REGIONI: VALDEGAMBERI (UDC): SECONDA REPUBBLICA ROVINA PAESE
news locale - 07/12/2012 12:23

VENEZIA, 7 DIC - Bastano pochi dati per capire che i veri colpevoli della rovina del Paese sono i politici della seconda Repubblica. Lo sostiene in una nota il capogruppo dell'UdC in Consiglio regionale, Stefano Valdegamberi. "E' ormai un luogo comune - scrive - scaricare le colpe su chi forse ha qualche merito, e prendersi i meriti quando invece si hanno responsabilità politiche, anche gravi. Per anni la nuova classe politica italiana si è scagliata contro la cosiddetta "Prima Repubblica", rea di aver creato il debito pubblico e di aver portato alla rovina un Paese. Niente di più falso. Se si guardano i dati, - dichiara Valdegamberi - si scopre che la rovina viene proprio dalla "Seconda Repubblica", nata sulle ceneri della prima, con l'intento dichiarato di rimettere a posto le cose ed i conti dello Stato. Nel 1992, - ricorda - alla fine di 40 anni dei governi democristiani, che hanno portato l'Italia dalla deflagrazione globale della seconda guerra mondiale ad essere l'ottava potenza del pianeta, il debito pubblico ammontava (a valori attuali) in 700 miliardi di euro. Allora c'era ancora un patrimonio pubblico di aziende a partecipazione statale (Ferrovie, Enel, Sip, Poste etc), valutato in 400 miliardi di euro, che, si diceva, sarebbe servito ad abbattere il debito sovrano. Oggi, a distanza di soli 20 anni, il debito pubblico è arrivato a 2000 miliardi di euro ed il patrimonio è stato in buona parte dilapidato. Bastano solo questi dati - ribadisce il capogruppo dell'UdC - per capire i danni che ha fatto al nostro Paese la politica dei dispensatori di bugie e dei venditori di sogni, che, dopo aver abbandonato la Nave Italia alla deriva, ora hanno pure il coraggio di attaccare chi cerca disperatamente di portarla in acque tranquille".

REGIONI: VALDEGAMBERI (UDC): SECONDA REPUBBLICA ROVINA PAESE

VENEZIA, 7 DIC - Bastano pochi dati per capire che i veri colpevoli della rovina del Paese sono i politici della seconda Repubblica. Lo sostiene in una nota il capogruppo dell'UdC in Consiglio regionale, Stefano Valdegamberi. "E' ormai un luogo comune - scrive - scaricare le colpe su chi forse ha qualche merito, e prendersi i meriti quando invece si hanno responsabilità politiche, anche gravi. Per anni la nuova classe politica italiana si è scagliata contro la cosiddetta "Prima Repubblica", rea di aver creato il debito pubblico e di aver portato alla rovina un Paese. Niente di più falso. Se si guardano i dati, - dichiara Valdegamberi - si scopre che la rovina viene proprio dalla "Seconda Repubblica", nata sulle ceneri della prima, con l'intento dichiarato di rimettere a posto le cose ed i conti dello Stato. Nel 1992, - ricorda - alla fine di 40 anni dei governi democristiani, che hanno portato l'Italia dalla deflagrazione globale della seconda guerra mondiale ad essere l'ottava potenza del pianeta, il debito pubblico ammontava (a valori attuali) in 700 miliardi di euro. Allora c'era ancora un patrimonio pubblico di aziende a partecipazione statale (Ferrovie, Enel, Sip, Poste etc), valutato in 400 miliardi di euro, che, si diceva, sarebbe servito ad abbattere il debito sovrano. Oggi, a distanza di soli 20 anni, il debito pubblico è arrivato a 2000 miliardi di euro ed il patrimonio è stato in buona parte dilapidato. Bastano solo questi dati - ribadisce il capogruppo dell'UdC - per capire i danni che ha fatto al nostro Paese la politica dei dispensatori di bugie e dei venditori di sogni, che, dopo aver abbandonato la Nave Italia alla deriva, ora hanno pure il coraggio di attaccare chi cerca disperatamente di portarla in acque tranquille".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
ZAIA: "PARAMETRI UNIFORMI PER LE NUOVE RESTRIZIONI" - Il Presidente del Veneto si fa portavoce delle istanze delle Regioni. Intanto migliorano i dati sui ricoveri.

Secondo l'Agenzia per la Coesione Territoriale, i cittadini veneti hanno sborsato una somma di denaro pari a 71,843 miliardi di euro riguardante qualsiasi tipo ...

E' stata presentata a Padova in anteprima “Romea Strata”, l'iniziativa fortemente voluta nell'Anno del Giubileo e ch...

Con la nuova legge di stabilità il Governo Renzi gioca d'azzardo sulla pelle dei cittadini, infatti ha finanziato il taglio della Tasi incremendando il debito, tagliando oltre 3 miliardi alla sanità...

I Popolari per l'Italia hano fatto la loro scelta , appoggeranno il Sindaco scaligero Flavio Tosi candidato Presidente alle Regionali 2015. Molti i punti in comune che hanno fatto...

Da domenica 22 a martedì 24 febbraio, torna in Prato della Valle la manifestazione enogastronomica "Bell'Italia" giunta quest'anno alla 9^ ...

VENEZIA - Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, h...

VENEZIA - Le autostrade venete sono in testa alla classifica dei rincari in vigore...

VENEZIA  - "La notizia della probabile fusione tra due consorzi agrari come quello Lombardo Veneto e quel...

VENEZIA, 25 NOV - "E' un risultato che premia l'eccellenza della Biennale di Venezia e che spero sia di buon auspicio per i prossimi appuntamenti org...