TURISMO:VENETO;FINOZZI,GIUGNO ALTALENANTE,AUMENTA PESO CRISI
news locale - 30/08/2012 11:44

VENEZIA, 30 AGO - Con il mese di giugno, i flussi turistici nel Veneto hanno registrato un andamento altalenante, condizionato con evidenza dalle crisi economiche nei singoli Paesi di provenienza e interessando soprattutto il settore alberghiero. "Dopo la forte tenuta di arrivi e presenze registrata a maggio - sottolinea l'assessore Marino Finozzi - determinata soprattutto dalla Pentecoste e dal massiccio afflusso anticipato di ospiti provenienti dall'area tedesca, con il mese successivo i dati sono stati meno positivi e, soprattutto, nonostante i buoni risultati in termini di arrivi (+1 per cento rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno), le presenze sono calate dell'1,2 per cento, sostanzialmente a causa della diminuzione della durata dei soggiorni fatta registrare dai turisti italiani, il cui numero di pernottamenti è diminuito del 4,1 per cento, a fronte di una ulteriore crescita dello 0,5 per cento delle presenze straniere". "Questo significa peraltro che la nostra Regione resta di gran lunga la meta preferita da parte dei turisti provenienti da Paesi esteri - prosegue l'assessore - i quali tra gennaio e giugno del 2012 hanno rappresentato circa il 63,5 per cento del totale delle presenze, con una conferma di tedeschi, austriaci, francesi, inglesi, statunitensi e olandesi, in ordine di graduatoria. La diminuzione degli italiani, tuttavia, è stata preoccupante, anche se i dati degli altri mesi estivi, compreso l'agosto corrente, sembrano in controtendenza. In ogni caso, se é presto per un bilancio definitivo, sono chiare le tendenze all'interno di uno scenario economico molto differenziato e ovunque pesante". Se le presenze italiane diminuiscono del 4,1 per cento, quelle dei greci calano del 32,2 per cento, gli spagnoli registrano un - 21 per cento, e i portoghesi -17,2per cento. Per contro crescono in maniera interessante i nuovi ospiti dai Paesi BRIC: russi (+19,6 per cento), cinesi (+14,1 per cento), brasiliani (+7,4 per cento), indiani (+2,5 per cento). Aumentano significativamente anche gli olandesi ( +11,2 per cento) e giapponesi (+11,7 per cento). Il lago di Garda è quello che dimostra più appeal, con una crescita netta del 5,4 per cento delle presenze. Tengono bene le città d'arte (+0,5 per cento con una buona performance di Verona, +1,8 per cento, e un exploit percentuale di Rovigo, dove le presenze sono cresciute del 10 per cento). In sofferenza invece il settore balneare, dove nei primi sei mesi dell'anno le presenze sono complessivamente calante del 5,1 per cento. Soffrono anche le terme (-5,8 per cento) e la montagna (-3,4 per cento). In generale calo le presenze negli alberghi, con un brusco calo del 7,2 per cento di quelli a 5 stelle e di lusso, che parevano immuni dalla crisi. Per contro aumentano, sia pur di poco, i campeggi (+0,7 per cento) e soprattutto gli agriturismi, le cui presenze non conoscono tentennamenti ed hanno visto una crescita del 6,2 per cento. "Vedremo quali saranno gli esiti di luglio, agosto e di settembre, periodo centrale delle grandi vacanze - ha detto Finozzi - ma i dati parziali finora registrati sono decisamente confortanti. Attendiamo dai rappresentanti dei diversi segmenti del turismo (alberghi, campeggi, ristoranti, esercenti di attività collaterali, ludiche e così via) indicazioni circa il rapporto tra andamento dei flussi turistici e redditività e sulle possibilità di investimento".

