COSTI POLITICA: ZAIA, SU REGIONI DECIDA GOVERNO MA PRESTO
news locale - 02/10/2012 16:11

VENEZIA, 2 OTT - Ha dichiarato di aspettarsi "molto" dal decreto legge previsto per giovedì, il presidente del Veneto, Luca Zaia. "Spero che tutta la partita relativa alle Regioni - ha detto - si possa definire: quel che chiediamo é rapidità e soprattutto operatività e, per evitare di stare sulla graticola, perché aspettando le singole Regioni si andrebbe alle calende greche, il decreto ci sembra quantomai opportuno".

Sul tema Zaia ricorda che "il Veneto ha presentato un documento serio per la riduzione delle indennità e la perequazione. Non a caso, in una situazione in cui i consiglieri regionali italiani sono circa 350 in più rispetto alle norme, siamo stati i soli ad adeguarci nello Statuto, seguiti poi solo dalla Toscana, anche se attraverso una semplice legge finanziaria". Quel che il Veneto chiede, comunque, non si ferma qui: "ci auguriamo che il decreto elimini i monogruppi formatisi dopo le elezioni, con il collaterale problema del finanziamento dei gruppi, che definisca una volta per tutte il numero delle commissioni e fino in fondo il finanziamento dei gruppi per la sola attività istituzionale, che stabilisca una sola indennità, senza rimborsi, differenziando e giustificando le differenziazioni degli stipendi a seconda della carica, facendo così ordine nella babele all'interno degli enti e tra gli enti. Quanto? Faccia il Governo, purché uguale per tutti: l'importante è che finiscano certi tormentoni".

"Il problema - prosegue Zaia - è principalmente quello della tempestività dell'intervento e, in secondo luogo, dell'uniformità, chiedendo che siano previste sanzioni per chi si discosta dalle norme. Ringraziamo dunque il Capo dello Stato per aver subito raccolto il segnale delle Regioni e, nella speranza che i cinque punti evidenziati dal nostro documento siano accolti, diciamo che ci va bene qualunque parametro, ma facendo chiarezza e premiando la virtuosità, da valutare attraverso il risultato amministrativo e punendo chi non osserva i parametri".
 

COSTI POLITICA: ZAIA, SU REGIONI DECIDA GOVERNO MA PRESTO

VENEZIA, 2 OTT - Ha dichiarato di aspettarsi "molto" dal decreto legge previsto per giovedì, il presidente del Veneto, Luca Zaia. "Spero che tutta la partita relativa alle Regioni - ha detto - si possa definire: quel che chiediamo é rapidità e soprattutto operatività e, per evitare di stare sulla graticola, perché aspettando le singole Regioni si andrebbe alle calende greche, il decreto ci sembra quantomai opportuno".

Sul tema Zaia ricorda che "il Veneto ha presentato un documento serio per la riduzione delle indennità e la perequazione. Non a caso, in una situazione in cui i consiglieri regionali italiani sono circa 350 in più rispetto alle norme, siamo stati i soli ad adeguarci nello Statuto, seguiti poi solo dalla Toscana, anche se attraverso una semplice legge finanziaria". Quel che il Veneto chiede, comunque, non si ferma qui: "ci auguriamo che il decreto elimini i monogruppi formatisi dopo le elezioni, con il collaterale problema del finanziamento dei gruppi, che definisca una volta per tutte il numero delle commissioni e fino in fondo il finanziamento dei gruppi per la sola attività istituzionale, che stabilisca una sola indennità, senza rimborsi, differenziando e giustificando le differenziazioni degli stipendi a seconda della carica, facendo così ordine nella babele all'interno degli enti e tra gli enti. Quanto? Faccia il Governo, purché uguale per tutti: l'importante è che finiscano certi tormentoni".

"Il problema - prosegue Zaia - è principalmente quello della tempestività dell'intervento e, in secondo luogo, dell'uniformità, chiedendo che siano previste sanzioni per chi si discosta dalle norme. Ringraziamo dunque il Capo dello Stato per aver subito raccolto il segnale delle Regioni e, nella speranza che i cinque punti evidenziati dal nostro documento siano accolti, diciamo che ci va bene qualunque parametro, ma facendo chiarezza e premiando la virtuosità, da valutare attraverso il risultato amministrativo e punendo chi non osserva i parametri".
 

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
COVID, ASSUNZIONI IN CALO IN AGRICOLTURA - Da un'indagine di Cia Padova e Venet...

VIRUS, IL DICEMBRE DEL VENETO RIMANE INSPIEGABILE - Prima una scalata vertiginosa ben al di sopra dei numeri della prima ondata, poi il crollo verticale addirit...

CRISI DEL GOVERNO: COSA NE PENSANO I PADOVANI - Mercoledì sera con l'annuncio di Matteo Renzi riguardo le dimissioni delle ministre Bonetti e Bellanova, si è aperta ufficialmente la crisi di gover...

CARBURANTI, ORA I PREZZI RITORNANO A SALIRE - Il decreto del Mise con l'inizio del nuovo anno ha stabilito un aumento graduale del carburan...

ZAIA: "PARAMETRI UNIFORMI PER LE NUOVE RESTRIZIONI" - Il Presidente del Veneto si fa portavoce delle istanze delle Regioni. Intanto migliorano i dati sui ricoveri.

OLIMPIADI, PIOGGIA DI MILIONI PER LE STRADE VENETE - In vista delle olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, il Governo stanzia un miliardo di euro per le infrastrutture: 325 milio...

MEZZI DI TRASPORTO: SI SALE CON GUANTI E MASCHERINE. E' entrata in vigore dalla scorsa mezzanotte e lo sarà fino al 13 ...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzan...

NUOVI INCENTIVI PER VEICOLI ELETTRICI NEL 2020-21 - Il decreto milleproroghe 2019 stanzia nuovi fondi per il biennio 202...

SINDACATI: "DALLA REGIONE PIU' RISORSE AGLI ANZIANI" - Nella conferenza stampa congiunta di SPI CGIL, FNP CISL e UILP, le richieste dei pens...