SANITA':COLETTO,TEMPI PAGAMENTO ULSS LUNGHI MA SARA' RISOLTA
news locale - 28/03/2012 12:36

VENEZIA, 28 MAR - "I creditori hanno ragione, perché i tempi di pagamento delle Ulss sono ancora decisamente troppo lunghi, ma si tratta di una situazione che verrà risolta, seppur progressivamente, e che stiamo affrontando sin dal nostro insediamento quando, facendo il quadro della situazione, si è palesata questa difficoltà". Lo sottolinea l'assessore regionale alla sanità del Veneto Luca Coletto in relazione alla protesta dei fornitori delle Ulls per il ritardo nei pagamenti delle forniture. "Si tratta - dice l'assessore - di evitare che le aziende utilizzino il proprio fondo di spesa corrente per finanziare gli investimenti ed in questo senso, grazie all'accordo sugli ammortamenti non sterilizzati stretto con il Ministero delle Finanze, da quest'anno inizierà un flusso di circa 100 milioni di euro finalizzato proprio a ricostituire la capacità del fondo di spesa corrente (Lea), che avrà come effetto quello di rendere disponibili risorse da utilizzare per i pagamenti". "Un ulteriore beneficio - aggiunge l'assessore - arriverà dalla costituzione del fondo investimenti per la sanità che stiamo per varare e che metterà a disposizione ulteriori risorse da destinare agli investimenti e da affiancare a quelli statali , ex art. 20, sempre più esigui, evitando quindi che le Ulss impieghino il finanziamento della spesa corrente per gli investimenti invece di pagare i creditori. E' un cammino pluriennale - conclude l'assessore - che però produrrà mano a mano sempre più effetti virtuosi, andando a migliorare l'attuale situazione di ritardo nei pagamenti creatasi negli anni".

SANITA':COLETTO,TEMPI PAGAMENTO ULSS LUNGHI MA SARA' RISOLTA

VENEZIA, 28 MAR - "I creditori hanno ragione, perché i tempi di pagamento delle Ulss sono ancora decisamente troppo lunghi, ma si tratta di una situazione che verrà risolta, seppur progressivamente, e che stiamo affrontando sin dal nostro insediamento quando, facendo il quadro della situazione, si è palesata questa difficoltà". Lo sottolinea l'assessore regionale alla sanità del Veneto Luca Coletto in relazione alla protesta dei fornitori delle Ulls per il ritardo nei pagamenti delle forniture. "Si tratta - dice l'assessore - di evitare che le aziende utilizzino il proprio fondo di spesa corrente per finanziare gli investimenti ed in questo senso, grazie all'accordo sugli ammortamenti non sterilizzati stretto con il Ministero delle Finanze, da quest'anno inizierà un flusso di circa 100 milioni di euro finalizzato proprio a ricostituire la capacità del fondo di spesa corrente (Lea), che avrà come effetto quello di rendere disponibili risorse da utilizzare per i pagamenti". "Un ulteriore beneficio - aggiunge l'assessore - arriverà dalla costituzione del fondo investimenti per la sanità che stiamo per varare e che metterà a disposizione ulteriori risorse da destinare agli investimenti e da affiancare a quelli statali , ex art. 20, sempre più esigui, evitando quindi che le Ulss impieghino il finanziamento della spesa corrente per gli investimenti invece di pagare i creditori. E' un cammino pluriennale - conclude l'assessore - che però produrrà mano a mano sempre più effetti virtuosi, andando a migliorare l'attuale situazione di ritardo nei pagamenti creatasi negli anni".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
INFLUENZA STAGIONALE: MIGLIORAMENTI IN VISTA - Per quanto concerne la sanità in Veneto, oltre al Co...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali veneti non inficierann...

INFLUENZA, NUOVO REPORT DALLA REGIONE - 13.500 casi nella prima settimana dell'anno, con un totale stagionale che arriva...

INFLUENZA, IN VENETO INCIDENZA BASSA - 51.200 sono i casi registrati di influenza in Veneto, pari a un'incidenza di 1,93 casi ogni mille residenti, e cioè quasi la metà rispetto ...

BISNONNA ELENA DONA RENI E FEGATO A 93 ANNI - Un gesto di estremo altruismo quello compiuto da una bisnonna novantatreenne padovana, venuta a mancare improvvisamente, che ha donat...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma de...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati poco meno di 4000 i casi notificati di AIDS in Veneto, a fro...

120 dipendenti dell'Ulss 6 Euganea hanno dato una grande lezione di umanità e c...

Martedì 25 giugno l’Azienda Ospedaliera di Padova inizierà a ricevere 600 nu...

COSÌ L'AUTONOMIA POTREBBE AIUTARE LA SANITÀ VENETA Tra i tanti punti che il Veneto intende chiedere a Roma nel pacchetto dell'autonomia, c'è ovviamente anche l'aspetto legato a cordoni più larghi...