REGIONI:VENETO; CON FINANZIAMENTI UE PESCA GAC LANCIA SFIDA
news locale - 03/12/2012 11:30

VENEZIA, 3 DIC - Per la pesca professionale italiana si apre una sfida nuova, accompagnata da cofinanziamenti europei per un centinaio di milioni: creare nuove opportunità di sviluppo alle zone costiere facendo sistema tra questo comparto produttivo e le altre potenzialità di sviluppo economico - ambientale presenti nel territorio. E' questo l'obiettivo dei Gac italiani, i 37 Gruppi di azione costiera disseminati in tutte le Regioni che si affacciano sul mare, che si sono riuniti oggi per la prima volta assieme a Caorle, antica città di cultura peschereccia in provincia di Venezia, per approfondire come concretizzare un obiettivo già molto sviluppato nel resto d'Europa, ma sostanzialmente nuovo nel nostro Paese. "Non è solo un problema di novità - ha sottolineato l'assessore alla pesca del Veneto Franco Manzato nel salutare l'inizio dei lavori - ma anche di idee, burocrazia, procedure, a fronte di tempi di intervento molto ristretti, dal momento che le somme destinate a cofinanziare i Piani di sviluppo locali dovranno essere tutte impegnate entro il 31 dicembre 2013. Per questo, nell'organizzare l'incontro per il tramite del Gruppo d'Azione Costiera Veneziano 'VeGac' in collaborazione con la Direzione Generale della Pesca Marittima e Acquacoltura del Ministero Politiche Agricole, abbiamo scelto la formula dell'incontro di lavoro e non il tradizionale convegno 'accademico'". I Gac sono gruppi di partenariato pubblico - privato che insistono nelle aree costiere dipendenti dalla pesca, costituiti da rappresentanti della pesca, enti pubblici e altri comparti locali rilevanti, per esempio il turismo. Questi organismi devono elaborare ed attuare Piani di Sviluppo Locale finalizzati al rafforzamento strategico della filiera ittica e allo sviluppo dell'intero territorio interessato, che vengono cofinanziati dalla Ue. Al confronto di Caorle, che terminerà domattina, partecipano rappresentanti della Direzione Generale Mare della Commissione Europea, del Ministero e di Farnet, l'Unità di assistenza costituita dalla Commissione Europea per contribuire allo sviluppo sostenibile delle zone di pesca sulla base del cosiddetto Asse IV e del Fondo Europeo per la Pesca. "Come istituzioni - ha concluso Manzato - dobbiamo individuare, a livello nazionale e a livello regionale, un pacchetto di interventi anche legislativi che consentano di dare gambe e responsabilità ai Gac nella valorizzare dei partenariati locali".

REGIONI:VENETO; CON FINANZIAMENTI UE PESCA GAC LANCIA SFIDA

VENEZIA, 3 DIC - Per la pesca professionale italiana si apre una sfida nuova, accompagnata da cofinanziamenti europei per un centinaio di milioni: creare nuove opportunità di sviluppo alle zone costiere facendo sistema tra questo comparto produttivo e le altre potenzialità di sviluppo economico - ambientale presenti nel territorio. E' questo l'obiettivo dei Gac italiani, i 37 Gruppi di azione costiera disseminati in tutte le Regioni che si affacciano sul mare, che si sono riuniti oggi per la prima volta assieme a Caorle, antica città di cultura peschereccia in provincia di Venezia, per approfondire come concretizzare un obiettivo già molto sviluppato nel resto d'Europa, ma sostanzialmente nuovo nel nostro Paese. "Non è solo un problema di novità - ha sottolineato l'assessore alla pesca del Veneto Franco Manzato nel salutare l'inizio dei lavori - ma anche di idee, burocrazia, procedure, a fronte di tempi di intervento molto ristretti, dal momento che le somme destinate a cofinanziare i Piani di sviluppo locali dovranno essere tutte impegnate entro il 31 dicembre 2013. Per questo, nell'organizzare l'incontro per il tramite del Gruppo d'Azione Costiera Veneziano 'VeGac' in collaborazione con la Direzione Generale della Pesca Marittima e Acquacoltura del Ministero Politiche Agricole, abbiamo scelto la formula dell'incontro di lavoro e non il tradizionale convegno 'accademico'". I Gac sono gruppi di partenariato pubblico - privato che insistono nelle aree costiere dipendenti dalla pesca, costituiti da rappresentanti della pesca, enti pubblici e altri comparti locali rilevanti, per esempio il turismo. Questi organismi devono elaborare ed attuare Piani di Sviluppo Locale finalizzati al rafforzamento strategico della filiera ittica e allo sviluppo dell'intero territorio interessato, che vengono cofinanziati dalla Ue. Al confronto di Caorle, che terminerà domattina, partecipano rappresentanti della Direzione Generale Mare della Commissione Europea, del Ministero e di Farnet, l'Unità di assistenza costituita dalla Commissione Europea per contribuire allo sviluppo sostenibile delle zone di pesca sulla base del cosiddetto Asse IV e del Fondo Europeo per la Pesca. "Come istituzioni - ha concluso Manzato - dobbiamo individuare, a livello nazionale e a livello regionale, un pacchetto di interventi anche legislativi che consentano di dare gambe e responsabilità ai Gac nella valorizzare dei partenariati locali".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Quest’anno in gara a Sanremo due voci venete, Francesca Michielin e Madame. La prima, ventiseienne originaria di Bassano del Grappa, vinci...

COVID, ASSUNZIONI IN CALO IN AGRICOLTURA - Da un'indagine di Cia Padova e Veneto Lavoro emerge che nel 2020, l'anno dell'inizio dell'emergenza sanitaria da covid, il territorio padovano ha perso più...

In Veneto il tumore colpisce più gli uomini che le donne ma negli ultimi anni le nuove diagnosi hanno registrato dei ca...

VIRUS, IL DICEMBRE DEL VENETO RIMANE INSPIEGABILE - Prima una scalata vertiginosa ben al di sopra dei numeri della prima...

MORTI SUL LAVORO, IL 40% A CAUSA DEL COVID ---- Drammatici i dati sulle morti bianche da gennaio a dicembre 2020 elaborati da Vega Engineering di Mestre. L’in...

SALDI AL VIA IN VENETO: OSSIGENO PER I NEGOZIANTI-----Primo giorno di saldi per il Veneto. Grandi le aspettative che potrebbero essere confermate dal vivace movimento che si regist...

TAMPONI IN FARMACIA: ADESIONI IN CRESCITA-----Sempre più farmacie del territorio, hanno aderito in questi giorni all’...

COMINCIANO I SALDI IN VENETO----Inversione di marcia per il mondo dello shopping. La categoria si interroga sul saldo, come tipologia di vendita, a pochi giorni...

L'AGRICOLTURA RISENTE DEGLI EFFETTI DELLA PANDEMIA - L'agricoltura in Veneto è stata penalizzata dalle restrizioni dovute al Covid, ma è sopravissuta grazie ai 148 milioni di eu...

ZAIA: "PARAMETRI UNIFORMI PER LE NUOVE RESTRIZIONI" - Il Presidente del Veneto si fa portavoce delle istanze delle Regioni. Intanto migliorano i dati sui ricoveri.