REGIONI: LEGGE CAVE, NORME TRANSITORIE PER VERONA E VICENZA
news locale - 24/09/2012 14:32

VENEZIA, 24 SET - Il progetto di legge che, in attesa del nuovo Piano sulle attività estrattive, prevede una serie di deroghe normative per le cave di ghiaia delle province di Verona e di Vicenza è stato al centro di un incontro a palazzo Ferro-Fini tra la commissione Attività produttive del Consiglio regionale presieduta da Luca Baggio e i rappresentanti delle confermazioni sindacali del settore delle costruzioni e del Wwf. Si tratta di una provvedimento che intende affrontare l'emergenza che si registra nel Veronese e nel Vicentino, aree nelle quali l'attività estrattiva di sabbia e di ghiaia è notevolmente diminuita determinando l'impossibilità di reperire materiale indispensabile per le attività edilizie. Per i territori delle province di Verona e Vicenza si propone, quindi, la possibilità di rilasciare, in deroga alle norme vigenti e per un periodo non superiore ai due anni, autorizzazioni per l'ampliamento di cave non ancora estinte. Tali ampliamenti non potranno superare, ciascuno, 1.000.000 metri cubi e al 50 % del volume complessivamente già autorizzato. Si prevede, inoltre, che la superficie di cava già ricomposta debba essere superiore al 50 % della superficie complessiva di cava già autorizzata. Tali deroghe potranno essere autorizzate solo con parere favorevole del Consiglio comunale del Comune interessato. "Il problema vero non è la leggina in deroga che riguarda una parte del Veneto - hanno affermato Leonardo Zucchini (Cgil), Valerio Franceschini (Uil) e Salvatore Federico (Cisl) - ma l'approvazione di un nuovo piano regionale delle attività estrattive che dovrebbe sostituire quello attuale che risale al 1982, trent'anni fa". "Come sindacati - hanno proseguito - intendiamo dare il nostro contributo all'elaborazione di questa legge e, soprattutto, al nuovo Prac chiedendo certezze circa il calcolo del fabbisogno di materiale estrattivo non solo dal punto di vista delle imprese, strumenti a tutela della legalità per quanto riguarda le ditte richiedenti e norme chiare per il recupero ambientale. Dal canto suo Stefano Gazzola, presidente del Wwf veneto, ha sottolineato la necessità che il provvedimento in deroga all'esame della commissione non sia in contraddizione con gli strumenti regionali di pianificazione territoriale e ambientale a cominciare dal Ptrc (Piano Territoriale Regionale di Coordinamento). Il presidente della commissione Baggio e il vicepresidente Roberto Fasoli hanno assicurato che questa legge, in deroga e transitoria, non è fatta "per tizio o per caio" bensì un provvedimento alla luce del sole per non bloccare l'attività in due importanti aree del territorio regionale e che avrà forme di garanzia molto forti perché scaturite dalla massimo coinvolgimento di tutti i soggetti interessati".

REGIONI: LEGGE CAVE, NORME TRANSITORIE PER VERONA E VICENZA

VENEZIA, 24 SET - Il progetto di legge che, in attesa del nuovo Piano sulle attività estrattive, prevede una serie di deroghe normative per le cave di ghiaia delle province di Verona e di Vicenza è stato al centro di un incontro a palazzo Ferro-Fini tra la commissione Attività produttive del Consiglio regionale presieduta da Luca Baggio e i rappresentanti delle confermazioni sindacali del settore delle costruzioni e del Wwf. Si tratta di una provvedimento che intende affrontare l'emergenza che si registra nel Veronese e nel Vicentino, aree nelle quali l'attività estrattiva di sabbia e di ghiaia è notevolmente diminuita determinando l'impossibilità di reperire materiale indispensabile per le attività edilizie. Per i territori delle province di Verona e Vicenza si propone, quindi, la possibilità di rilasciare, in deroga alle norme vigenti e per un periodo non superiore ai due anni, autorizzazioni per l'ampliamento di cave non ancora estinte. Tali ampliamenti non potranno superare, ciascuno, 1.000.000 metri cubi e al 50 % del volume complessivamente già autorizzato. Si prevede, inoltre, che la superficie di cava già ricomposta debba essere superiore al 50 % della superficie complessiva di cava già autorizzata. Tali deroghe potranno essere autorizzate solo con parere favorevole del Consiglio comunale del Comune interessato. "Il problema vero non è la leggina in deroga che riguarda una parte del Veneto - hanno affermato Leonardo Zucchini (Cgil), Valerio Franceschini (Uil) e Salvatore Federico (Cisl) - ma l'approvazione di un nuovo piano regionale delle attività estrattive che dovrebbe sostituire quello attuale che risale al 1982, trent'anni fa". "Come sindacati - hanno proseguito - intendiamo dare il nostro contributo all'elaborazione di questa legge e, soprattutto, al nuovo Prac chiedendo certezze circa il calcolo del fabbisogno di materiale estrattivo non solo dal punto di vista delle imprese, strumenti a tutela della legalità per quanto riguarda le ditte richiedenti e norme chiare per il recupero ambientale. Dal canto suo Stefano Gazzola, presidente del Wwf veneto, ha sottolineato la necessità che il provvedimento in deroga all'esame della commissione non sia in contraddizione con gli strumenti regionali di pianificazione territoriale e ambientale a cominciare dal Ptrc (Piano Territoriale Regionale di Coordinamento). Il presidente della commissione Baggio e il vicepresidente Roberto Fasoli hanno assicurato che questa legge, in deroga e transitoria, non è fatta "per tizio o per caio" bensì un provvedimento alla luce del sole per non bloccare l'attività in due importanti aree del territorio regionale e che avrà forme di garanzia molto forti perché scaturite dalla massimo coinvolgimento di tutti i soggetti interessati".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
ZAIA: "PARAMETRI UNIFORMI PER LE NUOVE RESTRIZIONI" - Il Presidente del Veneto si fa portavoce delle istanze delle Regioni. Intanto migliorano i dati sui ricoveri.

Secondo l'Agenzia per la Coesione Territoriale, i cittadini veneti hanno sborsato una somma di denaro pari a 71,843 miliardi di euro riguard...

E' stata presentata a Padova in anteprima “Romea Strata”, l'iniziativa fortemente voluta nell'Anno del Giubileo e che coinvolge nel complesso cinque regioni italiane, 15 provin...

Con la nuova legge di stabilità il Governo Renzi gioca d'azzardo sulla pelle dei cittadini, infatti ha finanziato il ta...

I Popolari per l'Italia hano fatto la loro scelta , appoggeranno il Sindaco scaligero Flavio Tosi candidato Presidente alle Regionali 2015. Molti i punti in comune che hanno fatto scattare la coalizi...

Da domenica 22 a martedì 24 febbraio, torna in Prato della Valle la manifestazi...

VENEZIA - Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, h...

VENEZIA - Le autostrade venete sono in testa alla classifica d...

VENEZIA  - "La notizia della probabile fusion...

VENEZIA, 25 NOV - "E' un risultato che premia l'eccellenza della Biennale di Venezia e che spero sia di buon auspicio per i prossimi appuntamenti organizzati dalla Fonda...