TAV: WWF, AZZERARE PROCEDURE VIA E DEFINIRE NUOVO PGTL
news locale - 27/08/2012 11:58

TRIESTE, 27 AGO - Azzerare le procedure VIA sul progetto della linea ferroviaria ad alta velocità (TAV) Venezia-Trieste, abbandonare la Legge Obiettivo e definire un nuovo Piano Generale dei Trasporti e della Logistica, in sostituzione del Programma delle "Infrastrutture strategiche" (figlio della Legge Obiettivo). Sono le richieste del WWF, che ha formulato le proprie osservazioni sul "Sistema Conoscitivo Unitario" presentato alla fine di giugno da Italferr e relativo alla TAV tra Venezia e Trieste. "Italferr - spiega il WWF - ha presentato un mero assemblaggio degli studi ambientali, presentati nel dicembre 2010 per le 4 tratte (Ve/Mestre-Aeroporto M. Polo, Aeroporto-Portogruaro, Portogruaro-Ronchi d.L., Ronchi-Trieste - NdR) in cui è stato suddiviso il progetto preliminare della linea Venezia-Trieste." "Una suddivisione - definita "project splitting" dagli esperti - che contraddice uno dei principi fondamentali della VIA", quello che "un progetto unitario non deve essere artificialmente suddiviso in parti (splitting), per cercare di ridurre la percezione degli impatti".

TAV: WWF, AZZERARE PROCEDURE VIA E DEFINIRE NUOVO PGTL

TRIESTE, 27 AGO - Azzerare le procedure VIA sul progetto della linea ferroviaria ad alta velocità (TAV) Venezia-Trieste, abbandonare la Legge Obiettivo e definire un nuovo Piano Generale dei Trasporti e della Logistica, in sostituzione del Programma delle "Infrastrutture strategiche" (figlio della Legge Obiettivo). Sono le richieste del WWF, che ha formulato le proprie osservazioni sul "Sistema Conoscitivo Unitario" presentato alla fine di giugno da Italferr e relativo alla TAV tra Venezia e Trieste. "Italferr - spiega il WWF - ha presentato un mero assemblaggio degli studi ambientali, presentati nel dicembre 2010 per le 4 tratte (Ve/Mestre-Aeroporto M. Polo, Aeroporto-Portogruaro, Portogruaro-Ronchi d.L., Ronchi-Trieste - NdR) in cui è stato suddiviso il progetto preliminare della linea Venezia-Trieste." "Una suddivisione - definita "project splitting" dagli esperti - che contraddice uno dei principi fondamentali della VIA", quello che "un progetto unitario non deve essere artificialmente suddiviso in parti (splitting), per cercare di ridurre la percezione degli impatti".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
OBIETTIVO RIQUALIFICARE L'ARCELLA; SPOSATO: ECCO COSA FARO'. Per quanto riguarda...

I volontari di Protezione civile del Gruppo Comunale di Pellestrina San Pietro i...

A Venezia si spengono le luci. Il capoluogo lagunare aderisce alla manifestazione mondiale Earth Hour 2014, organizzata dal WWF, per promu...

Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, è stato condannato a quattro mesi per violazione dei sigilli della baita Clarea a Chiomon...

TRIESTE, 21 NOV - E' stata respinta dal Consiglio regionale de...

VENEZIA, 27 DIC - Il presidente del Veneto Luca Zaia vede in Veneto il rischio che "la Tav diventi un cadavere eccellente per questo territorio". Secondo il governatore quello del trasporto ferrovia...


PADOVA, 26 GEN - C'è anche un esponente della disobbedienza padovana, attivista del centro sociale "Pedro", tra i destinatari di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Torino...