AMBIENTE: GAS RADON, TRA PREVENZIONE E RISANAMENTO
news locale - 16/11/2012 13:01

VENEZIA, 16 NOV - Fornire agli amministratori dei Comuni maggiormente interessati per la presenza di gas radon non solo una panoramica sulla normativa vigente e una valutazione dei rischi, ma soprattutto indicazioni tecniche di risanamento degli edifici. Con questi obiettivi si è tenuto oggi a Palazzo Ferro Fini, per iniziativa della Commissione Ambiente, presieduta da Nicola Finco (Ln), il seminario "Gas Radon: tra prevenzione e risanamento". All'incontro, oltre a tecnici della Regione e di Arpav che a vario titolo si occupano del problema, sono intervenuti il prof. Giovanni Zannoni, docente presso l'Università di Ferrara e lo Iuav di Venezia che ha parlato dei "sistemi di prevenzione e bonifica dell'edilizia esistente e di nuova costruzione" e il dott. Francesco Bochicchio, direttore del reparto radioattività dell'Istituto superiore di Sanità, che ha parlato degli effetti del Radon sulla salute e degli sviluppi normativi. Il gas radon, gas radioattivo naturale, proviene principalmente dal sottosuolo: è prodotto dal decadimento dell'Uranio, componente radioattivo primordiale del pianeta Terra. Essendo un gas, il radon fuoriesce continuamente dal terreno: all'aperto si disperde miscelandosi con l'aria presente in atmosfera, mentre all'interno di ambienti chiusi può concentrarsi raggiungendo livelli elevati. "Studi epidemiologici compiuti negli ultimi anni - ha detto Finco - hanno dimostrato che l'esposizione a concentrazioni elevate di radon aumenta il rischio di tumori polmonari. Il radon, infatti, dopo il fumo di sigaretta, è considerato la seconda causa di tumori polmonari. La Regione Veneto - ha ricordato il consigliere - già dalla fine degli anni '90, in collaborazione con Arpav, ha effettuato numerose campagne di misurazione per valutare i valori di concentrazione nelle abitazioni e nelle strutture scolastiche, oltre che realizzare una serie di opere di bonifica. Secondo i dati forniti da Arpav in Veneto risultano maggiormente esposte al Radon radioattivo le aree montane del bellunese e del vicentino e quelle collinari del padovano e del trevigiano''. "Proprio a questo scopo - ha concluso Finco - nell'aprile scorso ho presentato un Progetto di Legge finalizzato a realizzare un piano regionale di prevenzione e riduzione dei rischi connessi all'esposizione del gas radon". "Si tratta - ha sottolineato Bochicchio - di un problema relativamente poco conosciuto, tant'é che l'Unione Europea ha deciso di fare una direttiva per includerlo nell'ambito delle radioprotezioni e quindi nei prossimi anni - ha informato - l'Italia sarà obbligata a recepire questa direttiva, che avrà requisiti molto stringenti sia per quanto riguarda i luoghi di lavoro, sia le abitazioni. L'Italia comunque sta lavorando su questi problemi già da molti anni e ha sviluppato un Piano nazionale Radon che contiene tante iniziative collegate tra loro, tutte con l'obiettivo di ridurre i rischi derivanti dalla presenza del gas".

