SANITA':STAMINALI; GENITORI CONTRO STOP CURE,DOMANI UDIENZA
news locale - 20/08/2012 14:10

VENEZIA, 20 AGO - Si sono chiusi nel silenzio, "per non fare troppa pressione sul giudice che domani dovrà decidere", i genitori di Celeste, la bimba veneziana di due anni malata di atrofia muscolare spinale, senza cure da sei mesi dopo che l'Agenzia del Farmaco ha sospeso le attività del centro dell'ospedale di Brescia dove la piccola era sottoposta ad una terapia sperimentale a base di cellule staminali adulte. A riferirlo è Marino Andolina, il medico pediatra che ha seguito la piccola per le cure compassionevoli, prima a Trieste e poi a Brescia. "Non vogliono parlare - racconta - e aspettano con speranza l'udienza, prevista domani mattina a Venezia". Il giudice Margherita Bortolaso dovrà decidere sul ricorso dei genitori, assistiti dagli avvocati Dario Bianchini e Marco Vorano, contro l'interruzione delle prestazioni mediche. Anche l'avv. Bianchini conferma la volontà della famiglia, che risiede a Tessera, di attendere senza fare dichiarazioni la decisione del giudice. Per il legale, il centro bresciano sospeso dall'agenzia del farmaco è ritenuto all'avanguardia in tutta Europa e non è quindi spiegabile il blocco della sperimentazione, a fronte, peraltro, di evidenze cliniche sul miglioramento della piccola paziente. Celeste è affetta fin dalla nascita da una malattia di origine neurologica che provoca la progressiva atrofizzazione dei muscoli con il blocco delle funzioni respiratorie.

SANITA':STAMINALI; GENITORI CONTRO STOP CURE,DOMANI UDIENZA

VENEZIA, 20 AGO - Si sono chiusi nel silenzio, "per non fare troppa pressione sul giudice che domani dovrà decidere", i genitori di Celeste, la bimba veneziana di due anni malata di atrofia muscolare spinale, senza cure da sei mesi dopo che l'Agenzia del Farmaco ha sospeso le attività del centro dell'ospedale di Brescia dove la piccola era sottoposta ad una terapia sperimentale a base di cellule staminali adulte. A riferirlo è Marino Andolina, il medico pediatra che ha seguito la piccola per le cure compassionevoli, prima a Trieste e poi a Brescia. "Non vogliono parlare - racconta - e aspettano con speranza l'udienza, prevista domani mattina a Venezia". Il giudice Margherita Bortolaso dovrà decidere sul ricorso dei genitori, assistiti dagli avvocati Dario Bianchini e Marco Vorano, contro l'interruzione delle prestazioni mediche. Anche l'avv. Bianchini conferma la volontà della famiglia, che risiede a Tessera, di attendere senza fare dichiarazioni la decisione del giudice. Per il legale, il centro bresciano sospeso dall'agenzia del farmaco è ritenuto all'avanguardia in tutta Europa e non è quindi spiegabile il blocco della sperimentazione, a fronte, peraltro, di evidenze cliniche sul miglioramento della piccola paziente. Celeste è affetta fin dalla nascita da una malattia di origine neurologica che provoca la progressiva atrofizzazione dei muscoli con il blocco delle funzioni respiratorie.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
INFLUENZA STAGIONALE: MIGLIORAMENTI IN VISTA - Per quanto concerne la sanità in Veneto, oltre al Coronavirus, la Direzione Prevenzione dell...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali ve...

INFLUENZA, NUOVO REPORT DALLA REGIONE - 13.500 casi nella prima settimana dell'anno, con un totale stagionale che arriva a 90.900 casi di in...

INFLUENZA, IN VENETO INCIDENZA BASSA - 51.200 sono i casi registrati di influenza in Veneto, pari a un'incidenza di 1,93...

BISNONNA ELENA DONA RENI E FEGATO A 93 ANNI - Un gesto di estremo altruismo quello compiuto da una bisnonna novantatreenne padovana, venuta a mancare improvvisamente, che ha donato fegato e reni in p...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma dei protocolli di intesa tra Regione Venet...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati ...

120 dipendenti dell'Ulss 6 Euganea hanno dato una grande lezione di umanità e coesione lavorativa con un gesto di grande solidarietà nei confronti di una loro...

Martedì 25 giugno l’Azienda Ospedaliera di Padova inizierà a ricevere 600 nuovi letti di ultima generazione che andr...

COSÌ L'AUTONOMIA POTREBBE AIUTARE LA SANITÀ VENETA Tra i tanti punti che il Veneto intende chiedere a Roma nel pacchetto dell'autonomia, c'è ovviamente anch...