PROVINCE: BITONCI (LN), TAGLIO INUTILE NESSUN RISPARMIO
news locale - 22/10/2012 13:23

VENEZIA, 22 OTT - "Smembrare in questo modo le province è inutile, sbagliato e dannoso": lo rileva Massimo Bitonci, appreso che il ministro Patroni Griffi, attraverso un decreto legge, avrebbe impugnato la questione, decidendo quali modifiche effettuare all'attuale assetto. "Nel breve periodo - rileva - questa operazione ci costerà di più, anche perché, temo, molti dipendenti finiranno per essere ricollocati presso altri enti, come le Regioni, magari con incarichi di livello superiore, solo per scongiurare contenzioni di tipo sindacale. I benefici, se ci saranno, arriveranno fra parecchi anni, quando l'Italia sarà già sommersa dai debiti". "Il Governo romano, anche attraverso questo provvedimento - sottolinea in una nota -, da un lato dimostra ancora una volta la sua volontà accentratrice, dall'altro ripropone l'usata deferenza nei confronti dei soliti privilegiati. Non è possibile che, come sostiene il ministro Patroni Griffi, da giugno 2013 decadano tutte le giunte votate dai cittadini, prima della scadenza naturale. O che la transizione dal vecchio al nuovo sistema sia guidata da un commissario, magari di nomina ministeriale. Trovo odioso, inoltre, che le Regioni a statuto speciale possano, in barba a quelle a statuto ordinario, di fatto commissariate, e che già subiscono la concorrenza sleale delle sorelle più fortunate, decidere in autonomia come e quanto tagliare, senza alcuna ingerenza esterna". "Nessuna parola, inoltre, è stata spesa in merito alle peculiarità di territori come quello bellunese e polesano, che meritano, per la particolare conformazione, di essere tutelati e di avere una governance propria - insiste Bitonci -. Roma ha deciso e non aspetta tempo. Peccato che non ci dica quanti soldi crede di poter risparmiare con questa operazione. Di sicuro meno dei 228 milioni che i contribuenti pagano per sostenere le spese del Quirinale, circa 433 euro al minuto. Meno dei 900 milioni che la legge di stabilità sblocca in favore della Sicilia".

PROVINCE: BITONCI (LN), TAGLIO INUTILE NESSUN RISPARMIO

VENEZIA, 22 OTT - "Smembrare in questo modo le province è inutile, sbagliato e dannoso": lo rileva Massimo Bitonci, appreso che il ministro Patroni Griffi, attraverso un decreto legge, avrebbe impugnato la questione, decidendo quali modifiche effettuare all'attuale assetto. "Nel breve periodo - rileva - questa operazione ci costerà di più, anche perché, temo, molti dipendenti finiranno per essere ricollocati presso altri enti, come le Regioni, magari con incarichi di livello superiore, solo per scongiurare contenzioni di tipo sindacale. I benefici, se ci saranno, arriveranno fra parecchi anni, quando l'Italia sarà già sommersa dai debiti". "Il Governo romano, anche attraverso questo provvedimento - sottolinea in una nota -, da un lato dimostra ancora una volta la sua volontà accentratrice, dall'altro ripropone l'usata deferenza nei confronti dei soliti privilegiati. Non è possibile che, come sostiene il ministro Patroni Griffi, da giugno 2013 decadano tutte le giunte votate dai cittadini, prima della scadenza naturale. O che la transizione dal vecchio al nuovo sistema sia guidata da un commissario, magari di nomina ministeriale. Trovo odioso, inoltre, che le Regioni a statuto speciale possano, in barba a quelle a statuto ordinario, di fatto commissariate, e che già subiscono la concorrenza sleale delle sorelle più fortunate, decidere in autonomia come e quanto tagliare, senza alcuna ingerenza esterna". "Nessuna parola, inoltre, è stata spesa in merito alle peculiarità di territori come quello bellunese e polesano, che meritano, per la particolare conformazione, di essere tutelati e di avere una governance propria - insiste Bitonci -. Roma ha deciso e non aspetta tempo. Peccato che non ci dica quanti soldi crede di poter risparmiare con questa operazione. Di sicuro meno dei 228 milioni che i contribuenti pagano per sostenere le spese del Quirinale, circa 433 euro al minuto. Meno dei 900 milioni che la legge di stabilità sblocca in favore della Sicilia".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Tv7 Match del 12/02/2016 - NORDEST: SE E' MACRO SI PUO' FARE! Ospiti: -Prof. ERMANNO CHASEN,Editore GruppoTV7 -LUIGI CURTO,Presidente Confartigianato Veneto -GIORDANO RIELLO,Presi...

Sono 600 in Veneto gli operatori impegnati a seguire mille minori che soffrono di disabilità sensoriali, ciechi e sordi. Al momento il servizo per questi giovanissimi è messo a rischio per la mancat...

Riordino delle province, si è tenuta oggi la prima riunione dell’osservatorio sul riordino istituzionale costituito d...

L'assessore al bilancio della Regione Veneto, Roberto Ciambetti, rispode a chi in questi giorni sta protestando per l'in...

I tagli del Governo sulle Province toccano una delle categorie più delicate, i non vedenti. Lettori e ripetitori servizio fondamentale per ...

Concordano i Sindacati con la linea e con i dubbi espressi anche dal Pres.Provin...

Anche Elisa Venturini, Sindaco di Casalserugo e VicePres. ANCI Veneto presente all'incontro tra Enoch Soranzo, dipendeti della Provincia, Si...

Saranno 104 sindaci e 1.252 consiglieri comunali i votanti della nuova Provinc...

''Potrebbe diventare un disastro legislativo di portata enorme. Per questo ieri sera ho avuto un c...

VENEZIA, 4 NOV - "Mentre il meridione viene ampiamente sussidiato con fondi a pioggia, frutto della rapina fiscale che lo Stato compie nelle r...