AGRICOLTURA: FEDAGRI, A RISCHIO RACCOLTO CEREALI AL NORD
news locale - 03/10/2012 11:20

UDINE, 3 OTT - Il caldo torrido dell'estate 2012 rischia di mettere in ginocchio migliaia di aziende agricole della filiera cerealicola nel Friuli Venezia Giulia e nelle altre regioni del Nord. A risentirne potrebbe essere anche la filiera del latte che utilizza i cereali (soprattutto mais) come alimento per i bovini. A lanciare l'allarme è Fedagri, precisando che a causare la situazione è il livello delle aflatossine che si sviluppano abbondanti sulla granella soprattutto nelle annate caratterizzate da temperature molto elevate e clima umido, come accaduto nel 2003. Il rischio è che una parte rilevante del raccolto non possa essere commercializzata per ragioni sanitarie, in quanto supererebbe i limiti europei stabiliti per il contenuto di micotossine. "Si tratta di una vera e propria calamità per uno dei settori trainanti dell'agricoltura regionale - spiegano da Confcooperative Fvg - e la filiera del latte potrebbe risentirne in maniera considerevole: centinaia di aziende zootecniche, infatti, sono a rischio perché alimentano le bovine con mais e insilato di mais contaminato dalle tossine". Il danno sarebbe dunque enorme e per questo Fedagri Fvg si è fatta capofila delle altre regioni del Nord (Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna) per presentare ai Ministeri della Salute e delle Politiche agricole un documento per chiedere delle deroghe ai limiti imposti per le aflatossine. Le cooperative agricole chiedono infatti, come misura straordinaria per scongiurare la perdita del raccolto e la crisi del settore, di adottare temporaneamente i limiti, più alti, previsti negli Stati Uniti per lo stesso tipo di tossine.

AGRICOLTURA: FEDAGRI, A RISCHIO RACCOLTO CEREALI AL NORD

UDINE, 3 OTT - Il caldo torrido dell'estate 2012 rischia di mettere in ginocchio migliaia di aziende agricole della filiera cerealicola nel Friuli Venezia Giulia e nelle altre regioni del Nord. A risentirne potrebbe essere anche la filiera del latte che utilizza i cereali (soprattutto mais) come alimento per i bovini. A lanciare l'allarme è Fedagri, precisando che a causare la situazione è il livello delle aflatossine che si sviluppano abbondanti sulla granella soprattutto nelle annate caratterizzate da temperature molto elevate e clima umido, come accaduto nel 2003. Il rischio è che una parte rilevante del raccolto non possa essere commercializzata per ragioni sanitarie, in quanto supererebbe i limiti europei stabiliti per il contenuto di micotossine. "Si tratta di una vera e propria calamità per uno dei settori trainanti dell'agricoltura regionale - spiegano da Confcooperative Fvg - e la filiera del latte potrebbe risentirne in maniera considerevole: centinaia di aziende zootecniche, infatti, sono a rischio perché alimentano le bovine con mais e insilato di mais contaminato dalle tossine". Il danno sarebbe dunque enorme e per questo Fedagri Fvg si è fatta capofila delle altre regioni del Nord (Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna) per presentare ai Ministeri della Salute e delle Politiche agricole un documento per chiedere delle deroghe ai limiti imposti per le aflatossine. Le cooperative agricole chiedono infatti, come misura straordinaria per scongiurare la perdita del raccolto e la crisi del settore, di adottare temporaneamente i limiti, più alti, previsti negli Stati Uniti per lo stesso tipo di tossine.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
COVID, ASSUNZIONI IN CALO IN AGRICOLTURA - Da un'indagine di Cia Padova e Veneto Lavoro emerge che ...

L'AGRICOLTURA RISENTE DEGLI EFFETTI DELLA PANDEMIA - L'agricoltura in Veneto è stata penalizzata dalle restrizioni dovute al Covid, ma è ...

Tv7 con Voi del 16/12/2020 - Recovery Fund e agricoltura Ospite: - Gianmichele Passarini, Presidente CIA Veneto - Isc...

Tv7 con Voi del 20/5/2020 - Non solo agricoltura Ospite: - Giuseppe Pan, Assessore agricoltura Regione del Veneto - Iscriviti al canale Yo...

#lacampagnanonsiferma, questo è l’hashtag diffuso tra i post dei social di imprenditori e consumatori che cercano di sostenere il Made in Italy. Così la condivisione continua, ma è Coldiretti Ven...

VOGLIA DI RIPRESA AL MERCATO KM 0 DI CITTADELLA   ---- Il Covid-19, è causa n...

FONDI IN ARRIVO PER LO SVILUPPO DI SAN MARTINO  ---- Compito di ogni Amministra...

IN ALTA PADOVANA IL PERCOLATO DIVENTA FERTILIZZANTE ---- Ciò che inquina grazie allo studio e alla volontà di chi preserva l'ambiente si t...

Tv7 con Voi del 27/6/2019 - Agricoltura: parliamo anche di pensioni Ospiti: - Massimo Lazzarin,Direttore INAC-CIA Padova - Dino Milanello,Presidente ANP-CIA Padova - Iscriviti al canale YouTube del ...

CRESCE L'AGRICOLTURA VENETA, PRODOTTI 6,4 MILIARDI - Presentato all'Agripolis di Legnaro il primo re...