MOSE: IL FISCO PRESENTA IL CONTO
24/02/2015 12:04

Scandalo Mose, ora è la volta del fisco a presentare il conto. Dopo i circa 12 milioni di euro recuperati con le confische,  per politici e dirigenti coinvolti è scattata la verifica tributaria che porterà alla contestazione delle tasse sulle tangenti. All' ex assessore veneto alle infrastrutture, Renato Chisso, attualmente agli arresti domiciliari , verrebbero contestati redditi non dichiarati per 900mila euro complessivi, sanzioni comprese, per il 2007 e il 2009. E' l'effetto degli accertamenti compiuti dalla Guardia di Finanza e trasmessi all'Agenzia delle Entrate che hanno portato a richieste di 'tasse' sulle presunte tangenti emerse nell'inchiesta, che aveva coinvolto tra l'altro l'ex governatore Giancarlo Galan e il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, quest'ultimo per il solo finanziamento illecito dei partiti.  "Ho già notificato il ricorso davanti alla commissione tributaria provinciale" dice l'avvocato Antonio Forza, legale di Chisso, ricordando che le contestazioni si basano sulle dichiarazioni accusatorie fatte dall'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati, e dell'ex segretaria di Galan Claudia Minutillo. Accuse ritenute dalla difesa non dimostrate dai fatti e sulla base di cose, nel caso di Mazzacurati, "dette a vanvera".   Il fronte degli accertamenti fiscali, per oltre una decina di milioni, dovrebbe riguardare però una dozzina di indagati. Sulla base della legge del 1993, che prevede la tassabilità dei proventi considerati illeciti, la richiesta di 'stangata' fiscale dovrebbe riguardare tutte le persone accusate di aver ricevuto fondi non dichiarati, tra cui Galan (i legali hanno detto di non aver ricevuto nulla ma che nel caso sarà fatto ricorso), Orsoni, l'ex generale della Gdf Emilio Spaziante e Marco Milanese. Per tutti, la Finanza avrebbe presentato anche una denuncia per infedele dichiarazione fiscale.

MOSE: IL FISCO PRESENTA IL CONTO

Scandalo Mose, ora è la volta del fisco a presentare il conto. Dopo i circa 12 milioni di euro recuperati con le confische,  per politici e dirigenti coinvolti è scattata la verifica tributaria che porterà alla contestazione delle tasse sulle tangenti. All' ex assessore veneto alle infrastrutture, Renato Chisso, attualmente agli arresti domiciliari , verrebbero contestati redditi non dichiarati per 900mila euro complessivi, sanzioni comprese, per il 2007 e il 2009. E' l'effetto degli accertamenti compiuti dalla Guardia di Finanza e trasmessi all'Agenzia delle Entrate che hanno portato a richieste di 'tasse' sulle presunte tangenti emerse nell'inchiesta, che aveva coinvolto tra l'altro l'ex governatore Giancarlo Galan e il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, quest'ultimo per il solo finanziamento illecito dei partiti.  "Ho già notificato il ricorso davanti alla commissione tributaria provinciale" dice l'avvocato Antonio Forza, legale di Chisso, ricordando che le contestazioni si basano sulle dichiarazioni accusatorie fatte dall'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati, e dell'ex segretaria di Galan Claudia Minutillo. Accuse ritenute dalla difesa non dimostrate dai fatti e sulla base di cose, nel caso di Mazzacurati, "dette a vanvera".   Il fronte degli accertamenti fiscali, per oltre una decina di milioni, dovrebbe riguardare però una dozzina di indagati. Sulla base della legge del 1993, che prevede la tassabilità dei proventi considerati illeciti, la richiesta di 'stangata' fiscale dovrebbe riguardare tutte le persone accusate di aver ricevuto fondi non dichiarati, tra cui Galan (i legali hanno detto di non aver ricevuto nulla ma che nel caso sarà fatto ricorso), Orsoni, l'ex generale della Gdf Emilio Spaziante e Marco Milanese. Per tutti, la Finanza avrebbe presentato anche una denuncia per infedele dichiarazione fiscale.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
NUOVA MAREA ANNUNCIATA PER DOMENICA A VENEZIA  --- Una nuova marea è stata ann...

Tv7 Match del 15/11/2019 - MURO DI BERLINO-ACQUA ALTA VENEZIA Ospiti: - PATRIZIO ZANELLA,docente di Storia - NEREO TISO,cons. com. PD - ENRICO PINO,gen. C.A. (aus) - Prof. ERMANNO CHASEN,Editore Grup...

SCANDALI A LUCI ROSSE,NON C'E' PACE PER LA DIOCESI ---- Nel giro di poche ore due scandali a luci rosse coinvolgono nuovamente dei preti nel padovano. Se è ormai tristemente nota...

Tv7 Match del 05/07/2019 - MOSE - AMIANTO (1DI6) Ospiti: -Prof. ERMANNO CHASEN,Editore GruppoTV7 -ILARIA BONIBURINI,urbanista – attivist...

MOSE, RUGGINE ED ERRORI COSTANO 94 MILIONI - Per la prima volta un dossier, redatto dai commissari straordinari del Consorzio Venezia Nuova per il Ministero delle Infrastrutture e...

Si è arrivati al dunque sull'inchiesta Mose: l'ex ministro Altero Matteoli è stato condannato a 4 anni di reclusione e a oltre 9,5 mln di...

A seguito dell' accordo siglato mercoledì 29 marzo, la consegna definitiva del...

Tv7 Match del 04/11/2016 - ITALIA,IL PAESE DELLE BUONE INTENZIONI Ospiti: -PAOLO SPAGNA,Consiglio Nazionale Geologi -VINCENZO DI TELLA,Ingegnere – autore “...

L'ex Amministratore delegato della Mantovani è stato sentito ieri dal Pubblico Ministero in qualità di testimone chiave sul processo Mose. Baita ha evidenziat...

Padova- E' stata finalmente presa in queste ore la decisione per la realizzazione del nuovo Polo Ospedaliero di Padova. Che sia fatto a Est o Ovest poco importa al Capogruppo pentastellato in Regione...