MOSTRE: VENEZIA, 'NUOVO' CAMPANILE SAN MARCO HA CENT'ANNI
news locale - 23/04/2012 13:13

VENEZIA, 23 APR - La mattina del 14 luglio 1902 un grande boato scosse Venezia: una nube di polvere accecante si sollevò in Piazza San Marco, poi l'oscurità. L'antico Campanile di San Marco si accasciò su se stesso seppellendo la Loggetta del Sansovino e aprendo uno squarcio all'angolo orientale delle Procuratie Nuove. Si parlò di miracolo perché il Campanile, da galantomo, non aveva provocato, cadendo, nessun morto, nessun ferito. Quella stessa sera il Consiglio Comunale, presieduto dal sindaco Filippo Grimani, deliberò la riedificazione del Campanile "com'era e dov'era". Nel centesimo anniversario della ricostruzione del Campanile di San Marco la Cassa di Risparmio di Venezia, l'Ateneo Veneto e la Fondazione Musei Civici di Venezia hanno voluto apportare il loro contributo realizzando la mostra "Il Campanile di San Marco 1902-1912. Dalla caduta alla ricostruzione" che, attraverso fotografie, cartoline, reperti e giornali d'epoca documenta tutte le fasi della vicenda, da prima del crollo al ritorno in Piazza del "paron de casa". Nel salone della Cassa di Risparmio di Campo San Luca, a Venezia, saranno esposte da domani fino al 25 maggio una sessantina di stampe alla gelatina provenienti dalle collezioni della Fondazione Musei Civici di Venezia, conservate presso il Museo Fortuny. Nelle vetrine al centro della sala saranno invece collocati alcuni preziosi reperti, come frammenti di mattoni, riviste e giornali dell'epoca, medaglie commemorative, francobolli e cartoline provenienti dalla collezione personale di Alberto Toso Fei. Sempre attento alle storie e alle leggende di Venezia, lo scrittore veneziano ha posto ultimamente la sua attenzione sulla vicenda della rinascita del Campanile ed ha voluto accompagnare l'esposizione al pubblico dei cimeli collezionati con un suo breve scritto che narra alcuni aneddoti e curiosità dal sapor di leggenda che ruotano attorno al crollo.

MOSTRE: VENEZIA, 'NUOVO' CAMPANILE SAN MARCO HA CENT'ANNI

VENEZIA, 23 APR - La mattina del 14 luglio 1902 un grande boato scosse Venezia: una nube di polvere accecante si sollevò in Piazza San Marco, poi l'oscurità. L'antico Campanile di San Marco si accasciò su se stesso seppellendo la Loggetta del Sansovino e aprendo uno squarcio all'angolo orientale delle Procuratie Nuove. Si parlò di miracolo perché il Campanile, da galantomo, non aveva provocato, cadendo, nessun morto, nessun ferito. Quella stessa sera il Consiglio Comunale, presieduto dal sindaco Filippo Grimani, deliberò la riedificazione del Campanile "com'era e dov'era". Nel centesimo anniversario della ricostruzione del Campanile di San Marco la Cassa di Risparmio di Venezia, l'Ateneo Veneto e la Fondazione Musei Civici di Venezia hanno voluto apportare il loro contributo realizzando la mostra "Il Campanile di San Marco 1902-1912. Dalla caduta alla ricostruzione" che, attraverso fotografie, cartoline, reperti e giornali d'epoca documenta tutte le fasi della vicenda, da prima del crollo al ritorno in Piazza del "paron de casa". Nel salone della Cassa di Risparmio di Campo San Luca, a Venezia, saranno esposte da domani fino al 25 maggio una sessantina di stampe alla gelatina provenienti dalle collezioni della Fondazione Musei Civici di Venezia, conservate presso il Museo Fortuny. Nelle vetrine al centro della sala saranno invece collocati alcuni preziosi reperti, come frammenti di mattoni, riviste e giornali dell'epoca, medaglie commemorative, francobolli e cartoline provenienti dalla collezione personale di Alberto Toso Fei. Sempre attento alle storie e alle leggende di Venezia, lo scrittore veneziano ha posto ultimamente la sua attenzione sulla vicenda della rinascita del Campanile ed ha voluto accompagnare l'esposizione al pubblico dei cimeli collezionati con un suo breve scritto che narra alcuni aneddoti e curiosità dal sapor di leggenda che ruotano attorno al crollo.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Il Carnevale 2021 giungerà al termine domani con il Martedì grasso. Una festa che quest’anno è stata differente dagli scorsi anni: sono mancate le maschere variopinte, i coriandoli colorati, le s...

Per Venezia il lungo 2020 della pandemia ha significato la quasi totale debacle del settore alberghiero. Le imprese che lavorano nella ricettività hanno subito un calo medio del fatturato di circa 85...

In attesa di poter ritornare a festeggiare la stagione del Carnevale, come da tradizione, Venezia quest’anno offre un’esperienza alternativa al tradizionale...

Con il Veneto tornato in zona gialla, sono stati riaperti i musei anche a Padova. Un segno di speranza dopo una chiusura durata tre mesi che Palazzo Moroni vuole sottolineare agev...

BRUGNARO FA IL BILANCIO DEL 2020 DI VENEZIA - Come da tradizione il Sindaco Brugnano ha tenuto la conferenza stampa di fine anno proponendo un bilancio dell'anno trascorso. L'inco...

DOPO LE POLEMICHE, MOSE SU PER TRE GIORNI - L'8 dicembre le previsioni, rivelatesi poi errate, non avevano fatto scattar...

TARI, CIMP e COSAP: RINVIATE LE SCADENZE A VENEZIA - Arriva il sostegno tanto atteso dai Veneziani. Dopo le disavventure...

CARNEVALE, WEEKEND DI EVENTI A PADOVA E VENEZIA - Dal Volo dell'aquila in piazza San Marco alla grande sfilata dei carri...

VENEZIA, WEEKEND DI CARNEVALE CON VOLO DELL'ANGELO - Entra nel vivo il carnevale di Venezia, con il tradizionale volo dell'angelo di domenica e tutti gli altri eventi del weekend. 

COMMERCIANTI A VENEZIA, IL DOPO ACQUA GRANDA - A tre mesi dalla seconda marea più alta della storia, siamo tornati a Venezia per capire l'...