OPERAZIONE ANTIPROSTITUZIONE A MOGLIANO VENETO
Notizie e politica - 21/01/2015 12:12

Duro colpo dei militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Mestre allo sfruttamento della prostituzione. Questa volta, la quarta nell’arco di soli tre mesi, è stato il turno di una casa d’appuntamenti ai confini tra Mestre a Mogliano Veneto.
Dei militari in borghese,  hanno proceduto al blitz nei locali a luci rosse di un anonimo appartamento di via Trento a Mogliano Veneto, scoperto grazie all’analisi degli indizi raccolti nel corso di un’analoga operazione antiprostituzione attuata nel mese di novembre 2014 a Noale (VE). Ai militari nel corso della perquisizione dell’appartamento non era sfuggito un numero di telefono annotato su un foglio di carta al quale, contattato, rispondeva una donna di origini cinesi. Dopo iniziali indagini incrociate, consistenti nell’analisi degli annunci su diversi siti internet e di tabulati telefonici è emerso che tale numero si riferiva ad una certa L.Y. nata a Liaoning nella Repubblica Popolare Cinese e residente regolarmente in Mogliano Veneto. Numerosissimi i soggetti che avevano contattato tale utenza, alcuni dei quali sono stati anche sentiti dagli investigatori per carpire ulteriori informazioni utili alle indagini, non senza un certo imbarazzo da parte dei clienti “pizzicati” a consumare rapporti con le avvenenti prostitute orientali. Diversi gli escamotage e le procedure di sicurezza che attuava la maitresse per tutelarsi nei confronti di eventuali controlli da parte delle forze dell’ordine, come ad esempio la prassi di “dirottare” i clienti su un civico diverso da quello dell’appartamento al fine di controllare dalla finestra, in sicurezza, chi fosse il reale cliente e se corrispondesse alla descrizione fornita dallo stesso per telefono. Una volta raccolte le testimonianze e accertato che ci si era imbattuti in un altro classico caso di sfruttamento è scatta l'operazione che ha portato all'arresto  dellla donna al sequestro di una ingente somma di denaro ritenuta frutto dell’attività illegale e di vario materiale di consumo, un pc, telefoni cellulari e alcune agende che contenevano contatti telefonici, prontuari e tariffe delle prestazioni, oltre che le descrizioni fisiche e caratteriali dei clienti “più affezionati”, riguardo ai quali vi erano specifiche annotazioni relative alle prestazioni preferite. Molti gli annunci erotici rinvenuti. La donna veniva quindi posta agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo da parte dell’AG trevigiana.

OPERAZIONE ANTIPROSTITUZIONE A MOGLIANO VENETO

Duro colpo dei militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Mestre allo sfruttamento della prostituzione. Questa volta, la quarta nell’arco di soli tre mesi, è stato il turno di una casa d’appuntamenti ai confini tra Mestre a Mogliano Veneto.
Dei militari in borghese,  hanno proceduto al blitz nei locali a luci rosse di un anonimo appartamento di via Trento a Mogliano Veneto, scoperto grazie all’analisi degli indizi raccolti nel corso di un’analoga operazione antiprostituzione attuata nel mese di novembre 2014 a Noale (VE). Ai militari nel corso della perquisizione dell’appartamento non era sfuggito un numero di telefono annotato su un foglio di carta al quale, contattato, rispondeva una donna di origini cinesi. Dopo iniziali indagini incrociate, consistenti nell’analisi degli annunci su diversi siti internet e di tabulati telefonici è emerso che tale numero si riferiva ad una certa L.Y. nata a Liaoning nella Repubblica Popolare Cinese e residente regolarmente in Mogliano Veneto. Numerosissimi i soggetti che avevano contattato tale utenza, alcuni dei quali sono stati anche sentiti dagli investigatori per carpire ulteriori informazioni utili alle indagini, non senza un certo imbarazzo da parte dei clienti “pizzicati” a consumare rapporti con le avvenenti prostitute orientali. Diversi gli escamotage e le procedure di sicurezza che attuava la maitresse per tutelarsi nei confronti di eventuali controlli da parte delle forze dell’ordine, come ad esempio la prassi di “dirottare” i clienti su un civico diverso da quello dell’appartamento al fine di controllare dalla finestra, in sicurezza, chi fosse il reale cliente e se corrispondesse alla descrizione fornita dallo stesso per telefono. Una volta raccolte le testimonianze e accertato che ci si era imbattuti in un altro classico caso di sfruttamento è scatta l'operazione che ha portato all'arresto  dellla donna al sequestro di una ingente somma di denaro ritenuta frutto dell’attività illegale e di vario materiale di consumo, un pc, telefoni cellulari e alcune agende che contenevano contatti telefonici, prontuari e tariffe delle prestazioni, oltre che le descrizioni fisiche e caratteriali dei clienti “più affezionati”, riguardo ai quali vi erano specifiche annotazioni relative alle prestazioni preferite. Molti gli annunci erotici rinvenuti. La donna veniva quindi posta agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo da parte dell’AG trevigiana.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
PROSTITUZIONE, 200 RAGAZZE ANCORA SULLA STRADA - Sono molte le ragazze costrette allo sfruttamento sulla strada, una vita che condiziona soprattutto le giovani nigeriane. La proposta di una progressiv...

PER I CITTADINI L'UNICA SOLUZIONE È REGOLARIZZARE. Per migliorare la situazione delle vittime del racket, la prostituzione va ostacolata o ...

SCHIAVE AL CIGLIO DELLA STRADA: UNA PIAGA SOCIALE. Le operazioni delle forze dell'ordine contro lo sfruttamento della prostituzione ormai non si contano più. A...

Ritorna l'accordo tra l'amministrazione comunale di padova, gli amministratori di condominio e la squadra speciale dei vigili, per contrasta...

Verona | Selezionavano le ragazze nelle città del Nord Africa e le preparavano alla prostituzione in Italia. L'operazio...

Verona | Andava avanti da tempo il business della prostituzione della coppia di nigeriani di Castel D'Azzano che sequestravano giovani donne anche nei centri di accoglienza italia...

Non solo contraffazione ma anche prostituzione. E’ questa l’ultima scoperta fatta dalla Guardia di Finanza di Padova nell’ambito delle indagini delegate d...

Mogliano Veneto- Presente anche il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, al conve...

Arriva intorno alle 12:00 Silvio Berlusconi a Mogliano Veneto, accolto da una folla di sostenitori e curiosi. Presenti, al Doubletree by Hi...

Venezia - Gli agenti della Squadra Mobile sotto la direzione della Dr.ssa Angela Lauretta hanno messo i sigilli ad un ce...