GIOIELLIERE FERITO IN RAPINA, CONDIZIONI IN MIGLIORAMENTO
news locale - 09/11/2012 12:47

PIEVE DI SOLIGO (TREVISO), 9 NOV - Si sono stabilizzate e ora seguono un percorso di evoluzione positiva le condizioni del gioielliere trevigiano 47enne rimasto ferito ieri sera nel corso di una rapina ai danni del negozio di Pieve di Soligo di cui è proprietario assieme al padre. L'uomo, di 47 anni, raggiunto da un colpo di pistola al basso ventre, non è mai stato in pericolo di vita; si trova nel reparto di terapia intensiva in attesa di una definizione della prognosi. Il suo stato fisico dovrebbe consentirgli tra breve, su autorizzazione dei medici, di rispondere alle domande degli investigatori o, ipotesi non esclusa, direttamente del pubblico ministero incaricato dell'inchiesta. I carabinieri hanno intanto ascoltato molti testimoni, secondo i quali i malviventi parlavano in italiano, anche se alcuni hanno riferito di aver avuto l'impressione si trattasse di un accento dell'est europeo. I malviventi hanno esploso i tre colpi di pistola nel momento in cui il negoziante, che avrebbe pronunciato un insulto al loro indirizzo, si è spostato dietro il bancone, facendo temere forse alla banda una reazione. L'automobile impiegata per la prima parte della fuga è stata ritrovata poco più tardi nelle vicinanze ed è risultata essere una Fiat "Uno" rubata poco prima nei dintorni. I banditi si sono poi allontanati definitivamente a bordo di un altra vettura.

GIOIELLIERE FERITO IN RAPINA, CONDIZIONI IN MIGLIORAMENTO

PIEVE DI SOLIGO (TREVISO), 9 NOV - Si sono stabilizzate e ora seguono un percorso di evoluzione positiva le condizioni del gioielliere trevigiano 47enne rimasto ferito ieri sera nel corso di una rapina ai danni del negozio di Pieve di Soligo di cui è proprietario assieme al padre. L'uomo, di 47 anni, raggiunto da un colpo di pistola al basso ventre, non è mai stato in pericolo di vita; si trova nel reparto di terapia intensiva in attesa di una definizione della prognosi. Il suo stato fisico dovrebbe consentirgli tra breve, su autorizzazione dei medici, di rispondere alle domande degli investigatori o, ipotesi non esclusa, direttamente del pubblico ministero incaricato dell'inchiesta. I carabinieri hanno intanto ascoltato molti testimoni, secondo i quali i malviventi parlavano in italiano, anche se alcuni hanno riferito di aver avuto l'impressione si trattasse di un accento dell'est europeo. I malviventi hanno esploso i tre colpi di pistola nel momento in cui il negoziante, che avrebbe pronunciato un insulto al loro indirizzo, si è spostato dietro il bancone, facendo temere forse alla banda una reazione. L'automobile impiegata per la prima parte della fuga è stata ritrovata poco più tardi nelle vicinanze ed è risultata essere una Fiat "Uno" rubata poco prima nei dintorni. I banditi si sono poi allontanati definitivamente a bordo di un altra vettura.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy