CAPODANNO: BOTTI; LAV,UN INFERNO,COME PROTEGGERE GLI ANIMALI
news locale - 27/12/2012 11:22

VICENZA, 27 DIC - Mille luci, ma anche tanto rumore: i botti della notte di San Silvestro possono provocare gravi danni agli animali domestici. L'allarme viene dalla Lav (Lega antivivisezione) di Bassano (Vicenza), la quale stima che "queste esplosioni provochino ogni anno la morte di 5000 animali tra i quali oltre 500 cani ed altrettanti gatti oltre a uccellini ed animali del bosco che muoiono di crepacuore". Perciò, in vista del Capodanno, la Lav lancia un appello ai sindaci affinché emanino ordinanze di divieto all'utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere sul loro territorio. "I forti rumori - spiega Ilaria Innocenti, responsabile Lav per il settore cani e gatti - sono fonte di pericolo per gli animali poiché li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri". Anche per i selvatici il benvenuto al nuovo anno non è migliore: improvvise detonazioni causano negli uccelli in riposo sui posatoi notturni istintive reazioni di fuga che unite alla mancanza di visibilità diventano mortali. "La mezzanotte del 31 dicembre per gli animali selvatici è un momento d'inferno - afferma Massimo Vitturi, responsabile per caccia e fauna selvatica - il rischio maggiore riguarda gli uccelli delle aree urbane, che fuggendo muoiono sbattendo contro case, lampioni o automobili". La prima raccomandazione è di dare "il buon esempio, non usando botti o petardi neppure in un angolo del giardino, sul terrazzo o in strada", evitando di lasciare gli animali all'aperto. Lav raccomanda soprattutto di non tenerli legati alla catena "perché potrebbero strangolarsi". "Se di solito li tenete fuori consentitegli di trascorrere in casa questa serata - proseguono i responsabili Lav - non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto, dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili: oltre al microchip, medaglietta con un recapito". Viceversa, "se si nascondono in un luogo della casa, lasciateli tranquilli: considerano sicuro il loro rifugio". Si può anche cercare di minimizzare l'effetto dei botti tenendo accese radio o televisione, ma in ogni caso bisogna prestare attenzione "anche agli animali in gabbia, da non tenere sui balconi". Nel caso di animali anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili allo stress dei rumori è bene infine rivolgersi con anticipo al veterinario di fiducia, evitando "rimedi fai da te". Se l'animale scompare, "la prima cosa da fare è la denuncia di smarrimento".

CAPODANNO: BOTTI; LAV,UN INFERNO,COME PROTEGGERE GLI ANIMALI

VICENZA, 27 DIC - Mille luci, ma anche tanto rumore: i botti della notte di San Silvestro possono provocare gravi danni agli animali domestici. L'allarme viene dalla Lav (Lega antivivisezione) di Bassano (Vicenza), la quale stima che "queste esplosioni provochino ogni anno la morte di 5000 animali tra i quali oltre 500 cani ed altrettanti gatti oltre a uccellini ed animali del bosco che muoiono di crepacuore". Perciò, in vista del Capodanno, la Lav lancia un appello ai sindaci affinché emanino ordinanze di divieto all'utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici di ogni genere sul loro territorio. "I forti rumori - spiega Ilaria Innocenti, responsabile Lav per il settore cani e gatti - sono fonte di pericolo per gli animali poiché li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri". Anche per i selvatici il benvenuto al nuovo anno non è migliore: improvvise detonazioni causano negli uccelli in riposo sui posatoi notturni istintive reazioni di fuga che unite alla mancanza di visibilità diventano mortali. "La mezzanotte del 31 dicembre per gli animali selvatici è un momento d'inferno - afferma Massimo Vitturi, responsabile per caccia e fauna selvatica - il rischio maggiore riguarda gli uccelli delle aree urbane, che fuggendo muoiono sbattendo contro case, lampioni o automobili". La prima raccomandazione è di dare "il buon esempio, non usando botti o petardi neppure in un angolo del giardino, sul terrazzo o in strada", evitando di lasciare gli animali all'aperto. Lav raccomanda soprattutto di non tenerli legati alla catena "perché potrebbero strangolarsi". "Se di solito li tenete fuori consentitegli di trascorrere in casa questa serata - proseguono i responsabili Lav - non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto, dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili: oltre al microchip, medaglietta con un recapito". Viceversa, "se si nascondono in un luogo della casa, lasciateli tranquilli: considerano sicuro il loro rifugio". Si può anche cercare di minimizzare l'effetto dei botti tenendo accese radio o televisione, ma in ogni caso bisogna prestare attenzione "anche agli animali in gabbia, da non tenere sui balconi". Nel caso di animali anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili allo stress dei rumori è bene infine rivolgersi con anticipo al veterinario di fiducia, evitando "rimedi fai da te". Se l'animale scompare, "la prima cosa da fare è la denuncia di smarrimento".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
CENONE DI CAPODANNO ALL'INSEGNA DELLA TRADIZIONE - 7 italiani su 10 passeranno la notte di San Silvestro a casa, festeggiando con amici e pa...

GLI APPUNTAMENTI DI NATALE A PADOVA - Tanti gli appuntamenti per i padovani che trascorreranno le festività natalizie in città, a comincia...

CAPODANNO 2020: PIANO ORGANIZZATIVO - Il parcheggio di piazza Rabin aperto, un servizio di bus navetta capillare e gratuito e l'accesso all'area sottostante il ...

CAPODANNO IN PRATO, COME PADOVA SALUTA IL 2018 - Come ogni fine dell'anno che si rispetti anche quella del 2018 promette di concludersi letteralmente col botto in Prato della Valle, con il grande even...

CAPODANNO FRA AMICI, FESTA E AMORE - Arriva Capodanno e gli abitanti di Padova si dividono: festa tra amici o cena tranquilla?

PADOVA E PROVINCIA, GLI EVENTI DI CAPODANNO. Per chi rimane in città, tanti gli...

ARRIVA CAPODANNO: CONSIGLI UTILI PER CHI HA ANIMALI. Come ogni 31 dicembre, il pericolo dei festeggiamenti dell'ultimo ...

A CASA O IN VIAGGIO: IL CAPODANNO DEI PADOVANI. Trascorsi Natale e San Silvestro, i padovani si preparano al cenone di Capodanno. Tanti hann...

Verona | Fermato ieri il terzo complice che nella notte di Capodanno entrò alle Terme di Colà portando via un bottino da 4mila euro. Gli altri due erano già stati arrestati.

Si rivolge direttamente ai suoi concittadini il sindaco di Padova Massimo Bitonci in vista del Capodanno: la raccomandazione è quella di divertirsi, facendo attenzione ai botti a...