PAZIENTE MUORE SALA ATTESA OSPEDALE, PM INDAGA SU 53 PERSONE
news locale - 21/07/2012 15:06

 VERONA, 21 LUG - Solo l'autopsia potrà far luce sulla morte di un uomo di 47 anni mentre attendeva di essere visitato all'ospedale di Verona, ma nel fascicolo d'indagine aperto dalla procura con l'ipotesi di omicidio colposo - come riporta l'Arena - compaiono 53 persone, tra medici e infermieri.

Lunedì prossimo è fissato l'appuntamento in procura per il conferimento dell'incarico per l'autopsia e in quell'occasione gli indagati avranno la possibilità di nominare un consulente. Il numero così elevato di persone coinvolte nell'inchiesta é legato probabilmente al fatto che la morte è giunta a circa un mese da un intervento chirurgico e che nelle settimane successive all'operazione il paziente aveva più volte fatto ricorso alla cure ospedaliere - come ricordano i familiari nella denuncia che ha dato il via alle indagini - con continue dimissioni e indicazioni di rivolgersi al medico curante.

Il 'calvario', secondo i familiari, sarebbe cominciato quando il congiunto era ancora ricoverato dopo l'intervento chirurgico lamentando dolori intercostali rispetto ai quali non avrebbe avuto seguito dal personale medico, tanto che il paziente aveva firmato dopo nove giorni la lettera di dimissioni ed era tornato a casa. Poi, si era recato prima al pronto soccorso e quindi un reparto, dove era stato medicato ma non ricoverato perché non ci sarebbe stata la prescrizione. Il 17 luglio, infine, la prevista visita, ma in sala d'attesa era morto.

PAZIENTE MUORE SALA ATTESA OSPEDALE, PM INDAGA SU 53 PERSONE

 VERONA, 21 LUG - Solo l'autopsia potrà far luce sulla morte di un uomo di 47 anni mentre attendeva di essere visitato all'ospedale di Verona, ma nel fascicolo d'indagine aperto dalla procura con l'ipotesi di omicidio colposo - come riporta l'Arena - compaiono 53 persone, tra medici e infermieri.

Lunedì prossimo è fissato l'appuntamento in procura per il conferimento dell'incarico per l'autopsia e in quell'occasione gli indagati avranno la possibilità di nominare un consulente. Il numero così elevato di persone coinvolte nell'inchiesta é legato probabilmente al fatto che la morte è giunta a circa un mese da un intervento chirurgico e che nelle settimane successive all'operazione il paziente aveva più volte fatto ricorso alla cure ospedaliere - come ricordano i familiari nella denuncia che ha dato il via alle indagini - con continue dimissioni e indicazioni di rivolgersi al medico curante.

Il 'calvario', secondo i familiari, sarebbe cominciato quando il congiunto era ancora ricoverato dopo l'intervento chirurgico lamentando dolori intercostali rispetto ai quali non avrebbe avuto seguito dal personale medico, tanto che il paziente aveva firmato dopo nove giorni la lettera di dimissioni ed era tornato a casa. Poi, si era recato prima al pronto soccorso e quindi un reparto, dove era stato medicato ma non ricoverato perché non ci sarebbe stata la prescrizione. Il 17 luglio, infine, la prevista visita, ma in sala d'attesa era morto.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
OSPEDALE DI PADOVA: 450 DIPENDENTI POSITIVI. Visto il focolaio il direttore generale dell'Azienda Ospedaliera di Padova Luciano Flor raccomanda la massima att...

NUOVI POSTI IN TERAPIA INTENSIVA A PADOVA - La decisione è giunta lunedì sera in seguito all'aumento dei ricoverati.

L'OSPEDALE DI PADOVA SI ADEGUA ALLA PANDEMIA. Con i numeri dei ircoveri in continuo aumento, anche l'ospedale di Padova predispone ulteriori posti letto per i pazienti affetti da C...

LE INDUSTRIE VENETE UNITE CONTRO IL VIRUS  - Le industrie venete durante i mesi di emergenza sanita...

INAUGURATO IL BAR DELL'OSPEDALE DI CAMPOSAMPIERO - Questa mattina è stato inaugurato il nuovo bar dell'ospedale di Camposampiero, che ha visto la partecipazion...

NUOVA PEDIATRIA, DOMANI LA CONFERENZA DEI SERVIZI. E' convocata per domani la conferenza dei servizi per decidere sulla costruzione della nuova pediatria. I det...

SANT'ANTONIO: A UN ANNO DAL PASSAGGIO ALL'AZIENDA. E' trascorso un anno dal passaggio dell'ospedale sant'Antonio all'Azienda ospedaliera-Uni...

EQUITÀ SALARIALE PER GLI INFERMIERI: IL FLASH MOB. Flash mob questa mattina all...

NUOVO OSPEDALE: VIA LIBERA DAL CONSIGLIO COMUNALE. Con un solo voto contrario e un astenuto, il consiglio comunale di Padova ha ratificato l'accordo di programma per il nuovo osped...

NUOVO OSPEDALE: FIRMATO L'ACCORDO DI PROGRAMMA. Nella sede della Protezione Civile regionale a Margh...