SANITA': REALIZZATO MICROCHIP AD AGO PER NEUROLOGIA
news locale - 03/09/2012 13:18

PADOVA, 3 SET - Conoscere meglio il cervello ma anche 'dialogare' con i neuroni. E' questo l'utilizzo di un microchip di silicio, a forma d'ago, impiantabile nel cervello e capace di stabilire una comunicazione bi-direzionale e ad alta risoluzione con in neuroni cerebrali. A realizzarlo è stato un consorzio europeo tra scienziati italiani, israeliani e tedeschi coordinato dal prof. Stefano Vassanelli, neurofisiologo al Dipartimento di Scienze biomediche dell'Università degli Studi di Padova. La ricerca, condotta nell'ambito del progetto CyberRat finanziato dalla Comunità europea, si è avvalsa di avanzate tecnologie al silicio. Il microchip è realizzato con un rivestimento di diossido di titanio di spessore nanometrico ottenuto mediante speciali procedure di deposizione che hanno conferito all'ago elettronico un'alta biocompatibilità. Grazie a sensori e attuatori di dimensioni micrometriche integrati nel chip, è stato possibile registrare l'attività di grandi popolazioni di neuroni in varie regioni cerebrali con una risoluzione di soli dieci micrometri. "Oltre a raggiungere per la prima volta una risoluzione così elevata - spiega il prof. Vassanelli -, la tecnica ha consentito di stabilire con i neuroni una comunicazione bi-direzionale: da cervello a chip, registrando l'attività neuronale, e da chip a cervello, stimolandola". "La nuova tecnologia sviluppata con CyberRat - aggiunge - rappresenta la base di partenza per lo sviluppo di nuovi sofisticati strumenti sperimentali utili a capire come le reti complesse che i neuroni creano nel cervello interconnettendosi sono in grado di elaborare le informazioni". In futuro sarà possibile l'applicazione di questa tecnologia per la creazione di neuroprotesi "intelligenti" utili, ad esempio, per la terapia di malattie neurologiche, tra cui il Parkinson e l'epilessia.

SANITA': REALIZZATO MICROCHIP AD AGO PER NEUROLOGIA

PADOVA, 3 SET - Conoscere meglio il cervello ma anche 'dialogare' con i neuroni. E' questo l'utilizzo di un microchip di silicio, a forma d'ago, impiantabile nel cervello e capace di stabilire una comunicazione bi-direzionale e ad alta risoluzione con in neuroni cerebrali. A realizzarlo è stato un consorzio europeo tra scienziati italiani, israeliani e tedeschi coordinato dal prof. Stefano Vassanelli, neurofisiologo al Dipartimento di Scienze biomediche dell'Università degli Studi di Padova. La ricerca, condotta nell'ambito del progetto CyberRat finanziato dalla Comunità europea, si è avvalsa di avanzate tecnologie al silicio. Il microchip è realizzato con un rivestimento di diossido di titanio di spessore nanometrico ottenuto mediante speciali procedure di deposizione che hanno conferito all'ago elettronico un'alta biocompatibilità. Grazie a sensori e attuatori di dimensioni micrometriche integrati nel chip, è stato possibile registrare l'attività di grandi popolazioni di neuroni in varie regioni cerebrali con una risoluzione di soli dieci micrometri. "Oltre a raggiungere per la prima volta una risoluzione così elevata - spiega il prof. Vassanelli -, la tecnica ha consentito di stabilire con i neuroni una comunicazione bi-direzionale: da cervello a chip, registrando l'attività neuronale, e da chip a cervello, stimolandola". "La nuova tecnologia sviluppata con CyberRat - aggiunge - rappresenta la base di partenza per lo sviluppo di nuovi sofisticati strumenti sperimentali utili a capire come le reti complesse che i neuroni creano nel cervello interconnettendosi sono in grado di elaborare le informazioni". In futuro sarà possibile l'applicazione di questa tecnologia per la creazione di neuroprotesi "intelligenti" utili, ad esempio, per la terapia di malattie neurologiche, tra cui il Parkinson e l'epilessia.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
INFLUENZA STAGIONALE: MIGLIORAMENTI IN VISTA - Per quanto concerne la sanità in Veneto, oltre al Coronavirus, la Direzione Prevenzione dell...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali veneti non inficierann...

INFLUENZA, NUOVO REPORT DALLA REGIONE - 13.500 casi nella prima settimana dell'anno, con un totale s...

INFLUENZA, IN VENETO INCIDENZA BASSA - 51.200 sono i casi registrati di influenza in Veneto, pari a un'incidenza di 1,93...

BISNONNA ELENA DONA RENI E FEGATO A 93 ANNI - Un gesto di estremo altruismo quello compiuto da una bisnonna novantatree...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma dei protocolli di intesa tra Regione Venet...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati poco meno di 4000 i ...

120 dipendenti dell'Ulss 6 Euganea hanno dato una grande lezione di umanità e coesione lavorativa con un gesto di grande solidarietà nei c...

Martedì 25 giugno l’Azienda Ospedaliera di Padova inizierà a ricevere 600 nu...

COSÌ L'AUTONOMIA POTREBBE AIUTARE LA SANITÀ VENETA Tra i tanti punti che il Veneto intende chiede...