PESCA:FERMO ALTO ADRIATICO; MANZATO, SERVIVA ALTRA SETTIMANA
news locale - 27/08/2012 11:45

VENEZIA, 27 AGO - "Almeno un'altra settimana di fermo pesca sarebbe stata utile e, del resto, d'accordo con le altre regioni del Distretto Alto Adriatico l'avevo chiesta al ministro". Anche per Franco Manzato, assessore alla pesca del Veneto, il fermo pesca anticipato non ha dato risultati che possano essere considerati definitivi. "Spero - ha aggiunto Manzato - che la nostra responsabilità di autogoverno, in merito alla situazione che si presenta di fronte alla riapertura della pesca, possa determinare un blocco dell'attività non a tavolino, ma rapportabile all'effettiva ripresa degli stock ittici. Manca il pesce adulto - ha sottolineato l'assessore - e a questo si sommano anche le gravi morie di molluschi in alcune aree della laguna di Venezia e delle lagune del Delta del Po, a causa del particolare andamento climatico di quest'estate. Di certo il problema di cosa pescare con le nuove normative europee esiste e rischia di penalizzare l'impegno degli addetti ai lavori e le imprese per l'aumento dei costi, in particolare del gasolio, per rimettere le barche da pesca in mare". Oggi infatti si conclude il fermo pesca, iniziato il 16 luglio su pressante richiesta del Veneto, e accolto favorevolmente anche dalle altre Regioni del Distretto, per adeguare la "tregua" alle esigenze di questo tratto di mare. La durata del fermo è però rimasta sempre la stessa, mentre gli agli stock ittici sarebbe servito un po' di tempo in più per raggiungere le taglie legalmente commerciabili. "Riprenderemo il discorso - ha concluso Manzato - e sentirò al più presto i colleghi delle altre Regioni per concordare un'azione comune rispetto ad un obiettivo che è di tutti: garantire un futuro a questo settore economico tradizionale, nel rispetto di quelle che sono le peculiarità dell'Alto Adriatico, adeguando nel contempo la pressione di pesca per non compromettere in modo irreversibile una risorsa che è importante dal punto di vista economico e sociale non solo per le nostre aree costiere".

PESCA:FERMO ALTO ADRIATICO; MANZATO, SERVIVA ALTRA SETTIMANA

VENEZIA, 27 AGO - "Almeno un'altra settimana di fermo pesca sarebbe stata utile e, del resto, d'accordo con le altre regioni del Distretto Alto Adriatico l'avevo chiesta al ministro". Anche per Franco Manzato, assessore alla pesca del Veneto, il fermo pesca anticipato non ha dato risultati che possano essere considerati definitivi. "Spero - ha aggiunto Manzato - che la nostra responsabilità di autogoverno, in merito alla situazione che si presenta di fronte alla riapertura della pesca, possa determinare un blocco dell'attività non a tavolino, ma rapportabile all'effettiva ripresa degli stock ittici. Manca il pesce adulto - ha sottolineato l'assessore - e a questo si sommano anche le gravi morie di molluschi in alcune aree della laguna di Venezia e delle lagune del Delta del Po, a causa del particolare andamento climatico di quest'estate. Di certo il problema di cosa pescare con le nuove normative europee esiste e rischia di penalizzare l'impegno degli addetti ai lavori e le imprese per l'aumento dei costi, in particolare del gasolio, per rimettere le barche da pesca in mare". Oggi infatti si conclude il fermo pesca, iniziato il 16 luglio su pressante richiesta del Veneto, e accolto favorevolmente anche dalle altre Regioni del Distretto, per adeguare la "tregua" alle esigenze di questo tratto di mare. La durata del fermo è però rimasta sempre la stessa, mentre gli agli stock ittici sarebbe servito un po' di tempo in più per raggiungere le taglie legalmente commerciabili. "Riprenderemo il discorso - ha concluso Manzato - e sentirò al più presto i colleghi delle altre Regioni per concordare un'azione comune rispetto ad un obiettivo che è di tutti: garantire un futuro a questo settore economico tradizionale, nel rispetto di quelle che sono le peculiarità dell'Alto Adriatico, adeguando nel contempo la pressione di pesca per non compromettere in modo irreversibile una risorsa che è importante dal punto di vista economico e sociale non solo per le nostre aree costiere".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
LE REGOLE DELLA PESCA NEL PADOVANO - L'attività di pesca è regolata da norme regionali e prevede un pagamento, per la pratica sportivo - d...

Una donna di 27 anni è stata arrestata dalla polizia di Vicenza con l'accusa di estorsione nei confronti di un facoltoso manager vicentino, di cui è stata l'amante per un certo p...

AGROALIMENTARE IN VENETO, IL BILANCIO DEL 2016 Ammonta a 5 miliardi e mezzo di euro il valore dell'agricoltura veneta nel 2016. Ad evidenzi...

Siamo andati a scoprire le buonissime pesche di Verona IGP e abbiamo conosciuto ...

E' stato presentato al padiglione Expo Aquae Venezia a Marghera, un piano sperimentale di gestione delle principali risorse ittiche della laguna di Venezia. L’occasione è data d...

VENEZIA, 6 SET - Il Programma di Sviluppo Rurale del Veneto 2014-2020 sta per nascere e la gestazione sarà la più partecipata finora rea...

VENEZIA, 4 SET - Il Veneto creerà un network per l'innovazione vitivinicola: ...

VENEZIA, 18 LUG - La Guardia Costiera di Venezia e quella di Genova hanno sequestrato alcuni esemplari di tonno rosso,...

VENEZIA, 3 LUG - "Questa è l'ultima riunione come 'unita' di crisi della pescà: d'ora in avanti questo organismo diventerà 'gruppo di c...

VENEZIA, 6 GIU - "Anche il governo italiano deve attivarsi subito, e a tutti i livelli, per evitare che si concretizzi la minaccia cinese di dazi alle importa...