AMBIENTE: GAS RADON, TRA PREVENZIONE E RISANAMENTO

VENEZIA, 16 NOV - Fornire agli amministratori dei Comuni maggiormente interessati per la presenza di gas radon non solo una panoramica sulla normativa vigente e una valutazione dei rischi, ma soprattutto indicazioni tecniche di risanamento degli edifici. Con questi obiettivi si è tenuto oggi a Palazzo Ferro Fini, per iniziativa della Commissione Ambiente, presieduta da Nicola Finco (Ln), il seminario "Gas Radon: tra prevenzione e risanamento". All'incontro, oltre a tecnici della Regione e di Arpav che a vario titolo si occupano del problema, sono intervenuti il prof. Giovanni Zannoni, docente presso l'Università di Ferrara e lo Iuav di Venezia che ha parlato dei "sistemi di prevenzione e bonifica dell'edilizia esistente e di nuova costruzione" e il dott. Francesco Bochicchio, direttore del reparto radioattività dell'Istituto superiore di Sanità, che ha parlato degli effetti del Radon sulla salute e degli sviluppi normativi. Il gas radon, gas radioattivo naturale, proviene principalmente dal sottosuolo: è prodotto dal decadimento dell'Uranio, componente radioattivo primordiale del pianeta Terra. Essendo un gas, il radon fuoriesce continuamente dal terreno: all'aperto si disperde miscelandosi con l'aria presente in atmosfera, mentre all'interno di ambienti chiusi può concentrarsi raggiungendo livelli elevati. "Studi epidemiologici compiuti negli ultimi anni - ha detto Finco - hanno dimostrato che l'esposizione a concentrazioni elevate di radon aumenta il rischio di tumori polmonari. Il radon, infatti, dopo il fumo di sigaretta, è considerato la seconda causa di tumori polmonari. La Regione Veneto - ha ricordato il consigliere - già dalla fine degli anni '90, in collaborazione con Arpav, ha effettuato numerose campagne di misurazione per valutare i valori di concentrazione nelle abitazioni e nelle strutture scolastiche, oltre che realizzare una serie di opere di bonifica. Secondo i dati forniti da Arpav in Veneto risultano maggiormente esposte al Radon radioattivo le aree montane del bellunese e del vicentino e quelle collinari del padovano e del trevigiano''. "Proprio a questo scopo - ha concluso Finco - nell'aprile scorso ho presentato un Progetto di Legge finalizzato a realizzare un piano regionale di prevenzione e riduzione dei rischi connessi all'esposizione del gas radon". "Si tratta - ha sottolineato Bochicchio - di un problema relativamente poco conosciuto, tant'é che l'Unione Europea ha deciso di fare una direttiva per includerlo nell'ambito delle radioprotezioni e quindi nei prossimi anni - ha informato - l'Italia sarà obbligata a recepire questa direttiva, che avrà requisiti molto stringenti sia per quanto riguarda i luoghi di lavoro, sia le abitazioni. L'Italia comunque sta lavorando su questi problemi già da molti anni e ha sviluppato un Piano nazionale Radon che contiene tante iniziative collegate tra loro, tutte con l'obiettivo di ridurre i rischi derivanti dalla presenza del gas".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
A PADOVA LA CAMPAGNA CONTRO L'ABBANDONO DI RIFIUTI - Pulizia per le vie della città, iniziativa promossa dalla Cooperativa ERICA con il so...

GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE PER LA BIODIVERSITÀ. Il 5 giugno si celebra la #giornatamondialedellambiente 2020; un evento per sensibiliz...

INQUINAMENTO LUMINOSO,ARRIVANO 2.500 LED A PIAZZOLA --- Si fa sul serio a Piazzola sul Brenta in #Altapadovana. Il Comune è ormai da tempo impegnato nel contra...

ILLUMINAZIONE PUBBLICA, GRANTORTO ABBATE I COSTI  ---- Grantorto, Comune tra i primi in #Altapadovana a capire le potenzialità offerte del...

UNA DOMENICA INSIEME PER L'AMBIENTE A SAN GIORGIO  ---- Prosegue l’impegno dell’Amministrazione di San Giorgio in Bosco , in #Altapadovana nel sensibilizzare la cittadinanza s...

REALIZZATE GIÀ 447 PIANTUMAZIONI A TREBASELEGHE --- Tra le promesse in campagna elettorale, la piantumazione di una pianta ogni giorno di mandato. ATrebaselegh...

NUOVI INCENTIVI PER VEICOLI ELETTRICI NEL 2020-21 - Il decreto milleproroghe 2019 stanzia nuovi fondi per il biennio 2020-21 per gli incentivi sui veicoli ibrid...

COLDIRETTI: URGE DIFESA CONTRO LA CIMICE ASIATICA - Ancora grande insicurezza tra i frutticoltori v...

SMOG, POLVERI SOTTILI IN CALO NEL 2019 - I dati ARPAV mostrano un'inflessione dei livelli di inquinanti in Veneto nel 2019 rispetto al 2018...

RINNOVATI I SERRAMENTI ALLA PRIMARIA DI MARSANGO ---- L'Amministrazione del Comune di Campo San Martino in #Altapadovana sta completando la ...