ALPINI 2012: A 98 ANNI TORNA A BOLZANO, DOVE FU ARRESTATO
news locale - 10/05/2012 12:23

BOLZANO, 10 MAG - Sarà probabilmente uno degli alpini più anziani all'adunata nazionale, in programma questo fine settimana a Bolzano. A 98 anni Cristiano Dal Pozzo, di Rotzo sull'Altopiano di Asiago, tornerà per la prima volta nelle città, nella quale nel 1943 fu arrestato e deportato in Austria. Dopo 69 anni si appresta a fare pace con Bolzano. "Lì venni arrestato e fatto prigioniero dopo l'8 settembre del 1943. Fui internato poi dai tedeschi in un campo di concentramento in Austria, costretto a lavorare in fonderia ai carri armati Leopard", racconta Dal Pozzo al Giornale di Vicenza. Per due anni e mezzo è sopravvissuto "alla fame e alle pulci". In un primo momento voleva disertare l'adunata di Bolzano, poi ha cambiato idea. "Mi hanno spiegato - dice al giornale - che Bolzano accoglierà a braccia aperte gli alpini. Spero proprio sia così". "Sento che la mia presenza serve a mantenere viva la memoria", aggiunge. Il suo ricordo va lontano: "Nel '35 a noi giovani ci riempivano la testa dicendoci che avremmo visto cose grandi e fondato un impero. Invece, oltre ad essere stati ingannati, abbiamo massacrato un popolo'', afferma il veterano.

ALPINI 2012: A 98 ANNI TORNA A BOLZANO, DOVE FU ARRESTATO

BOLZANO, 10 MAG - Sarà probabilmente uno degli alpini più anziani all'adunata nazionale, in programma questo fine settimana a Bolzano. A 98 anni Cristiano Dal Pozzo, di Rotzo sull'Altopiano di Asiago, tornerà per la prima volta nelle città, nella quale nel 1943 fu arrestato e deportato in Austria. Dopo 69 anni si appresta a fare pace con Bolzano. "Lì venni arrestato e fatto prigioniero dopo l'8 settembre del 1943. Fui internato poi dai tedeschi in un campo di concentramento in Austria, costretto a lavorare in fonderia ai carri armati Leopard", racconta Dal Pozzo al Giornale di Vicenza. Per due anni e mezzo è sopravvissuto "alla fame e alle pulci". In un primo momento voleva disertare l'adunata di Bolzano, poi ha cambiato idea. "Mi hanno spiegato - dice al giornale - che Bolzano accoglierà a braccia aperte gli alpini. Spero proprio sia così". "Sento che la mia presenza serve a mantenere viva la memoria", aggiunge. Il suo ricordo va lontano: "Nel '35 a noi giovani ci riempivano la testa dicendoci che avremmo visto cose grandi e fondato un impero. Invece, oltre ad essere stati ingannati, abbiamo massacrato un popolo'', afferma il veterano.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
10/05/2012 L'AUTORIMOZIONE DELL'AMIANTO Moreno Boschello, Ass. per le Polit...