Alluvione: Zaia, senza soldi da Roma rischio esiste ancora
Notizie e politica - 17/10/2013 12:29

(ANSA) - VENEZIA, 17 OTT - Fa parlare le cifre, il presidente del Veneto Luca Zaia sulle risorse impiegate dalla Regione per la difesa idrogeologica, dopo l'alluvione del 2010. 925 opere realizzate, in 233 comuni, con una spesa di 392 milioni, oltre 180 dei quali nei Comuni, e più di 131 e mezzo per bacini di laminazione e casse d'espansione che cubano oltre 33 milioni di metri cubi su 810 ettari di superficie. Eppure, il totale delle somme necessarie previste dal piano D'Alpaos per mettere in sicurezza il Veneto, ammonta a 2 milardi 731 milioni e 971 mila euro, 184 milioni e 800 mila dei quali da finanziare per bacini di laminazione delle piene in progettazione, per complessivi 27 milioni e 600 mila metri cubi su 537,70 ettari di superficie di bacino. Ecco perché Zaia lancia l'allarme: ''se non arrivano i soldi, il rischio idrogeologico, per noi, resta. A Roma chiediamo le risorse promesse nel 2010, tanto più di fronte a una legge di stabilità che è assolutamente una farsa. Ci lascino i diciotto miliardi di tasse che paghiamo a Roma, ci restituiscano i nostri soldi, perché ritengo che abbiamo diritto ad avere le risorse per mettere in sicurezza i cittadini. E poi, dopo aver parlato tanto di dissesto in occasione dell'anniversario del Vajont, si faccia un piano nazionale, in un contesto in cui noi abbiamo fatto il nostro". "In questi anni - ha proseguito - abbiamo fatto salti mortali, vedendo le procedure previste dalla legge italiana, e ci accreditiamo il fatto di aver realizzato opere e averne messe in cantiere altre in un Veneto in cui non si facevano più grandi opere idrauliche da 80 anni, facendo anche lavorare 365 imprese nei 925 cantieri ed avendo quindi un ritorno anche in termini di lavoro. Ma la mia preoccupazione vera è quella di poter continuare con questo progetto. Se ci fosse una nuova alluvione, il Veneto risponderebbe sicuramente in maniera più tonica, rispetto al 2010, ma sinceramente non so cosa accadrebbe se arrivasse tutta quell'acqua su fiumi letteralmente dimenticati come il Piave, sul quale è pronto un piano, presentato dall'assessore Conte, che però necessita di fondi''.
Alluvione: Zaia, senza soldi da Roma rischio esiste ancora
(ANSA) - VENEZIA, 17 OTT - Fa parlare le cifre, il presidente del Veneto Luca Zaia sulle risorse impiegate dalla Regione per la difesa idrogeologica, dopo l'alluvione del 2010. 925 opere realizzate, in 233 comuni, con una spesa di 392 milioni, oltre 180 dei quali nei Comuni, e più di 131 e mezzo per bacini di laminazione e casse d'espansione che cubano oltre 33 milioni di metri cubi su 810 ettari di superficie. Eppure, il totale delle somme necessarie previste dal piano D'Alpaos per mettere in sicurezza il Veneto, ammonta a 2 milardi 731 milioni e 971 mila euro, 184 milioni e 800 mila dei quali da finanziare per bacini di laminazione delle piene in progettazione, per complessivi 27 milioni e 600 mila metri cubi su 537,70 ettari di superficie di bacino. Ecco perché Zaia lancia l'allarme: ''se non arrivano i soldi, il rischio idrogeologico, per noi, resta. A Roma chiediamo le risorse promesse nel 2010, tanto più di fronte a una legge di stabilità che è assolutamente una farsa. Ci lascino i diciotto miliardi di tasse che paghiamo a Roma, ci restituiscano i nostri soldi, perché ritengo che abbiamo diritto ad avere le risorse per mettere in sicurezza i cittadini. E poi, dopo aver parlato tanto di dissesto in occasione dell'anniversario del Vajont, si faccia un piano nazionale, in un contesto in cui noi abbiamo fatto il nostro". "In questi anni - ha proseguito - abbiamo fatto salti mortali, vedendo le procedure previste dalla legge italiana, e ci accreditiamo il fatto di aver realizzato opere e averne messe in cantiere altre in un Veneto in cui non si facevano più grandi opere idrauliche da 80 anni, facendo anche lavorare 365 imprese nei 925 cantieri ed avendo quindi un ritorno anche in termini di lavoro. Ma la mia preoccupazione vera è quella di poter continuare con questo progetto. Se ci fosse una nuova alluvione, il Veneto risponderebbe sicuramente in maniera più tonica, rispetto al 2010, ma sinceramente non so cosa accadrebbe se arrivasse tutta quell'acqua su fiumi letteralmente dimenticati come il Piave, sul quale è pronto un piano, presentato dall'assessore Conte, che però necessita di fondi''.
La Parità per crescere
Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
MEZZI DI TRASPORTO: SI SALE CON GUANTI E MASCHERINE. E' entrata in vigore dalla scorsa mezzanotte e lo sarà fino al 13 ...

SPECIALIZZANDI IN CORSIA, ECCO COSA CAMBIA - Le nuove assunzioni di specializzandi negli ospedali ve...

SINDACATI: "DALLA REGIONE PIU' RISORSE AGLI ANZIANI" - Nella conferenza stampa congiunta di SPI CGIL, FNP CISL e UILP, le richieste dei pensionati in una regione in cui nonostante ...

VENETO, NUOVI INTROITI DALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI - 6 milioni di introito nel...

MEDICI SPECIALIZZANDI, ACCORDO REGIONE-UNIVERSITA' - La Giunta Regionale ha autorizzato la firma dei protocolli di intesa tra Regione Veneto e Università di Padova e Verona per d...

ACCESO L'ABETE VENETO IN PIAZZA SAN PIETRO -  Anche quest'anno c'è molto Veneto nelle celebrazioni natalizie in Vatica...

SP47, PONTE CURTAROLO, ZAIA RISPONDE ALLA PROVINCIA --- Porta la data del 27 settembre 2019, la lettera che il Presidente della Provincia di Padova , Fabio Bui ha scritto al Governatore della Regione ...

BUFERA SU AUTONOMIA, ZAIA "IL PROGETTO È SERIO" - Botta e risposta fra il premier Conte e i governatori Zaia e Fontana,...

La Regione Veneto si impegna nella sicurezza idraulica dei bacini orientali stanziando 500.000 euro che andranno a coprire le spese dovute agli interventi di sistemazione degli alv...

La Protezione civile del Veneto sta valutando di attivare uno svaso dell'acqua dell'Adige nel lago di Garda, attraverso ...