SANITA':DAL VENETO CROCIATA PARAFARMACIE SU LIBERALIZZAZIONI
news locale - 07/09/2012 12:00

VICENZA, 7 SET - Parte dal Veneto la mobilitazione nazionale dei titolari di parafarmacie per vedere equiparata la loro attività a quella delle farmacie tradizionali. E' a Vicenza, in particolare, che i parafarmacisti hanno realizzato un progetto per sollecitare il governo ad applicare al loro settore le disposizioni della legge Tremonti sulle liberalizzazioni divenuta operativa con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto. Da ieri, su iniziativa del movimento parafarmacie venete, gran parte dei circa tremila 'farmacisti-non farmacisti' italiani hanno firmato personalmente una lettera inviata alla presidenza del Consiglio e al Ministero della Salute in cui chiedono la concessione di vendita di tutti i farmaci. Nel testo ogni titolare di parafarmacia annuncia che "si intende avviare la vendita al pubblico di tutti i medicinali in commercio, anche quelli con obbligo di ricetta medica". Nella stessa lettera si chiede "in subordine un'autorizzazione in tal senso", sottolineando che "la vendita avverrà nell'ambito dell'impresa, in locali idonei anche alla vendita di tutti i farmaci". I destinatari delle lettere avranno ora a disposizione 30 giorni per dare una risposta, altrimenti si procederà con la formula del silenzio/assenso. Secondo i parafarmacisti il futuro, anche in tempi brevi, "non sarà più la differenza tra farmacie e parafarmacie ma farmacie convenzionate con l'Ulss e farmacie non convenzionate, ma dove sarà possibile acquistare un farmaco con ricetta medica".

SANITA':DAL VENETO CROCIATA PARAFARMACIE SU LIBERALIZZAZIONI

VICENZA, 7 SET - Parte dal Veneto la mobilitazione nazionale dei titolari di parafarmacie per vedere equiparata la loro attività a quella delle farmacie tradizionali. E' a Vicenza, in particolare, che i parafarmacisti hanno realizzato un progetto per sollecitare il governo ad applicare al loro settore le disposizioni della legge Tremonti sulle liberalizzazioni divenuta operativa con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto. Da ieri, su iniziativa del movimento parafarmacie venete, gran parte dei circa tremila 'farmacisti-non farmacisti' italiani hanno firmato personalmente una lettera inviata alla presidenza del Consiglio e al Ministero della Salute in cui chiedono la concessione di vendita di tutti i farmaci. Nel testo ogni titolare di parafarmacia annuncia che "si intende avviare la vendita al pubblico di tutti i medicinali in commercio, anche quelli con obbligo di ricetta medica". Nella stessa lettera si chiede "in subordine un'autorizzazione in tal senso", sottolineando che "la vendita avverrà nell'ambito dell'impresa, in locali idonei anche alla vendita di tutti i farmaci". I destinatari delle lettere avranno ora a disposizione 30 giorni per dare una risposta, altrimenti si procederà con la formula del silenzio/assenso. Secondo i parafarmacisti il futuro, anche in tempi brevi, "non sarà più la differenza tra farmacie e parafarmacie ma farmacie convenzionate con l'Ulss e farmacie non convenzionate, ma dove sarà possibile acquistare un farmaco con ricetta medica".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
INFLUENZA STAGIONALE: MIGLIORAMENTI IN VISTA - Per quanto concerne la sanità in...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali veneti non inficieranno la qualità dell'assistenza, grazie a una programmazione dei ruoli di responsa...

INFLUENZA, NUOVO REPORT DALLA REGIONE - 13.500 casi nella prima settimana dell'anno, con un totale stagionale che arriva a 90.900 casi di in...

INFLUENZA, IN VENETO INCIDENZA BASSA - 51.200 sono i casi registrati di influenza in Veneto, pari a un'incidenza di 1,93...

BISNONNA ELENA DONA RENI E FEGATO A 93 ANNI - Un gesto di estremo altruismo quello compiuto da una bisnonna novantatreenne padovana, venuta a mancare improvvisamente, che ha donato fegato e reni in p...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma dei protocolli di intesa tra Regione Veneto e Università di P...

GIORNATA MONDIALE AIDS, IL BILANCIO PER IL VENETO - Dal 1984 al 2018 sono stati poco meno di 4000 i casi notificati di AIDS in Veneto, a fro...

120 dipendenti dell'Ulss 6 Euganea hanno dato una grande lezione di umanità e coesione lavorativa con un gesto di grande solidarietà nei confronti di una loro collega. Collega che, dato l'aiuto rice...

Martedì 25 giugno l’Azienda Ospedaliera di Padova inizierà a ricevere 600 nuovi letti di ultima generazione che andranno a sostituire quelli presenti. Una m...

COSÌ L'AUTONOMIA POTREBBE AIUTARE LA SANITÀ VENETA Tra i tanti punti che il Veneto intende chiedere a Roma nel pacchetto dell'autonomia, c'è ovviamente anche l'aspetto legato a...