DROGA: SPACCIO A SCUOLA, ARRESTATI 7 MINORENNI A PADOVA
news locale - 22/05/2013 12:33

PADOVA, 22 MAG - I carabinieri della compagnia dei Carabinieri di Padova hanno sgominato una banda di ragazzini che gestiva una rete di spaccio in città di hashish e marijuana, piazzando la drogra soprattutto nelle scuole. In manette sono finiti anche altri 8 maggiorenni, un romeno, un tunisino e sei italiani. L'operazione è scattata dopo che madre di uno dei sette giovani aveva trovato nella stanza del figlio un panetto di hashish del peso di 2 etti. La donna ha dapprima gettato via la droga ma poi si è recata dai carabinieri spiegando che il figlio, a causa della sparizione dello stupefacente, era oggetto di pesanti minacce da parte dei coetanei che pretendevano i soldi dell'hashish perduto. I militari si sono messi al lavoro pedinando alcuni dei ragazzi che facevano parte della rete di spaccio ed intercettando i loro telefonini. Ne è emerso un consumo in larga scala della droga, anche all'interno dei bagni di alcuni istituti scolastici, tra i quali in particolare l'istituto agrario "Duca degli Abruzzi. All'alba di oggi i carabinieri del comando di Prato della Valle hanno notificato a sette minorenni gli arresti domiciliari previsti dalla legge, sotto la custodia dei genitori. L'operazione è stata coordinata dalla Procura dei minorenni di Venezia in collaborazione con la Procura di Padova, con il pm Sergio Dini. Durante le perquisizioni i carabinieri hanno anche provveduto all'arresto degli altri otto indagati, tutti di maggiore età. "Si tratta di un traffico pericoloso non tanto per la qualità della droga smerciata - ha spiegato il colonnello Renato Chicoli, comandante provinciale dei carabinieri di Padova - o per la quantità, ma per le caratteristiche dei consumatori: minorenni che frequentano le scuole superiori della città. Fondamentale, come spesso accade in questi casi, si è rivelata la collaborazione dei genitori degli studenti".

DROGA: SPACCIO A SCUOLA, ARRESTATI 7 MINORENNI A PADOVA

PADOVA, 22 MAG - I carabinieri della compagnia dei Carabinieri di Padova hanno sgominato una banda di ragazzini che gestiva una rete di spaccio in città di hashish e marijuana, piazzando la drogra soprattutto nelle scuole. In manette sono finiti anche altri 8 maggiorenni, un romeno, un tunisino e sei italiani. L'operazione è scattata dopo che madre di uno dei sette giovani aveva trovato nella stanza del figlio un panetto di hashish del peso di 2 etti. La donna ha dapprima gettato via la droga ma poi si è recata dai carabinieri spiegando che il figlio, a causa della sparizione dello stupefacente, era oggetto di pesanti minacce da parte dei coetanei che pretendevano i soldi dell'hashish perduto. I militari si sono messi al lavoro pedinando alcuni dei ragazzi che facevano parte della rete di spaccio ed intercettando i loro telefonini. Ne è emerso un consumo in larga scala della droga, anche all'interno dei bagni di alcuni istituti scolastici, tra i quali in particolare l'istituto agrario "Duca degli Abruzzi. All'alba di oggi i carabinieri del comando di Prato della Valle hanno notificato a sette minorenni gli arresti domiciliari previsti dalla legge, sotto la custodia dei genitori. L'operazione è stata coordinata dalla Procura dei minorenni di Venezia in collaborazione con la Procura di Padova, con il pm Sergio Dini. Durante le perquisizioni i carabinieri hanno anche provveduto all'arresto degli altri otto indagati, tutti di maggiore età. "Si tratta di un traffico pericoloso non tanto per la qualità della droga smerciata - ha spiegato il colonnello Renato Chicoli, comandante provinciale dei carabinieri di Padova - o per la quantità, ma per le caratteristiche dei consumatori: minorenni che frequentano le scuole superiori della città. Fondamentale, come spesso accade in questi casi, si è rivelata la collaborazione dei genitori degli studenti".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
SPACCIO DI DROGA IN ALTA, SGOMINATA BANDA ALBANESE --- Maxi operazione antidroga questa mattina del NORM di Cittadella in #Altapadovana, a contrasto dello spaccio di droga. Operazione eseguita in coll...

WEEKEND NEL SANGUE, TRE ACCOLTELLAMENTI IN CITTÀ - Padova ha vissuto un pessimo fine settimana, in ...

SPACCIAVANO EROINA AL PORTELLO, CINQUE ARRESTATI - Sono finiti in manette cinque tunisini che smerciavano cocaina presso porta Portello, rifornendo rivenditori e consumatori diretti ad ogni ora del gi...

Operazione lunga e complessa quella dei Carabinieri del Radiomobile di Cittadell...

A PADOVA L'EROINA NON È MAI SPARITA - Fra via della Pace e piazza Salvemini il consumo di eroina è all'ordine del giorno Rispetto agli anni più acuti dell'emergenza poco è camb...

DROGHE E CONSUMATORI NELLE OPINIONI DEI PADOVANI - Il mondo di chi fa uso di droga non è semplice da comprendere per chi non lo pratica. Per debolezza o evasione, secondo i cittadini di Padova chi si...

OLTRE MILLE EROINOMANI IN CURA A PADOVA - Il dottor Antonio Stivanello del Dipartimento per le Dipendenze di Padova, presso l'Ospedale ai Colli, ci spiega la situazione della dro...

EROINA A PADOVA, LA VOCE DI CHI NE FA USO - Due giovani consumatori di eroina parlano della cosiddetta "eroina gialla" e del ragazzo deceduto vicino alla stazione: era loro amico.

Arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Venezia per ipotesi di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti un cittadino albanese di 20 anni, incen...

USO E ABUSO DI DROGA, VENETO TRA LE PRIME IN ITALIA. Quanto è marcato il fenomento dell'uso di droghe, leggere e non, tra gli italiani? E quanto, questo, incide nella popolazione ...