta di dieci anni di grossa crescita, fino al 2010. Ma, non essendo fuori dal mondo, già dal 2011 il fattore anticiclico tipico delle cooperative si sta esaurendo e il rischio è quello di cadere nell'età 'del ferro', saltando anche quella dell"argentò". Marino ha quindi approfondito la riflessione, ricordando che il sistema della cooperazione "in questi anni ha sacrificato gli utili per mantenere l'occupazione, ma, avendo gli stessi problemi delle altre imprese, adesso non può andare oltre". "I temi principali da affrontare per le cooperative, come per le altre imprese - ha proseguito - sono quelli della produttività e della capitalizzazione e del dimensionamento delle imprese, che risultano ancora troppo ridotte nel nostro Paese. Bisogna quindi favorire la crescita delle imprese e non bloccarla, imprimendo più internazionalizzazione e più managerialità". Quanto ai problemi che bloccano lo sviluppo, Marino ha richiamato due questioni generali. "Il primo è quello dell' accesso al credito, che si sbloccherà con la moratoria, ma che necessita di misure più incisive, visto che, senza il ritorno a un sistema di credito 'normale', la ripresa non è possibile. Il secondo riguarda i ritardi nei pagamenti delle pubbliche amministrazioni: un atto non da codice civile, ma da codice penale, pensando ai 300 giorni di ritardo italiani, confrontati ai 40 tedeschi, ai 70 francesi, ma anche i 150 di Grecia e Portogallo. E' un problema che Stato ed enti locali devono assolutamente risolvere, altrimenti le imprese italiane resteranno il tesoriere occulto delle pubbliche amministrazioni".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
MATTARELLA: AIUTIAMO DISABILI E ANZIANI - In seguito al messaggio del Capo dello Stato Sergio Mattarella giunto in occasione della Giornata internazionale per i...

Il Comune di Padova con il progetto “Insieme per crescere” è tra i vincitori del Bando Nazionale Prima Infanzia. Il progetto, in parternariato con 16 sogge...

La Provincia di Padova con il Centro Servizio Volontariato del territorio, danno...

Tensione davanti al comune di Padova dopo che la Polizia ha fatto sgomberare que...

Tv7 Match del 13/01/2017 - SE QUESTA è ACCOGLIENZA Ospiti: -SARA MORETTO, on. PD – Commissione I...

Tv7 Match del 30/09/2016 - Se questa è accoglienza Ospiti: -VANESSA CAMANI,on. Partito Democratico -FLAVIO MANZOLINI,Fare! Lista Tosi (Abano Terme) -Prof. ERMANNO CHASEN,Editore GruppoTV7 -STEFANO F...

E' stata presentata  in Comune a Padova la prima edizione del festival Show dell'agricoltura, un'evento interamente dedicato all'agricoltura in tutti i suoi molteplici aspetti. Sa...

Padova- Preoccupa l'atteso ok della Prefettura per l'assegnazione del nuovo bando per la gestione accoglienza migranti, caserme Prandina...

L'inizio dell'anno si apre con bando della Prefettura di Padova che prevede una spesa complessiva di 20 milioni e 900 mila euro per l'accoglienza dei migranti,...

Contrastare l'illegalità e il criterio del massimo ribasso nell'affidamento dei...