SVENTATA ESTORSIONE A CALCIATORE, 2 ARRESTI A VENEZIA DA PS
news locale - 04/10/2012 11:17

VENEZIA, 4 OTT - La Polizia di Stato ha sventato un'estorsione ai danni di un calciatore del Trento (serie D), arrestando due veneziani. La squadra mobile di Venezia e quella di Rovigo, assieme al Commissariato di Porto Tolle (Rovigo), ha chiuso il caso nella città lagunare, dove la vittima si è incontrata con i due presunti ricattatori, fermati dopo aver ricevuto 5 mila euro in contanti. La vicenda parte dalla vendita nell'agosto scorso, su Ebay, di un motoscafo con due motori fuori bordo del valore di 45 mila euro, di proprietà del calciatore, che vive a Porto Tolle. All'annuncio hanno risposto due persone, che si sono incontrati il 24 agosto con l'atleta, consegnandogli degli assegni per un importo di 25 mila euro, che poi si è scoperto essere 'scoperti'. Alcuni giorni dopo la vittima ricevette una telefonata da parte di un intermediatore che fece intendere alla vittima che la vicenda si sarebbe potuta sistemare dietro il compenso di 5 mila euro. Le telefonate si sono ripetute nei giorni a seguire, costringendo il giocatore a rivolgersi alla Polizia, come aveva già fatto in precedenza dopo aver 'perso' il motoscafo. All'appuntamento, fissato a Venezia, i presunti ricattatori sono giunti col motoscafo, sul quale è poi salito il calciatore, che ha consegnato la busta col denaro pattuito. A quel punto sono intervenuti gli agenti, che avevano predisposto un piano per evitare la fuga dei ricattatori, che sono stati ammanettati.

SVENTATA ESTORSIONE A CALCIATORE, 2 ARRESTI A VENEZIA DA PS

VENEZIA, 4 OTT - La Polizia di Stato ha sventato un'estorsione ai danni di un calciatore del Trento (serie D), arrestando due veneziani. La squadra mobile di Venezia e quella di Rovigo, assieme al Commissariato di Porto Tolle (Rovigo), ha chiuso il caso nella città lagunare, dove la vittima si è incontrata con i due presunti ricattatori, fermati dopo aver ricevuto 5 mila euro in contanti. La vicenda parte dalla vendita nell'agosto scorso, su Ebay, di un motoscafo con due motori fuori bordo del valore di 45 mila euro, di proprietà del calciatore, che vive a Porto Tolle. All'annuncio hanno risposto due persone, che si sono incontrati il 24 agosto con l'atleta, consegnandogli degli assegni per un importo di 25 mila euro, che poi si è scoperto essere 'scoperti'. Alcuni giorni dopo la vittima ricevette una telefonata da parte di un intermediatore che fece intendere alla vittima che la vicenda si sarebbe potuta sistemare dietro il compenso di 5 mila euro. Le telefonate si sono ripetute nei giorni a seguire, costringendo il giocatore a rivolgersi alla Polizia, come aveva già fatto in precedenza dopo aver 'perso' il motoscafo. All'appuntamento, fissato a Venezia, i presunti ricattatori sono giunti col motoscafo, sul quale è poi salito il calciatore, che ha consegnato la busta col denaro pattuito. A quel punto sono intervenuti gli agenti, che avevano predisposto un piano per evitare la fuga dei ricattatori, che sono stati ammanettati.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy