8 MARZO, TRA LEGGENDE E REALTA'
06/03/2015 16:19

Si è detto di tutto sull'8 marzo e del perchè sia la data della festa della donna. Chi sostiene che l’8 marzo 1908 un gruppo di donne si riunì nella filanda tessile Cotton di New York per dichiararsi in sciopero. Il padrone le chiuse a chiave e l’edificio prese fuoco: morirono 129 donne. Fu detto anche che nel medesimo giorno ma del 1848 ci fu una violenta carica della polizia a danno sempre di donne in sciopero..Chi addita come padre della festa il dittatore comunista sovietico Vlamidir Lenin e dalla femminista Alexandra Kollontai per far credere alle lavoratrici di essere state liberate dalla schiavitù capitalistico-patriarcale. Una curiosità nel 1946, quando L'UNIONE DONNE ITALIANE stava preparando per il primo 8 marzo del dopoguerra , si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare visibilmente la giornata. Considerando che in quel periodo  c'era già in uso il garofano rosso , simbolo usato per la festa dei lavoratori del 1° maggio, le giovani donne romane decisero per la mimosa. I suoi fiori gialli e profumatissimi avevano il vantaggio in più di fiorire proprio in quel periodo e costavano pochissimo. Ma poco importano le origini di questa festa, ciò che conta è che nel 2015 le donne muoiono ancora per mano di uomini ignoranti e violenti, vengano stuprate e la loro storia diventata documentario sia censurata . Importa che per lavorare debbano scendere a compromessi sessuali per poi percepire stipendi inferiori a quelli dei loro colleghi uomini. Importa che siano madre, amica, amante, lavoratrice e guai a non trovare il piatto pronto. Non serve una mimosa o una festa ormai dal sapore commerciale a dare dignità e parità, basta scoprire il senso del Rispetto.

8 MARZO, TRA LEGGENDE E REALTA'

Si è detto di tutto sull'8 marzo e del perchè sia la data della festa della donna. Chi sostiene che l’8 marzo 1908 un gruppo di donne si riunì nella filanda tessile Cotton di New York per dichiararsi in sciopero. Il padrone le chiuse a chiave e l’edificio prese fuoco: morirono 129 donne. Fu detto anche che nel medesimo giorno ma del 1848 ci fu una violenta carica della polizia a danno sempre di donne in sciopero..Chi addita come padre della festa il dittatore comunista sovietico Vlamidir Lenin e dalla femminista Alexandra Kollontai per far credere alle lavoratrici di essere state liberate dalla schiavitù capitalistico-patriarcale. Una curiosità nel 1946, quando L'UNIONE DONNE ITALIANE stava preparando per il primo 8 marzo del dopoguerra , si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare visibilmente la giornata. Considerando che in quel periodo  c'era già in uso il garofano rosso , simbolo usato per la festa dei lavoratori del 1° maggio, le giovani donne romane decisero per la mimosa. I suoi fiori gialli e profumatissimi avevano il vantaggio in più di fiorire proprio in quel periodo e costavano pochissimo. Ma poco importano le origini di questa festa, ciò che conta è che nel 2015 le donne muoiono ancora per mano di uomini ignoranti e violenti, vengano stuprate e la loro storia diventata documentario sia censurata . Importa che per lavorare debbano scendere a compromessi sessuali per poi percepire stipendi inferiori a quelli dei loro colleghi uomini. Importa che siano madre, amica, amante, lavoratrice e guai a non trovare il piatto pronto. Non serve una mimosa o una festa ormai dal sapore commerciale a dare dignità e parità, basta scoprire il senso del Rispetto.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
A CITTADELLA ARRIVA IL SERVIZIO TAXI --- Suona strano a dirsi per chi conosce il...

SAN GIORGIO: COSA CHIEDERE AL FUTURO SINDACO --- Impazza con largo anticipo, la campagna elettorale nel Comune dell'#Altapadovana, San Giorgio in Bosco. Per dare qualche spunto di riflessione al futur...

CITTADELLA SI VESTE DI ROSSO PER SAN VALENTINO --- San Valentino è ormai alle porte e quale luogo è più romantico di un castello? Ecco quindi che la città murata di Cittadella, in Alta padovana, h...

TREBASELEGHE: RIAPRE IL SOTTOPASSO DI VIA MANETTI --- Precluso al traffico dallo scorso gennaio con delibera del Comune,...

COLLEGAMENTI CARENTI,TASSE: IMPRESE A RISCHIO --- Pressione fiscale e mancanza di collegamenti viari competitivi. Questi solo alcuni dei problemi che quotidiana...

MANAGER ETRA RAGGIUNTO DA INFORMAZIONE DI GARANZIA --- Frode nelle pubbliche for...

INCROCIO SANT'AMBROGIO-SCANDOLARA, URGE ROTATORIA --- Ennesimo incidente all'altezza dell'incrocio tra via Scandolara e via Sant'Ambrogio nel Comune di Trebasel...

TRE FURTI IN UNA NOTTE, COMPLICE IL CAVALCAVIA --- Vuoi perchè ancora c'è chi si fida del prossimo e quindi non si circonda di alti cancel...

VIGODARZERE PROGETTA LA CITTADELLA DELLA SICUREZZA --- Dopo anni di tira e molla finalmente il Comune di Vigodarzere è entrato in possesso dell'ex base dell'Ae...

UBRIACO MOLESTO, A NULLA VALGONO LE MOLTE DENUNCE --- Un 26enne originario del Ghana già noto agli agenti della Locale della Federazione de...