P.A.: CGIA, PER TEMPI PAGAMENTI ITALIA ULTIMA IN UE
news locale - 17/05/2012 13:06

VENEZIA, 17 MAG - Se in Europa nei primi tre mesi di quest'anno la media dei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione è stata di 65 giorni, in Italia è quasi tre volte superiore: per la precisione 180 giorni. Nessuno - segnala una elaborazione della Cgia di Mestre - fa peggio di noi. Tra i grandi Paesi dell'Ue con i quali l'Italia è chiamata a confrontarsi ogni giorno, la Pubblica amministrazione francese paga i propri fornitori mediamente dopo 65 giorni, quella del Regno Unito dopo 43 e quella tedesca dopo 36. Purtroppo, secondo la Cgia, le note dolenti non finiscono qui: dall'elaborazione su dati Intrum Justitia, a preoccupare le aziende private che lavorano con lo Stato o con gli Enti pubblici sono anche i ritardi medi di pagamento. Sempre nei primi mesi di quest'anno, a livello europeo è la Grecia a registrare il ritardo più elevato: 114 giorni. Subito dopo viene l'Italia, con 90 giorni ed al terzo posto la Spagna, con 80 giorni. Nulla a che vedere con i risultati registrati dalla Francia (21 giorni), dal Regno Unito (18 giorni) e dalla Germania (11). "Se in queste ore il Governo Monti sta sbloccando una parte dei 70 miliardi di euro di debiti che lo Stato ha accumulato in questi ultimi anni nei confronti delle imprese private - commenta Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia - rimane comunque da fare un altro passo molto importante. Mi riferisco alla necessità di recepire quanto prima la Direttiva europea contro i ritardi nei pagamenti che obbliga i Paesi membri a stabilire per legge tempi di pagamento, tra imprese e tra imprese e pubblica amministrazione, non superiori a 60 giorni".

P.A.: CGIA, PER TEMPI PAGAMENTI ITALIA ULTIMA IN UE

VENEZIA, 17 MAG - Se in Europa nei primi tre mesi di quest'anno la media dei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione è stata di 65 giorni, in Italia è quasi tre volte superiore: per la precisione 180 giorni. Nessuno - segnala una elaborazione della Cgia di Mestre - fa peggio di noi. Tra i grandi Paesi dell'Ue con i quali l'Italia è chiamata a confrontarsi ogni giorno, la Pubblica amministrazione francese paga i propri fornitori mediamente dopo 65 giorni, quella del Regno Unito dopo 43 e quella tedesca dopo 36. Purtroppo, secondo la Cgia, le note dolenti non finiscono qui: dall'elaborazione su dati Intrum Justitia, a preoccupare le aziende private che lavorano con lo Stato o con gli Enti pubblici sono anche i ritardi medi di pagamento. Sempre nei primi mesi di quest'anno, a livello europeo è la Grecia a registrare il ritardo più elevato: 114 giorni. Subito dopo viene l'Italia, con 90 giorni ed al terzo posto la Spagna, con 80 giorni. Nulla a che vedere con i risultati registrati dalla Francia (21 giorni), dal Regno Unito (18 giorni) e dalla Germania (11). "Se in queste ore il Governo Monti sta sbloccando una parte dei 70 miliardi di euro di debiti che lo Stato ha accumulato in questi ultimi anni nei confronti delle imprese private - commenta Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia - rimane comunque da fare un altro passo molto importante. Mi riferisco alla necessità di recepire quanto prima la Direttiva europea contro i ritardi nei pagamenti che obbliga i Paesi membri a stabilire per legge tempi di pagamento, tra imprese e tra imprese e pubblica amministrazione, non superiori a 60 giorni".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
UTENZE RINCARATE NEL 2018, IL GAS SALIRA' ANCORA - Dopo un anno di continui aumenti nel costo delle ...

19 MILIARDI SPESI IN ATTIVITÀ ILLEGALI Son ben 19 i miliardi che gli italiani spendono all'anno in attività illegali. Si parla di una c...

Entro domani le imprese sono chiamate a versare all'erario 27 miliardi di euro per onorare l'Iva (contribuenti con scadenza mensile o trimestrale), le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori...

Tra il 2010 e il 2014 l'Italia ha autorizzato esportazioni nell'Africa settentrionale e nel Medio Oriente per 4,8 miliardi di euro di armi. Dopo l'Europa - secondo la Cgia di Mestr...

La CGIA di Mestre segnala una forte crescita di contratti a tempo indeterminato. Una stabilità sognata per molti lavora...

Ogni punto di riduzione dell’aliquota Ires consentirebbe alle società di capitali e ai grandi gruppi di pagare complessivamente 1,2 milia...

Nell'aggiornamento del Def (Documento di Economia e Finanza) che avverrà venerdì durante il Consiglio dei ministri, Renzi ha dichiarato che la crescita sar...

Mestre- Con dedizione e forza d'animo dal nulla ha saputo piegare i potenti della Finanza. Questo era Giuseppe Bortolussi, a capo della Cgia di Mestre uno studio per il settore pic...

Dall'1 gennaio c'è il rischio di un nuovo aumento dei carburanti: secondo la Cgia di Mestre, per reperire il gettito mancante alla copertura dell'abolizione de...

Secondo i calcoli dell’Ufficio studi della CGIA, l’eventuale anticipazione d...