TURISMO: FINOZZI, CARROZZONE STATALE NON HA MAI FUNZIONATO
news locale - 18/10/2012 11:28

VENEZIA, 18 OTT - "La buona fede del ministro Piero Gnudi è fuori discussione, ma la sua proposta di piano decennale, 'elaborato con i consulenti di Boston Consulting', non potrà essere molto diverso dal costoso e inefficiente carrozzone statale del passato, che ha dato il via dalla fine degli anni '70 al declino del turismo italiano, sprecando risorse a josa e complicando la vita a tutti". Lo rileva Marino Finozzi, assessore al turismo del Veneto, sconcertato dalle proposte fatte dal Ministro e riportate sul Sole 24 Ore. "Sconcertato e preoccupato -dice -: lo Stato dai quasi 2 mila miliardi di debiti vuole spendere e non assecondare lo sviluppo, sostituendosi agli imprenditori: non ha mai funzionato e non funzionerà. Il Veneto, da quando ha potuto operare più liberamente, ha aumentato, in un decennio, le sue presenze di circa il 30 per cento, superando i 63 milioni, e quelle straniere sono passate dalla metà del totale al 65 per cento di quest'anno. Non servono a nulla le pianificazioni e i finanziamenti per rottamazione finchè la fiscalità turistica e l'Iva ci mettono fuori concorrenza rispetto al resto d'Europa e del mondo e finchè vincoli di incerta interpretazione, inefficienze pubbliche, colpevoli tolleranze sugli abusi compromettono le possibilità degli imprenditori, il territorio e gli aspetti monumentali. I numeri sono chiarissimi: da noi, in Veneto, il turismo è cresciuto e quello estero continua a crescere, spesso a due cifre, mentre è quello nazionale, impoverito dalla depressione e da un prelievo fiscale unghiuto che lascia vuoti nei conti e nei redditi d'impresa, a tutti i livelli. Il turismo non è passato alle Regioni per graziosa concessione, ma perché nessuno ne poteva più di baracconi di Stato che facevano solo danni e anche a caro prezzo". "Ricordo a Gnudi - sottolinea - che nel nostro Paese il turismo lo hanno inventato, costruito e sviluppato gli imprenditori, spesso partendo dal nulla, che non hanno mai avuto problemi quando hanno trovato istituzioni che li hanno affiancati, mentre sono oggi strizzati da una fiscalità demente, confusi da regole pensate per chi le scrive e talvolta solleticati malamente da un apparato pubblico che ha tollerato tanti, troppi scempi ambientali, mentre il sistema creditizio pensa troppo spesso ad altro piuttosto che agli investimenti produttivi. Il solo leggere di una tassa di scopo mi fa rabbrividire: è deprimente sentire un ministro che pensa di creare sviluppo sottraendo altre risorse per spenderle in proprio. Per quanto mi riguarda, mi riservo la facoltà di ricorrere alla Corte Costituzionale per veder ristabilito l'ordine delle competenze".

TURISMO: FINOZZI, CARROZZONE STATALE NON HA MAI FUNZIONATO

VENEZIA, 18 OTT - "La buona fede del ministro Piero Gnudi è fuori discussione, ma la sua proposta di piano decennale, 'elaborato con i consulenti di Boston Consulting', non potrà essere molto diverso dal costoso e inefficiente carrozzone statale del passato, che ha dato il via dalla fine degli anni '70 al declino del turismo italiano, sprecando risorse a josa e complicando la vita a tutti". Lo rileva Marino Finozzi, assessore al turismo del Veneto, sconcertato dalle proposte fatte dal Ministro e riportate sul Sole 24 Ore. "Sconcertato e preoccupato -dice -: lo Stato dai quasi 2 mila miliardi di debiti vuole spendere e non assecondare lo sviluppo, sostituendosi agli imprenditori: non ha mai funzionato e non funzionerà. Il Veneto, da quando ha potuto operare più liberamente, ha aumentato, in un decennio, le sue presenze di circa il 30 per cento, superando i 63 milioni, e quelle straniere sono passate dalla metà del totale al 65 per cento di quest'anno. Non servono a nulla le pianificazioni e i finanziamenti per rottamazione finchè la fiscalità turistica e l'Iva ci mettono fuori concorrenza rispetto al resto d'Europa e del mondo e finchè vincoli di incerta interpretazione, inefficienze pubbliche, colpevoli tolleranze sugli abusi compromettono le possibilità degli imprenditori, il territorio e gli aspetti monumentali. I numeri sono chiarissimi: da noi, in Veneto, il turismo è cresciuto e quello estero continua a crescere, spesso a due cifre, mentre è quello nazionale, impoverito dalla depressione e da un prelievo fiscale unghiuto che lascia vuoti nei conti e nei redditi d'impresa, a tutti i livelli. Il turismo non è passato alle Regioni per graziosa concessione, ma perché nessuno ne poteva più di baracconi di Stato che facevano solo danni e anche a caro prezzo". "Ricordo a Gnudi - sottolinea - che nel nostro Paese il turismo lo hanno inventato, costruito e sviluppato gli imprenditori, spesso partendo dal nulla, che non hanno mai avuto problemi quando hanno trovato istituzioni che li hanno affiancati, mentre sono oggi strizzati da una fiscalità demente, confusi da regole pensate per chi le scrive e talvolta solleticati malamente da un apparato pubblico che ha tollerato tanti, troppi scempi ambientali, mentre il sistema creditizio pensa troppo spesso ad altro piuttosto che agli investimenti produttivi. Il solo leggere di una tassa di scopo mi fa rabbrividire: è deprimente sentire un ministro che pensa di creare sviluppo sottraendo altre risorse per spenderle in proprio. Per quanto mi riguarda, mi riservo la facoltà di ricorrere alla Corte Costituzionale per veder ristabilito l'ordine delle competenze".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
COMMERCIO: TUTTO FERMO A CITTADELLA----Cittadella è come una fotografia. Tutto ...

IL COVID COLPISCE IL TURISMO TERMALE - La pandemia da Covid ha colpito il turismo termale in Veneto, nel corso del 2020 infatti ben 8 ospiti su 10 non sono arrivati. Le restrizioni...

3 MILIONI E MEZZO PER RILANCIARE IL TURISMO - La Giunta Regionale del Veneto ha deciso di incrementare di 3,6 milioni di euro i contributi destinati alle piccole e medie imprese del settore turistico....

IL COMMERCIO AD ABANO SENZA TURISTI E' CRITICO - E’ una voce unanime quella del commercio aponense...

TURISMO: NESSUNA CERTEZZA PER LA RIPARTENZA. Se è vero che per l'economia del paese il turismo è u...

FONDI IN ARRIVO PER LO SVILUPPO DI SAN MARTINO  ---- Compito di ogni Amministrazione, quello di fare il possibile per i...

BOOM TURISTICO AD AGOSTO, + 9% SUL 2018 - Dopo una partenza di stagione molto incerta, per il Veneto è iniziato un agos...

PADOVA TURISTICA, COSA SI PREVEDE PER L'ESTATE - Si è aperta una nuova stagione turistica per la Città del Santo, che potrebbe, però, ess...

TURISTI IN ARRIVO, LA PADOVA NATALIZIA È RICHIESTA - Dicembre sarà un mese soddisfacente per l'osp...

Si è tenuto oggi al Terminal Passeggeri della Stazione Marittima di Venezia, l'incontro di presentazione delle linee guida del Piano Strategico del Turismo Veneto (PSTV). Al centr...