DROGA: CAMPAGNA COMUNE VENEZIA CONTRO LO SPACCIO
news locale - 29/05/2013 11:59

VENEZIA, 29 MAG - Una campagna contro lo spaccio, che incomincia con una raffica di manifesti di poche parole, scritte come sul muro, ma molto esplicite: "Chi spaccia è un infame". Seguiranno altri manifesti e depliant dello stesso tenore e interventi di writers e messaggi e video virali in Rete. Da qui all'inizio del prossimo anno scolastico, in autunno, l'Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Venezia svilupperà un'offensiva incentrata sulla responsabilità mortale che si assume chi spaccia. "C'é una nuova leva di spacciatori, spesso molto giovani, che sta allargando il mercato soprattutto dell'eroina - dichiara l'assessore comunale alle politiche giovanili Gianfranco Bettin - coinvolgendo coetanei che difficilmente si farebbero avvicinare da notori tossicodipendenti o da spacciatori malavitosi ma che da coetanei simili a loro accettano il contatto e, spesso, la prova dell'iniziazione alle droghe, in particolare all'eroina". "I nuovi spacciatori, tra i quali vanno inseriti anche imprenditori, commercianti, professionisti, che affiancano questa losca attività - in questo caso anche rivolta al mercato della cocaina - a quelle legali (per superare difficoltà o semplicemente per avere un redditizio business nero parallelo), sono oggi fra i portatori di pericoli fra i più gravi corsi dalle nostre comunità - accusa - ma di ciò non vi è ancora piena consapevolezza. Serve quindi alzare i toni della denuncia, anche rivolgendosi in queste forme dirompenti all'opinione pubblica, alla città". Naturalmente, per Bettin, "servirà anche di più rilanciare un coordinamento tra tutte le istituzioni per imprimere una svolta nella lotta alle dipendenze, potenziando il lavoro di prevenzione tornato decisivo oggi ma drammaticamente a corto di risorse e in ritardo sulla nuova, preoccupante situazione. Per questo anche il coinvolgimento della comunità, della società civile organizzata è molto importante".

DROGA: CAMPAGNA COMUNE VENEZIA CONTRO LO SPACCIO

VENEZIA, 29 MAG - Una campagna contro lo spaccio, che incomincia con una raffica di manifesti di poche parole, scritte come sul muro, ma molto esplicite: "Chi spaccia è un infame". Seguiranno altri manifesti e depliant dello stesso tenore e interventi di writers e messaggi e video virali in Rete. Da qui all'inizio del prossimo anno scolastico, in autunno, l'Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Venezia svilupperà un'offensiva incentrata sulla responsabilità mortale che si assume chi spaccia. "C'é una nuova leva di spacciatori, spesso molto giovani, che sta allargando il mercato soprattutto dell'eroina - dichiara l'assessore comunale alle politiche giovanili Gianfranco Bettin - coinvolgendo coetanei che difficilmente si farebbero avvicinare da notori tossicodipendenti o da spacciatori malavitosi ma che da coetanei simili a loro accettano il contatto e, spesso, la prova dell'iniziazione alle droghe, in particolare all'eroina". "I nuovi spacciatori, tra i quali vanno inseriti anche imprenditori, commercianti, professionisti, che affiancano questa losca attività - in questo caso anche rivolta al mercato della cocaina - a quelle legali (per superare difficoltà o semplicemente per avere un redditizio business nero parallelo), sono oggi fra i portatori di pericoli fra i più gravi corsi dalle nostre comunità - accusa - ma di ciò non vi è ancora piena consapevolezza. Serve quindi alzare i toni della denuncia, anche rivolgendosi in queste forme dirompenti all'opinione pubblica, alla città". Naturalmente, per Bettin, "servirà anche di più rilanciare un coordinamento tra tutte le istituzioni per imprimere una svolta nella lotta alle dipendenze, potenziando il lavoro di prevenzione tornato decisivo oggi ma drammaticamente a corto di risorse e in ritardo sulla nuova, preoccupante situazione. Per questo anche il coinvolgimento della comunità, della società civile organizzata è molto importante".

La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
SPACCIO DI DROGA IN ALTA, SGOMINATA BANDA ALBANESE --- Maxi operazione antidroga questa mattina del NORM di Cittadella in #Altapadovana, a c...

WEEKEND NEL SANGUE, TRE ACCOLTELLAMENTI IN CITTÀ - Padova ha vissuto un pessimo fine settimana, in cui ben tre accoltel...

SPACCIAVANO EROINA AL PORTELLO, CINQUE ARRESTATI - Sono finiti in manette cinque tunisini che smerciavano cocaina presso porta Portello, rifornendo rivenditori e consumatori diretti ad ogni ora del gi...

Operazione lunga e complessa quella dei Carabinieri del Radiomobile di Cittadella che ha disarticolato un sodalizio italo- albanese dedito a...

A PADOVA L'EROINA NON È MAI SPARITA - Fra via della Pace e piazza Salvemini il consumo di eroina è all'ordine del giorno Rispetto agli anni più acuti dell'emergenza poco è camb...

DROGHE E CONSUMATORI NELLE OPINIONI DEI PADOVANI - Il mondo di chi fa uso di droga non è semplice d...

OLTRE MILLE EROINOMANI IN CURA A PADOVA - Il dottor Antonio Stivanello del Dipartimento per le Dipendenze di Padova, presso l'Ospedale ai Colli, ci spiega la situazione della dro...

EROINA A PADOVA, LA VOCE DI CHI NE FA USO - Due giovani consumatori di eroina parlano della cosiddet...

Arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Venezia per ipot...

USO E ABUSO DI DROGA, VENETO TRA LE PRIME IN ITALIA. Quanto è marcato il fenome...