FESTIVAL VILLE VENETE, INCONTRI SU ARMONIA DEL PAESAGGIO
news locale - 10/09/2012 13:05

VENEZIA, 10 SET - La medaglia di rappresentanza conferita alla rassegna dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministeri sono le principali novità del Festival delle Ville Venete, giunto alla quinta edizione, dedicata al tema 'I parchi, i giardini e la percezione della bellezza: l'armonia nel paesaggiò. L'iniziativa, che prevede un programma di nove appuntamenti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia dal 16 al 23 settembre, è stata presentata al Palazzo Grandi Stazioni della Regione Veneto. Il festival, che si apre domenica mattina nella chiesetta della Natività di Villa Colleoni da Porto a Thiene e si chiuderà il 23 con il confronto sul tema 'Ville e giardini aperti' a Villa Buzzati di Belluno, ha anzitutto lo scopo di promuovere il patrimonio culturale rappresentato dai 3.803 edifici monumentali, catalogati dall'Istituto Regionale Ville Venete, e dalle 435 ville classificate in Friuli Venezia Giulia. "Abbiamo la consapevolezza - ha detto il segretario regionale alla Cultura, Angelo Tabaro, portando i saluti degli assessori veneti alla Cultura e al Turismo - che le nostre ville sono la punta di diamante del cosiddetto turismo culturale, la parte in crescita, a fronte del calo del turismo balneare, del turismo veneto, che resta il primo in Italia. Ed è un settore che ha consistente prospettiva futura, passando prima di tutto per un'azione di sensibilizzazione che faccia entrare pienamente nella cultura veneta le ville, che sono un patrimonio culturale a tutto tondo: i proprietari hanno iniziato a capirlo, con mentalità imprenditoriale". "La Regione - ha rilevato la presidente dell'Irvv, Giuliana Fontanella - ci supporta nell'azione strategica, come nel lancio di pacchetti turistici a livello mondiale, a testimonianza delle grandi potenzialità di questo patrimonio. Dopo aver affrontato lo scorso anno il tema dell'accessibilità, il lavoro di quest'anno mira ad aprire le porte a un mondo muovo: quello della percezione. Il messaggio che lanciamo è dunque quello di percepire qualcosa di nuovo, che entri a far parte di noi stessi, per costruire il nostro futuro e rilanciare questo patrimonio. Dopo aver affrontato in passato solo il tema del restauro, la sfida nuova dell'Istituto è quella di accompagnare i restauri alla 'vita' nelle ville".

FESTIVAL VILLE VENETE, INCONTRI SU ARMONIA DEL PAESAGGIO

VENEZIA, 10 SET - La medaglia di rappresentanza conferita alla rassegna dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministeri sono le principali novità del Festival delle Ville Venete, giunto alla quinta edizione, dedicata al tema 'I parchi, i giardini e la percezione della bellezza: l'armonia nel paesaggiò. L'iniziativa, che prevede un programma di nove appuntamenti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia dal 16 al 23 settembre, è stata presentata al Palazzo Grandi Stazioni della Regione Veneto. Il festival, che si apre domenica mattina nella chiesetta della Natività di Villa Colleoni da Porto a Thiene e si chiuderà il 23 con il confronto sul tema 'Ville e giardini aperti' a Villa Buzzati di Belluno, ha anzitutto lo scopo di promuovere il patrimonio culturale rappresentato dai 3.803 edifici monumentali, catalogati dall'Istituto Regionale Ville Venete, e dalle 435 ville classificate in Friuli Venezia Giulia. "Abbiamo la consapevolezza - ha detto il segretario regionale alla Cultura, Angelo Tabaro, portando i saluti degli assessori veneti alla Cultura e al Turismo - che le nostre ville sono la punta di diamante del cosiddetto turismo culturale, la parte in crescita, a fronte del calo del turismo balneare, del turismo veneto, che resta il primo in Italia. Ed è un settore che ha consistente prospettiva futura, passando prima di tutto per un'azione di sensibilizzazione che faccia entrare pienamente nella cultura veneta le ville, che sono un patrimonio culturale a tutto tondo: i proprietari hanno iniziato a capirlo, con mentalità imprenditoriale". "La Regione - ha rilevato la presidente dell'Irvv, Giuliana Fontanella - ci supporta nell'azione strategica, come nel lancio di pacchetti turistici a livello mondiale, a testimonianza delle grandi potenzialità di questo patrimonio. Dopo aver affrontato lo scorso anno il tema dell'accessibilità, il lavoro di quest'anno mira ad aprire le porte a un mondo muovo: quello della percezione. Il messaggio che lanciamo è dunque quello di percepire qualcosa di nuovo, che entri a far parte di noi stessi, per costruire il nostro futuro e rilanciare questo patrimonio. Dopo aver affrontato in passato solo il tema del restauro, la sfida nuova dell'Istituto è quella di accompagnare i restauri alla 'vita' nelle ville".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Fino al 21 settembre scopri il patrimonio delle Ville Venete - Iscriviti al canale YouTube del Gruppo Tv7, e non perderti nemmeno un nostro video. http://www.youtube.com/subscr...

Villa Manin a Codroipo: VI Festival Ville Venete     Il 17 settembre il Festival delle ville venete, giunto ormai alla sesta edizione, si sposta in Friuli a Villa Manin.   - Iscriviti ...