CHIESA: PATRIARCA VENEZIA, SI PONE DENTRO LA STORIA
news locale - 23/03/2012 11:58

VENEZIA, 23 MAR - "Carissimi, certamente per molti la venuta del nuovo patriarca segna il compiersi di un'attesa e rappresenta un momento di grazia al quale, da tempo, si stanno preparando anche spiritualmente; per altri, invece, questo fatto rientra probabilmente fra gli eventi che li lasciano in parte o del tutto indifferenti": lo scrive il patriarca eletto di Venezia, mons. Francesco Moraglia, alla vigilia del suo ingresso nella diocesi dove è stato nominato a succedere al card. Angelo Scola, divenuto arcivescovo di Milano. "Si tratta, e non solo, di stati d'animo diversi che fotografano il nostro tempo e, perché no, la nostra città che, da sempre, in modo unico, svolge la funzione di ponte fra Oriente e Occidente e, quindi, si qualifica ed esprime in pluriformità e pluralità di pensiero. La Chiesa, oggi - rileva mons. Moraglia, nell'intervento pubblicato dalla stampa locale -, è sempre più consapevole del pluralismo che contrassegna il contesto culturale al quale è mandata; infatti, gli uomini e le donne a cui essa si riferisce, esprimono - in modo particolare - l'orizzonte multicolore e cangiante delle città del nostro tempo. E' una Chiesa che si pone dentro la storia, ne accetta la complessità e, vedendone la frammentarietà, offre le ragioni della sua speranza: una Chiesa per il mondo e, proprio per questo, non del mondo". "In una tale situazione - certamente stimolante - nulla può esser più dato per scontato; è necessario, allora - sottolinea -, guadagnarsi la fiducia delle persone e, tale fiducia, si lega alla testimonianza a cui sono chiamati gli uomini e le donne di Chiesa sia verso la società civile sia quella politica. Nello stesso tempo, ben radicata nel Signore risorto, la Chiesa oggi, più che mai, desidera annunciare alla città e agli uomini che la abitano, il senso del Dio di Gesù Cristo - con tutto quello che ciò comporta - e il valore e il realismo di un'antropologia che afferma la centralità dell'uomo, voluto nella sua concretezza e che viene prima d'ogni altra realtà culturale, sociale, economica. Così, entrando in diocesi, il nuovo patriarca compie il gesto simbolico - ma simbolo non significa finzione - di bussare alla porta di tutti gli uomini e donne di buona volontà: credenti e non credenti, perché il saluto, insieme a una parola di vicinanza, e possibilmente d'amicizia, sono l'inizio di tante cose che, al momento, risultano umanamente imprevedibili; talune fratture, all'origine, nascono non da ostilità preconcetta ma dal semplice ignorarsi reciproco. E il nuovo patriarca, proprio perché è mandato e non viene di sua iniziativa, può dire con forza e serenità: non sono qui da me, non sono qui per me; così per colui che è inviato, dove né la carne né il sangue lo avrebbero mai condotto, si aprono grandi spazi di libertà. Tante, troppe, sono le situazioni di precarietà a cui sono consegnati i nostri giovani e non solo loro; qui, in modo particolare, voglio dire la mia personale vicinanza ai tanti lavoratori in difficoltà e alle loro famiglie". "In questi giorni, con insistenza - rileva poi mons. Moraglia -, mi tornano alla mente le parole che, a Corinto, il Signore rivolse all'apostolo Paolo: "Non aver paura perché ho un popolo numeroso in questa città" (At 18,9-10). Proprio alla luce di queste parole, ai credenti e ai non credenti, a chi appartiene alle differenti confessioni cristiane, a chi divide con noi la fede d'Abramo e a chi professa altre fedi, dico il desiderio grande d'incontrarvi e, come fratello, tendo la mano".

