INCASTRATO IN CASSONETTO, PARROCO LO SALVA E GLI PAGA TICKET
news locale - 04/12/2012 12:37

PADOVA, 4 DIC - Era rimasto incastrato con un braccio nel cassonetto della Caritas che raccoglie gli abiti usati: il parroco ha sentito le invocazioni di aiuto di un immigrato marocchino, lo ha liberato e alla fine gli ha pure pagato il ticket sanitario. E' accaduto a Carmignano di Brenta, piccolo comune del padovano. Don Egidio Girolimetto è stato svegliato nella notte dalle urla dell'uomo, 38 anni, da tempo seguito dalla parrocchia, il cui braccio era rimasto incastrato nella morsa della ribaltina del cassone, dopo la caduta della bici usata come 'appoggio' per procurarsi alcuni degli abiti gettati nel contenitore. Il parroco, come racconta il Gazzettino, non ha perso tempo e insieme a due residenti ha liberato l'immigrato e chiamato l'ambulanza perché venisse curato per lo schiacciamento dell'avambraccio. Dimesso dall'ospedale, il marocchino è tornato in parrocchia per ringraziare il sacerdote, che per tutta risposta ha deciso di pagargli anche il ticket sanitario. "Se nessuno si fosse accorto - spiega don Egidio - quell'uomo era destinato alla morte perché non riusciva a liberarsi. Episodi simili non devono più accadere".

INCASTRATO IN CASSONETTO, PARROCO LO SALVA E GLI PAGA TICKET

PADOVA, 4 DIC - Era rimasto incastrato con un braccio nel cassonetto della Caritas che raccoglie gli abiti usati: il parroco ha sentito le invocazioni di aiuto di un immigrato marocchino, lo ha liberato e alla fine gli ha pure pagato il ticket sanitario. E' accaduto a Carmignano di Brenta, piccolo comune del padovano. Don Egidio Girolimetto è stato svegliato nella notte dalle urla dell'uomo, 38 anni, da tempo seguito dalla parrocchia, il cui braccio era rimasto incastrato nella morsa della ribaltina del cassone, dopo la caduta della bici usata come 'appoggio' per procurarsi alcuni degli abiti gettati nel contenitore. Il parroco, come racconta il Gazzettino, non ha perso tempo e insieme a due residenti ha liberato l'immigrato e chiamato l'ambulanza perché venisse curato per lo schiacciamento dell'avambraccio. Dimesso dall'ospedale, il marocchino è tornato in parrocchia per ringraziare il sacerdote, che per tutta risposta ha deciso di pagargli anche il ticket sanitario. "Se nessuno si fosse accorto - spiega don Egidio - quell'uomo era destinato alla morte perché non riusciva a liberarsi. Episodi simili non devono più accadere".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy