CRISI: CGIA; PMI SENZA SOLDI, A RISCHIO LE TREDICESIME
news locale - 04/12/2012 11:36

VENEZIA, 4 DIC - La crisi, la stretta creditizia e la pressione fiscale potrebbero mettere a rischio il versamento delle 'tredicesime' da parte delle piccole imprese. Lo sostengono gli artigiani della Cgia di Mestre che rileva come "la stretta creditizia ha lasciato senza soldi le Pmi e, tra il fitto numero di impegni finanziari e di scadenze fiscali previste per il mese di dicembre, sono a rischio i pagamenti delle tredicesime". L'Sos è lanciato dal segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, che, in questi giorni, ha riscontrato un elevato numero di segnalazioni pervenute da molti piccoli imprenditori che si trovano in difficoltà per la mancanza di liquidità. "Non siamo in possesso di alcuna statistica in grado di dimensionare l'entità del fenomeno, tuttavia - prosegue Bortolussi - le segnalazioni giunte in queste ultime settimane presso i nostri uffici sono state numerosissime. Da sempre il mese di dicembre presenta un numero di scadenze fiscali e contributive molto onerose". "Detto ciò, è probabile - aggiunge -, vista la scarsa liquidità a disposizione, che molti piccoli imprenditori decideranno di onorare gli impegni con il fisco e di posticipare il pagamento della tredicesima, mettendo in difficoltà, loro malgrado, le famiglie dei propri dipendenti". Il quadro generale, ricorda la Cgia, è pesante perché dall'inizio di quest'anno la contrazione dei prestiti bancari erogati alle imprese è stata di 26,7 miliardi di euro (pari al -2,7%), mentre le sofferenze in capo al sistema imprenditoriale sono aumentate di 8,7 miliardi di euro (pari al +10,9%) (*). Se consideriamo che la produzione industriale è scesa del 6,5% e gli ordinativi del 10,4% (**), appare evidente che la situazione in capo alle imprese, soprattutto quelle di piccola dimensione, sia peggiorata drammaticamente.

CRISI: CGIA; PMI SENZA SOLDI, A RISCHIO LE TREDICESIME

VENEZIA, 4 DIC - La crisi, la stretta creditizia e la pressione fiscale potrebbero mettere a rischio il versamento delle 'tredicesime' da parte delle piccole imprese. Lo sostengono gli artigiani della Cgia di Mestre che rileva come "la stretta creditizia ha lasciato senza soldi le Pmi e, tra il fitto numero di impegni finanziari e di scadenze fiscali previste per il mese di dicembre, sono a rischio i pagamenti delle tredicesime". L'Sos è lanciato dal segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, che, in questi giorni, ha riscontrato un elevato numero di segnalazioni pervenute da molti piccoli imprenditori che si trovano in difficoltà per la mancanza di liquidità. "Non siamo in possesso di alcuna statistica in grado di dimensionare l'entità del fenomeno, tuttavia - prosegue Bortolussi - le segnalazioni giunte in queste ultime settimane presso i nostri uffici sono state numerosissime. Da sempre il mese di dicembre presenta un numero di scadenze fiscali e contributive molto onerose". "Detto ciò, è probabile - aggiunge -, vista la scarsa liquidità a disposizione, che molti piccoli imprenditori decideranno di onorare gli impegni con il fisco e di posticipare il pagamento della tredicesima, mettendo in difficoltà, loro malgrado, le famiglie dei propri dipendenti". Il quadro generale, ricorda la Cgia, è pesante perché dall'inizio di quest'anno la contrazione dei prestiti bancari erogati alle imprese è stata di 26,7 miliardi di euro (pari al -2,7%), mentre le sofferenze in capo al sistema imprenditoriale sono aumentate di 8,7 miliardi di euro (pari al +10,9%) (*). Se consideriamo che la produzione industriale è scesa del 6,5% e gli ordinativi del 10,4% (**), appare evidente che la situazione in capo alle imprese, soprattutto quelle di piccola dimensione, sia peggiorata drammaticamente.

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
UN ANNO SENZA SPETTACOLI AL GRAN TEATRO GEOX - È trascorso esattamente un anno da quando si sono chiusi i battenti dei ...

Nel corso del 2020, il sistema economico della provincia di Padova ha registrato una perdita di tre miliardi di euro, una diminuzione di ricchezza rispetto all...

SANREMO SENZA PUBBLICO: IL PENSIERO DEI PADOVANI -  Il Festival di Sanremo, in programma per cinque serate dal 2 al 6 marzo, sta dividendo l'opinione pubblica.  L'attuale Dpcm, in vigore fino al 5 m...

300 RISTORANTI DIVENTANO MENSE NEL PADOVANO-----Attualmente 50 a Padova e 250 in provincia, le realtà della ristorazione che hanno aderito alla “riconversion...

COMMERCIO: TUTTO FERMO A CITTADELLA----Cittadella è come una fotografia. Tutto è fermo, tutto si è bloccato per colpa dalla pandemia. Epp...

CROLLANO I CONSUMI IN VENETO - "Una cifra impressionante che da sola la dice lunga sulla necessità di provvedimenti rapidi che invece tardano ad arrivare", com...

IL COMMERCIO AD ABANO SENZA TURISTI E' CRITICO - E’ una voce unanime quella del commercio aponense, che chiede all’amministrazione di Ab...

UN'APP PER VALORIZZARE I COMMERCIANTI DI CARMIGNANO Una App per creare un filo diretto tra commercianti, alcune categorie di professionisti e cittadini per favorire l’acquisto di...

+++RISTORANTI E ALBERGHI: PERSI 1,6 MILIARDI IN VENETO+++ A livello regionale, dopo la Lombardia e il Lazio, la più col...

I COMMERCIANTI DEL CAMPOSAMPIERESE NON SI ARRENDONO ---- Non si arrendono i commercianti del camposa...