AMBIENTE: APERTA CONFERENZA SU IDROCARBURI NEL MEDITERRANEO
news locale - 09/11/2012 11:45

VENEZIA, 9 NOV - Si è aperta oggi a palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, la Conferenza internazionale delle Regioni adriatiche e ioniche sulla salvaguardia delle Regioni del Mare Mediterraneo dall'estrazione di idrocarburi in mare. E' organizzata dai Consigli regionali di Veneto e Puglia sulla base dell'ordine del giorno adottato qualche mese fa dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome. A introdurre i lavori, il presidente del Consiglio veneto, Clodovaldo Ruffato. "Questa iniziativa - ha spiegato - trae origine dalle proposte di legge di Puglia, Veneto, Abruzzo e Molise e dal progetto di legge attualmente in discussione nelle Marche. Com'é noto, le moderne tecnologie consentono di superare ogni limite per le trivellazioni alla ricerca di gas e petrolio e, anzi, il mare aperto è diventato l'ambiente dove le compagnie petrolifere preferiscono operare, per la scarsità dei vincoli e gli obblighi inferiori". "In realtà - ha aggiunto -, le attività di ricerca ed estrazione devono essere attentamente valutate soprattutto per il rapporto costi-benefici: non solo per gli incidenti, ma anche per rischi meno appariscenti, ma che possono avere conseguenze anche superiori a una marea nera, a partire dalla subsidenza indotta, di cui abbiamo un esempio lampante proprio qui a Venezia". Ruffato ha dunque auspicato che si riescano a prendere tutte le precauzioni per evitare questo fenomeno. "Il fine della conferenza - ha concluso - è quello di costituire un tavolo di confronto fra tutte le Amministrazioni che si affacciano sull'Adriatico al fine di adottare un atteggiamento comune nei riguardi di questo tipo di attività. Stabilire, in particolare, quali siano le cautele da adottare per ciò che si può fare e cio che assolutamente, con le conoscenze attuali, non si può fare".

AMBIENTE: APERTA CONFERENZA SU IDROCARBURI NEL MEDITERRANEO

VENEZIA, 9 NOV - Si è aperta oggi a palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, la Conferenza internazionale delle Regioni adriatiche e ioniche sulla salvaguardia delle Regioni del Mare Mediterraneo dall'estrazione di idrocarburi in mare. E' organizzata dai Consigli regionali di Veneto e Puglia sulla base dell'ordine del giorno adottato qualche mese fa dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome. A introdurre i lavori, il presidente del Consiglio veneto, Clodovaldo Ruffato. "Questa iniziativa - ha spiegato - trae origine dalle proposte di legge di Puglia, Veneto, Abruzzo e Molise e dal progetto di legge attualmente in discussione nelle Marche. Com'é noto, le moderne tecnologie consentono di superare ogni limite per le trivellazioni alla ricerca di gas e petrolio e, anzi, il mare aperto è diventato l'ambiente dove le compagnie petrolifere preferiscono operare, per la scarsità dei vincoli e gli obblighi inferiori". "In realtà - ha aggiunto -, le attività di ricerca ed estrazione devono essere attentamente valutate soprattutto per il rapporto costi-benefici: non solo per gli incidenti, ma anche per rischi meno appariscenti, ma che possono avere conseguenze anche superiori a una marea nera, a partire dalla subsidenza indotta, di cui abbiamo un esempio lampante proprio qui a Venezia". Ruffato ha dunque auspicato che si riescano a prendere tutte le precauzioni per evitare questo fenomeno. "Il fine della conferenza - ha concluso - è quello di costituire un tavolo di confronto fra tutte le Amministrazioni che si affacciano sull'Adriatico al fine di adottare un atteggiamento comune nei riguardi di questo tipo di attività. Stabilire, in particolare, quali siano le cautele da adottare per ciò che si può fare e cio che assolutamente, con le conoscenze attuali, non si può fare".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
A PADOVA LA CAMPAGNA CONTRO L'ABBANDONO DI RIFIUTI - Pulizia per le vie della città, iniziativa promossa dalla Cooperativa ERICA con il sostegno del comune, p...

GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE PER LA BIODIVERSITÀ. Il 5 giugno si celebra la #giornatamondialedel...

INQUINAMENTO LUMINOSO,ARRIVANO 2.500 LED A PIAZZOLA --- Si fa sul serio a Piazzola sul Brenta in #Al...

ILLUMINAZIONE PUBBLICA, GRANTORTO ABBATE I COSTI  ---- Grantorto, Comune tra i ...

UNA DOMENICA INSIEME PER L'AMBIENTE A SAN GIORGIO  ---- Prosegue l’impegno dell’Amministrazione di San Giorgio in Bosco , in #Altapadovana nel sensibilizzare la cittadinanza s...

REALIZZATE GIÀ 447 PIANTUMAZIONI A TREBASELEGHE --- Tra le promesse in campagna elettorale, la piantumazione di una pianta ogni giorno di mandato. ATrebaseleghe, in #Altapadovana, sembra che l’Ammi...

NUOVI INCENTIVI PER VEICOLI ELETTRICI NEL 2020-21 - Il decreto milleproroghe 2019 stanzia nuovi fond...

COLDIRETTI: URGE DIFESA CONTRO LA CIMICE ASIATICA - Ancora grande insicurezza tra i frutticoltori veneti per i possibil...

SMOG, POLVERI SOTTILI IN CALO NEL 2019 - I dati ARPAV mostrano un'inflessione d...

RINNOVATI I SERRAMENTI ALLA PRIMARIA DI MARSANGO ---- L'Amministrazione del Comune di Campo San Mart...