TURISMO:VENETO;FINOZZI,GIUGNO ALTALENANTE,AUMENTA PESO CRISI

VENEZIA, 30 AGO - Con il mese di giugno, i flussi turistici nel Veneto hanno registrato un andamento altalenante, condizionato con evidenza dalle crisi economiche nei singoli Paesi di provenienza e interessando soprattutto il settore alberghiero. "Dopo la forte tenuta di arrivi e presenze registrata a maggio - sottolinea l'assessore Marino Finozzi - determinata soprattutto dalla Pentecoste e dal massiccio afflusso anticipato di ospiti provenienti dall'area tedesca, con il mese successivo i dati sono stati meno positivi e, soprattutto, nonostante i buoni risultati in termini di arrivi (+1 per cento rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno), le presenze sono calate dell'1,2 per cento, sostanzialmente a causa della diminuzione della durata dei soggiorni fatta registrare dai turisti italiani, il cui numero di pernottamenti è diminuito del 4,1 per cento, a fronte di una ulteriore crescita dello 0,5 per cento delle presenze straniere". "Questo significa peraltro che la nostra Regione resta di gran lunga la meta preferita da parte dei turisti provenienti da Paesi esteri - prosegue l'assessore - i quali tra gennaio e giugno del 2012 hanno rappresentato circa il 63,5 per cento del totale delle presenze, con una conferma di tedeschi, austriaci, francesi, inglesi, statunitensi e olandesi, in ordine di graduatoria. La diminuzione degli italiani, tuttavia, è stata preoccupante, anche se i dati degli altri mesi estivi, compreso l'agosto corrente, sembrano in controtendenza. In ogni caso, se é presto per un bilancio definitivo, sono chiare le tendenze all'interno di uno scenario economico molto differenziato e ovunque pesante". Se le presenze italiane diminuiscono del 4,1 per cento, quelle dei greci calano del 32,2 per cento, gli spagnoli registrano un - 21 per cento, e i portoghesi -17,2per cento. Per contro crescono in maniera interessante i nuovi ospiti dai Paesi BRIC: russi (+19,6 per cento), cinesi (+14,1 per cento), brasiliani (+7,4 per cento), indiani (+2,5 per cento). Aumentano significativamente anche gli olandesi ( +11,2 per cento) e giapponesi (+11,7 per cento). Il lago di Garda è quello che dimostra più appeal, con una crescita netta del 5,4 per cento delle presenze. Tengono bene le città d'arte (+0,5 per cento con una buona performance di Verona, +1,8 per cento, e un exploit percentuale di Rovigo, dove le presenze sono cresciute del 10 per cento). In sofferenza invece il settore balneare, dove nei primi sei mesi dell'anno le presenze sono complessivamente calante del 5,1 per cento. Soffrono anche le terme (-5,8 per cento) e la montagna (-3,4 per cento). In generale calo le presenze negli alberghi, con un brusco calo del 7,2 per cento di quelli a 5 stelle e di lusso, che parevano immuni dalla crisi. Per contro aumentano, sia pur di poco, i campeggi (+0,7 per cento) e soprattutto gli agriturismi, le cui presenze non conoscono tentennamenti ed hanno visto una crescita del 6,2 per cento. "Vedremo quali saranno gli esiti di luglio, agosto e di settembre, periodo centrale delle grandi vacanze - ha detto Finozzi - ma i dati parziali finora registrati sono decisamente confortanti. Attendiamo dai rappresentanti dei diversi segmenti del turismo (alberghi, campeggi, ristoranti, esercenti di attività collaterali, ludiche e così via) indicazioni circa il rapporto tra andamento dei flussi turistici e redditività e sulle possibilità di investimento".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Quest’anno in gara a Sanremo due voci venete, Francesca Michielin e Madame. La prima, ventiseienne originaria di Bassano del Grappa, vincitrice della quinta e...

COVID, ASSUNZIONI IN CALO IN AGRICOLTURA - Da un'indagine di Cia Padova e Veneto Lavoro emerge che ...

In Veneto il tumore colpisce più gli uomini che le donne ma negli ultimi anni le nuove diagnosi hanno registrato dei ca...

VIRUS, IL DICEMBRE DEL VENETO RIMANE INSPIEGABILE - Prima una scalata vertiginosa ben al di sopra dei numeri della prima ondata, poi il crollo verticale addirit...

MORTI SUL LAVORO, IL 40% A CAUSA DEL COVID ---- Drammatici i dati sulle morti bianche da gennaio a dicembre 2020 elaborati da Vega Engineering di Mestre. L’incremento è in parte dovuto allo scoppio...

SALDI AL VIA IN VENETO: OSSIGENO PER I NEGOZIANTI-----Primo giorno di saldi per il Veneto. Grandi le aspettative che potrebbero essere confermate dal vivace mov...

COMMERCIO: TUTTO FERMO A CITTADELLA----Cittadella è come una fotografia. Tutto ...

TAMPONI IN FARMACIA: ADESIONI IN CRESCITA-----Sempre più farmacie del territorio, hanno aderito in ...

COMINCIANO I SALDI IN VENETO----Inversione di marcia per il mondo dello shopping. La categoria si interroga sul saldo, c...

IL COVID COLPISCE IL TURISMO TERMALE - La pandemia da Covid ha colpito il turismo termale in Veneto, nel corso del 2020 ...