INCHIESTA STAMINALI: PEDIATRA, SERVE GARANZIA CELLULE VITALI
news locale - 23/08/2012 11:35

VENEZIA, 23 AGO - "Come consulenti, abbiamo bisogno di essere sicuri che le cellule siano state mantenute vitali". Così oggi il dott. Marino Andolina, il pediatra in pensione che segue la piccola Celeste, malata di atrofia muscolare spinale. La decisione del tribunale di Venezia che ha stabilito che la bimba deve proseguire le cure con le staminali in attesa della sentenza del 28 agosto perché è in pericolo quotidiano di vita può essere attuata, secondo il pediatra, "in tempi brevissimi: il direttore generale degli Spedali Civili di Brescia Cornelio Coppini ha ricevuto ieri a pranzo la sentenza del giudice e ha dato ordine di richiamare tutti dalle ferie e di eseguire la terapia immediatamente". Riguardo all'integrità del materiale staminale, Andolina rileva che "pur non essendo presenti, abbiamo notizia da ispettori dell'Aifa, l' agenzia italiana dei farmaci, che le cellule sono state tolte più volte dall'azoto liquido e questo, se non è stato fatto con le dovute precauzioni, molto rapidamente, potrebbe averle danneggiate". "Se fossero state danneggiate - aggiunge - sarebbe una tragedia: il rischio è modestissimo, ma noi vogliamo avere la certezza di iniettare cellule vitali e con garanzia di sterilità alla bambina".

INCHIESTA STAMINALI: PEDIATRA, SERVE GARANZIA CELLULE VITALI

VENEZIA, 23 AGO - "Come consulenti, abbiamo bisogno di essere sicuri che le cellule siano state mantenute vitali". Così oggi il dott. Marino Andolina, il pediatra in pensione che segue la piccola Celeste, malata di atrofia muscolare spinale. La decisione del tribunale di Venezia che ha stabilito che la bimba deve proseguire le cure con le staminali in attesa della sentenza del 28 agosto perché è in pericolo quotidiano di vita può essere attuata, secondo il pediatra, "in tempi brevissimi: il direttore generale degli Spedali Civili di Brescia Cornelio Coppini ha ricevuto ieri a pranzo la sentenza del giudice e ha dato ordine di richiamare tutti dalle ferie e di eseguire la terapia immediatamente". Riguardo all'integrità del materiale staminale, Andolina rileva che "pur non essendo presenti, abbiamo notizia da ispettori dell'Aifa, l' agenzia italiana dei farmaci, che le cellule sono state tolte più volte dall'azoto liquido e questo, se non è stato fatto con le dovute precauzioni, molto rapidamente, potrebbe averle danneggiate". "Se fossero state danneggiate - aggiunge - sarebbe una tragedia: il rischio è modestissimo, ma noi vogliamo avere la certezza di iniettare cellule vitali e con garanzia di sterilità alla bambina".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
CAOS PEDIATRI: PRIMA IL TAMPONE, POI LA VISITA

Medicina a Confronto - Io mi vaccino, perché? Ospite: - Dott. Bruno Ruffato,Pediatra di famiglia - Iscriviti al canale YouTube del Gruppo Tv7, e non perderti...

VENEZIA, 24 AGO - E' fissato per questa mattina l'arrivo agli Spedali Civili di Brescia di Celeste, la bimba veneziana di due anni malata di atrofia muscolare spinale per la qual...

VENEZIA, 22 AGO - "Questo rinvio non è sicuramente la soluzione ideale, ma va riconosciuto che il giudice, che mi sem...

VENEZIA, 22 AGO - Il giudice del lavoro del Tribunale di Venezia Margherita Bortolaso ha depositato stamane un'ordinanza in cui si rinvia la decisione sul caso di Celeste, la bim...