CHIESA: PATRIARCA VENEZIA, SI PONE DENTRO LA STORIA

VENEZIA, 23 MAR - "Carissimi, certamente per molti la venuta del nuovo patriarca segna il compiersi di un'attesa e rappresenta un momento di grazia al quale, da tempo, si stanno preparando anche spiritualmente; per altri, invece, questo fatto rientra probabilmente fra gli eventi che li lasciano in parte o del tutto indifferenti": lo scrive il patriarca eletto di Venezia, mons. Francesco Moraglia, alla vigilia del suo ingresso nella diocesi dove è stato nominato a succedere al card. Angelo Scola, divenuto arcivescovo di Milano. "Si tratta, e non solo, di stati d'animo diversi che fotografano il nostro tempo e, perché no, la nostra città che, da sempre, in modo unico, svolge la funzione di ponte fra Oriente e Occidente e, quindi, si qualifica ed esprime in pluriformità e pluralità di pensiero. La Chiesa, oggi - rileva mons. Moraglia, nell'intervento pubblicato dalla stampa locale -, è sempre più consapevole del pluralismo che contrassegna il contesto culturale al quale è mandata; infatti, gli uomini e le donne a cui essa si riferisce, esprimono - in modo particolare - l'orizzonte multicolore e cangiante delle città del nostro tempo. E' una Chiesa che si pone dentro la storia, ne accetta la complessità e, vedendone la frammentarietà, offre le ragioni della sua speranza: una Chiesa per il mondo e, proprio per questo, non del mondo". "In una tale situazione - certamente stimolante - nulla può esser più dato per scontato; è necessario, allora - sottolinea -, guadagnarsi la fiducia delle persone e, tale fiducia, si lega alla testimonianza a cui sono chiamati gli uomini e le donne di Chiesa sia verso la società civile sia quella politica. Nello stesso tempo, ben radicata nel Signore risorto, la Chiesa oggi, più che mai, desidera annunciare alla città e agli uomini che la abitano, il senso del Dio di Gesù Cristo - con tutto quello che ciò comporta - e il valore e il realismo di un'antropologia che afferma la centralità dell'uomo, voluto nella sua concretezza e che viene prima d'ogni altra realtà culturale, sociale, economica. Così, entrando in diocesi, il nuovo patriarca compie il gesto simbolico - ma simbolo non significa finzione - di bussare alla porta di tutti gli uomini e donne di buona volontà: credenti e non credenti, perché il saluto, insieme a una parola di vicinanza, e possibilmente d'amicizia, sono l'inizio di tante cose che, al momento, risultano umanamente imprevedibili; talune fratture, all'origine, nascono non da ostilità preconcetta ma dal semplice ignorarsi reciproco. E il nuovo patriarca, proprio perché è mandato e non viene di sua iniziativa, può dire con forza e serenità: non sono qui da me, non sono qui per me; così per colui che è inviato, dove né la carne né il sangue lo avrebbero mai condotto, si aprono grandi spazi di libertà. Tante, troppe, sono le situazioni di precarietà a cui sono consegnati i nostri giovani e non solo loro; qui, in modo particolare, voglio dire la mia personale vicinanza ai tanti lavoratori in difficoltà e alle loro famiglie". "In questi giorni, con insistenza - rileva poi mons. Moraglia -, mi tornano alla mente le parole che, a Corinto, il Signore rivolse all'apostolo Paolo: "Non aver paura perché ho un popolo numeroso in questa città" (At 18,9-10). Proprio alla luce di queste parole, ai credenti e ai non credenti, a chi appartiene alle differenti confessioni cristiane, a chi divide con noi la fede d'Abramo e a chi professa altre fedi, dico il desiderio grande d'incontrarvi e, come fratello, tendo la mano".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Tutto è pronto per la quaresima 2021, tempo di preparazione alla Pasqua, propizio alla conversione, alla preghiera, all...

CHIESA E SCANDALI, LA VOCE DEI PADOVANI - Il rapporto tra Chiesa e fedeli negli ultimi anni sembra essersi incrinato, nel padovano e non sol...

ABUSI SESSUALI ALIMENTANO LA CRISI DELLA CHIESA "Gli abusi sessuali, commessi da alcuni membri del ...

ABORTO: PAPA FRANCESCO APRE IL PERDONO. Ogni prete può assolvere il peccato d'aborto: Papa Bergoglio apre il perdono a tutti i pentiti che hanno contribuito all'interruzione volo...

Tv7 Match del 22/01/2016 - La cosca dei furbetti - Da homo sapiens o omosex Osp...

Tv7 Match del 27/11/2015 - NON NOMINARE NOME DIO INVANO Ospiti: -FILIPPOMARIA PONTANI -MASSIMO KHAIRALLAH -FEDERICO D'INCA' -Prof. ERMANNO CHASEN -FABRIZIO ZAM...

 "Valeria, i tuoi assassini hanno fallito perché non sono riusciti a instillare l'odio in noi e oggi siamo tutti qui per te". Lo ha detto parlando ai funerali...

Mestre (Ve)- Sembra quasi che si sia creata una povertà di serie A e B nel nostro Paese. L'arrivo della marea umana di migranti ha messo d...

Francesco Moraglia non ha dubbi: "Chi è contro l’accoglienza non può dirsi c...

Dopo l'apparizione di Papa Francesco in un negozio di ottica in centro a Roma, d...