SANITA': TETTO SPESA PRIVATI; COLETTO, NON VEDO CATASTROFI
news locale - 16/05/2012 12:29

VENEZIA, 16 MAG - L'assessore veneto alla sanità Luca Coletto ha rilevato che i tetti di spesa 2012 per il privato convenzionato "hanno avuto una decurtazione di circa 9 milioni di euro sull'assistenza ospedaliera, compensati da un aumento di circa 5 sulla specialistica ambulatoriale e da una riserva di 4 milioni per acquisto di prestazioni da parte delle Ulss su autorizzazione della Giunta. Non vedo catastrofi all'orizzonte, ma una prospettiva di razionale equilibrio e considero improprio sventolare ipotetici licenziamenti facendo così leva sull'allarme sociale tra i lavoratori". Coletto lo ha rilevato rispondendo alle polemiche sulla determinazione dei tetti di spesa della sanità privata convenzionata fissati ieri dalla Giunta veneta. "Quanto ai ricoveri - ha aggiunto l'assessore - ne abbiamo riconosciuti 87.228, con una diminuzione, da considerarsi fisiologica, stante che molte prestazioni prima erogate in regime di ricovero sono state autorizzate nell'ambulatoriale (cosa resa possibile dai progressi della medicina) che, non a caso, ha visto aumentare il budget di circa 5 milioni. Non dimentichiamo poi che il tasso dei ricoveri al 140 per mille abitanti va rispettato per legge, sia dal pubblico che dal privato convenzionato". "Forse - ha proseguito l'esponente di palazzo Balbi - non si coglie appieno la difficoltà generale del momento e l'imperativo categorico di ottimizzare l'uso delle risorse. Il pubblico lo sta facendo ed il privato, che ne ha tutte le capacità, non può essere da meno". Quanto alle presunte disparità tra struttura e struttura, "mi limito a ricordare - ha concluso Coletto - che i criteri seguiti per l'assegnazione dei fondi sono del tutto oggettivi. Non capisco come si sarebbero potute creare delle penalizzazioni utilizzando (per tutti) l'analisi dei volumi di attività complessivi assegnati ad ogni singolo erogatore nel 2010 e nel 2011, il tasso di ospedalizzazione al 140 per mille abitanti e la spesa effettivamente sostenuta dalla Regione nei due anni precedenti. E' ovvio peraltro che, esattamente come accade per il pubblico, nelle aree della regione dove i conti sanitari sono più in difficoltà è necessario uno sforzo di ottimizzazione maggiore".

SANITA': TETTO SPESA PRIVATI; COLETTO, NON VEDO CATASTROFI

VENEZIA, 16 MAG - L'assessore veneto alla sanità Luca Coletto ha rilevato che i tetti di spesa 2012 per il privato convenzionato "hanno avuto una decurtazione di circa 9 milioni di euro sull'assistenza ospedaliera, compensati da un aumento di circa 5 sulla specialistica ambulatoriale e da una riserva di 4 milioni per acquisto di prestazioni da parte delle Ulss su autorizzazione della Giunta. Non vedo catastrofi all'orizzonte, ma una prospettiva di razionale equilibrio e considero improprio sventolare ipotetici licenziamenti facendo così leva sull'allarme sociale tra i lavoratori". Coletto lo ha rilevato rispondendo alle polemiche sulla determinazione dei tetti di spesa della sanità privata convenzionata fissati ieri dalla Giunta veneta. "Quanto ai ricoveri - ha aggiunto l'assessore - ne abbiamo riconosciuti 87.228, con una diminuzione, da considerarsi fisiologica, stante che molte prestazioni prima erogate in regime di ricovero sono state autorizzate nell'ambulatoriale (cosa resa possibile dai progressi della medicina) che, non a caso, ha visto aumentare il budget di circa 5 milioni. Non dimentichiamo poi che il tasso dei ricoveri al 140 per mille abitanti va rispettato per legge, sia dal pubblico che dal privato convenzionato". "Forse - ha proseguito l'esponente di palazzo Balbi - non si coglie appieno la difficoltà generale del momento e l'imperativo categorico di ottimizzare l'uso delle risorse. Il pubblico lo sta facendo ed il privato, che ne ha tutte le capacità, non può essere da meno". Quanto alle presunte disparità tra struttura e struttura, "mi limito a ricordare - ha concluso Coletto - che i criteri seguiti per l'assegnazione dei fondi sono del tutto oggettivi. Non capisco come si sarebbero potute creare delle penalizzazioni utilizzando (per tutti) l'analisi dei volumi di attività complessivi assegnati ad ogni singolo erogatore nel 2010 e nel 2011, il tasso di ospedalizzazione al 140 per mille abitanti e la spesa effettivamente sostenuta dalla Regione nei due anni precedenti. E' ovvio peraltro che, esattamente come accade per il pubblico, nelle aree della regione dove i conti sanitari sono più in difficoltà è necessario uno sforzo di ottimizzazione maggiore".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
INFLUENZA STAGIONALE: MIGLIORAMENTI IN VISTA - Per quanto concerne la sanità in...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzan...

INFLUENZA, NUOVO REPORT DALLA REGIONE - 13.500 casi nella prima settimana dell'anno, con un totale stagionale che arriva a 90.900 casi di in...

INFLUENZA, IN VENETO INCIDENZA BASSA - 51.200 sono i casi registrati di influenza in Veneto, pari a un'incidenza di 1,93 casi ogni mille residenti, e cioè quasi la metà rispetto alla media nazionale...

BISNONNA ELENA DONA RENI E FEGATO A 93 ANNI - Un gesto di estremo altruismo quello compiuto da una ...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma dei protocolli di intesa tra Regione Veneto e Università di P...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati ...

120 dipendenti dell'Ulss 6 Euganea hanno dato una grande lezione di umanità e coesione lavorativa con un gesto di grande solidarietà nei confronti di una loro...

Martedì 25 giugno l’Azienda Ospedaliera di Padova inizierà a ricevere 600 nu...

COSÌ L'AUTONOMIA POTREBBE AIUTARE LA SANITÀ VENETA Tra i tanti punti che il Veneto intende chiedere a Roma nel pacche...