13ENNE VENDUTA IN SPOSA PER 3000 EURO SCAPPA DOPO VIOLENZE
news locale - 13/08/2012 16:17

 VENEZIA, 13 AGO - Una 13enne venduta per 3.000 euro come promessa sposa ad una famiglia macedone che l'ha poi violentata, segregata e torturata con un filo elettrico è stata messa sotto protezione dalla squadra mobile di Venezia, che ha arrestato il futuro sposo 17enne e la madre di quest'ultimo. Le indagini della 'mobile' lagunare sono iniziate il 2 agosto, quando gli agenti sono intervenuti a Marghera (Venezia) dove alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di una ragazzina che chiedeva aiuto e con il volto completamente tumefatto. La giovane è stata portata in ospedale: i medici hanno riscontrato diversi traumi e bruciature sulle gambe e hanno disposto il ricovero con una prognosi di circa un mese.  

La ragazzina ha raccontato di essere stata venduta per 3.000 euro in Macedonia dalla propria famiglia ad un'altra del suo paese, ma residente a Venezia, come promessa sposa per il loro figlio 17enne. Arrivata in Italia assieme alla futura suocera, la 13enne ha tentato di ribellarsi, subendo però violenza sessuale completa da parte del ragazzo. Questi è stato aiutato dalla madre, che immobilizzava la giovane ed incitava il figlio a compiere il suo 'dovere'. Per il tentativo di fuga, tra l'altro, la 13enne è stata segregata in casa, sistematicamente picchiata e punita immergendola nella vasca da bagno, dove le sono state procurate delle bruciature alle gambe utilizzando un filo elettrico. Sulla base degli accertamenti svolti la polizia ha dapprima sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il 17enne macedone e poi ha eseguito un provvedimento di fermo nei confronti della madre del giovane. Questa nel frattempo era fuggita, nascondendosi a Napoli, dove è stata rintracciata con il sostegno della 'mobile' partenopea. Madre e figlio sono accusati di violenza sessuale aggravata ai danni di minore, maltrattamenti aggravati, lesioni aggravate.

13ENNE VENDUTA IN SPOSA PER 3000 EURO SCAPPA DOPO VIOLENZE

 VENEZIA, 13 AGO - Una 13enne venduta per 3.000 euro come promessa sposa ad una famiglia macedone che l'ha poi violentata, segregata e torturata con un filo elettrico è stata messa sotto protezione dalla squadra mobile di Venezia, che ha arrestato il futuro sposo 17enne e la madre di quest'ultimo. Le indagini della 'mobile' lagunare sono iniziate il 2 agosto, quando gli agenti sono intervenuti a Marghera (Venezia) dove alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di una ragazzina che chiedeva aiuto e con il volto completamente tumefatto. La giovane è stata portata in ospedale: i medici hanno riscontrato diversi traumi e bruciature sulle gambe e hanno disposto il ricovero con una prognosi di circa un mese.  

La ragazzina ha raccontato di essere stata venduta per 3.000 euro in Macedonia dalla propria famiglia ad un'altra del suo paese, ma residente a Venezia, come promessa sposa per il loro figlio 17enne. Arrivata in Italia assieme alla futura suocera, la 13enne ha tentato di ribellarsi, subendo però violenza sessuale completa da parte del ragazzo. Questi è stato aiutato dalla madre, che immobilizzava la giovane ed incitava il figlio a compiere il suo 'dovere'. Per il tentativo di fuga, tra l'altro, la 13enne è stata segregata in casa, sistematicamente picchiata e punita immergendola nella vasca da bagno, dove le sono state procurate delle bruciature alle gambe utilizzando un filo elettrico. Sulla base degli accertamenti svolti la polizia ha dapprima sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il 17enne macedone e poi ha eseguito un provvedimento di fermo nei confronti della madre del giovane. Questa nel frattempo era fuggita, nascondendosi a Napoli, dove è stata rintracciata con il sostegno della 'mobile' partenopea. Madre e figlio sono accusati di violenza sessuale aggravata ai danni di minore, maltrattamenti aggravati, lesioni aggravate.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
DALLA VIOLENZA AL LAVORO, IL RISCATTO DI 20 DONNE - Grazie all'intervento del Soroptimist International in collaborazione col Fondo Straordinario di Solidarietà per il lavoro e il Centro Veneto Prog...

LA CAMERA APPROVA IL CODICE ROSSO ANTI VIOLENZE - Il testo che inasprisce le pene per chi commette violenza contro le donne è pronto a passare al Senato. Se dovesse diventare legg...

VIOLENZA SULLE DONNE: A PADOVA 21 CASI NEL 2018 - Sono ancora troppi in Italia i casi di violenza sulle donne, una denominazione che spazia dalle percosse agli abusi, dai palpeggiamenti allo stupro. P...

LA VIOLENZA SULLE DONNE VA STRONCATA SUL NASCERE - Padovane e padovani non hanno dubbi: ogni genere di violenza sulle donne, dalle molestie agli stupri, passando per lo stalking va...

FEMMINICIDI IN CALO MA NUMERI ANCORA ALTI - Il numero di donne assassinate annualmente rimane allarmante, anche se, osservando il trend degli ultimi dieci anni ...

Verona | Arresti domiciliari per un giovane veronese di 21 anni che da tempo aveva condotte aggressive e violente nei confronti della propria ragazza. Il 3 dic...

Verona | Due interventi, il primo a San Massimo da parte dei Carabinieri di Verona, il secondo in zona Stadio da parte degli uomini della Questura, hanno aiutato due giovani donne...

Verona | Un’azione condivisa con un ventaglio di incontri sparsi per la città. Una “panchina del rispetto” al centro di Piazza Bra. Una campagna dal ti...

LA PALAZZINA DEL DEGRADO E' ANCORA SENZA FUTURO E' passato circa un anno da quando, nell'ottobre 2016, l'allora amministrazione Bitonci chiuse i battenti della "palazzina del degrado", un complesso d...

TERRORISMO: I PADOVANI SONO CONTRO LA VIOLENZA "Se qualcuno grida ALLAH AKBAR in Piazza San Marco, gli spariamo". Questa è stata l'affermazione del Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. Noi abbiamo s...