SEQUESTRANO UN BIMBO E RICATTANO LA MADRE A PROSTITUIRSI
news locale - 25/07/2012 12:08

ALBIGNASEGO. Un bimbo tenuto in ostaggio per costringere la madre a prostituirsi. È grazie ai carabinieri di Albignasego che sono stati liberati sia il piccolo che la mamma. Lo scorso 20 luglio i carabinieri di Gardone Val Trompia hanno fermato e arrestato due cittadini romeni con l’accusa di sfruttamento della prostituzione, lesioni personali e sequestro di persona. Un’operazione lampo che è iniziata a Albignasego nella notte tra il 19 e il 20 luglio: tre giovani rumene hanno fermato, lungo la strada statale, una pattuglia dei carabinieri, chiedendo aiuto. Accompagnate in caserma le ragazze hanno raccontato di essere state costrette a prostituirsi da due connazionali, che vivevano un piccolo paese vicino a Brescia. Quella notte erano state portate nel Padovano da uno dei loro sfruttatori. I militari, dopo i primi accertamenti, hanno immediatamente trasmesso tutte le informazioni acquisite ai colleghi di Gardone Val Trompia che sono riusciti a localizzare l’appartamento indicato dalle giovani e a rintracciare gli sfruttatori. Un’operazione svolta con la massima urgenza proprio perché una delle ragazze ha un figlio di 4 anni che gli sfruttatori hanno tenuto in ostaggio per esercitare una maggiore pressione nei confronti della madre: la fuga della donna avrebbe potuto indurre i due romeni a vendicarsi sul bambino o a sparire con lui. Il blitz nell’abitazione degli aguzzini ha consentito di rintracciare uno dei due sfruttatori e di trovare il bambino. Le giovani romene hanno raggiunto i carabinieri nel Bresciano dove la madre ha potuto riabbracciare il proprio figlio. Il secondo sfruttatore è stato intercettato a bordo della sua Audi A4 mentre era sull’autostrada A4 all’altezza di Desenzano. Il tribunale di Brescia ha convalidato il fermo dei due rumeni, disponendo per entrambi la custodia cautelare in carcere.

SEQUESTRANO UN BIMBO E RICATTANO LA MADRE A PROSTITUIRSI

ALBIGNASEGO. Un bimbo tenuto in ostaggio per costringere la madre a prostituirsi. È grazie ai carabinieri di Albignasego che sono stati liberati sia il piccolo che la mamma. Lo scorso 20 luglio i carabinieri di Gardone Val Trompia hanno fermato e arrestato due cittadini romeni con l’accusa di sfruttamento della prostituzione, lesioni personali e sequestro di persona. Un’operazione lampo che è iniziata a Albignasego nella notte tra il 19 e il 20 luglio: tre giovani rumene hanno fermato, lungo la strada statale, una pattuglia dei carabinieri, chiedendo aiuto. Accompagnate in caserma le ragazze hanno raccontato di essere state costrette a prostituirsi da due connazionali, che vivevano un piccolo paese vicino a Brescia. Quella notte erano state portate nel Padovano da uno dei loro sfruttatori. I militari, dopo i primi accertamenti, hanno immediatamente trasmesso tutte le informazioni acquisite ai colleghi di Gardone Val Trompia che sono riusciti a localizzare l’appartamento indicato dalle giovani e a rintracciare gli sfruttatori. Un’operazione svolta con la massima urgenza proprio perché una delle ragazze ha un figlio di 4 anni che gli sfruttatori hanno tenuto in ostaggio per esercitare una maggiore pressione nei confronti della madre: la fuga della donna avrebbe potuto indurre i due romeni a vendicarsi sul bambino o a sparire con lui. Il blitz nell’abitazione degli aguzzini ha consentito di rintracciare uno dei due sfruttatori e di trovare il bambino. Le giovani romene hanno raggiunto i carabinieri nel Bresciano dove la madre ha potuto riabbracciare il proprio figlio. Il secondo sfruttatore è stato intercettato a bordo della sua Audi A4 mentre era sull’autostrada A4 all’altezza di Desenzano. Il tribunale di Brescia ha convalidato il fermo dei due rumeni, disponendo per entrambi la custodia cautelare in carcere.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
POSITIVO AL COVID, VIOLA LA QUARANTENA PER ANDARE DAL TABACCAIO - Un 56enne di Vigonza, risultato positivo al Coronavirus, per ben due volte è stato trovato fu...

AD ALBIGNASEGO 4 MILIONI PER OPERE PUBBLICHE - Al via una decina di opere pubbliche per il Comune di...

INCENDIO IN UNA CASA AD ALBIGNASEGO,MUORE UNA DONNA - Stamane è morta una donna di 86 anni nella s...

VERSO LE REGIONALI: IL PD CONTRO LA CRIMINALITA'. Dati alla mano la situazione criminalità in Veneto è preoccupante. Da qui le proposte del PD in vista delle ...

TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, L'OPERA DEI CARABINIERI NEL 2019 - I risultati operativi per l’an...

CONTROLLI NELLE AZIENDE: TUTTO REGOLARE A PADOVA. Continuano i controlli di carabineiri e Nas nelle aziende aperte. I dettagli nel servizio.

IN ARRESTO GRAZIE ALLA VIDEOSORVEGLIANZA REMOTA  ---- E’ grazie alle telecamere per videosorveglianza remota con smar...

MINACCIA DI MORTE 15ENNE PER RUBARGLI L'IPHON 6 ---- Minacciato di morte e rapin...

EX AGENTI A PATTUGLIARE LE STRADE DURANTE LE FESTE - Verrà rinnovata anche per il 2019 la collaborazione con le Associa...

FINTO ASSICURATORE: 56ENNE TRUFFATA PER €16.000  --- Una donna di 56 anni di San Giorgio delle Pe...