8 MARZO, TRA LEGGENDE E REALTA'
06/03/2015 16:19

Si è detto di tutto sull'8 marzo e del perchè sia la data della festa della donna. Chi sostiene che l’8 marzo 1908 un gruppo di donne si riunì nella filanda tessile Cotton di New York per dichiararsi in sciopero. Il padrone le chiuse a chiave e l’edificio prese fuoco: morirono 129 donne. Fu detto anche che nel medesimo giorno ma del 1848 ci fu una violenta carica della polizia a danno sempre di donne in sciopero..Chi addita come padre della festa il dittatore comunista sovietico Vlamidir Lenin e dalla femminista Alexandra Kollontai per far credere alle lavoratrici di essere state liberate dalla schiavitù capitalistico-patriarcale. Una curiosità nel 1946, quando L'UNIONE DONNE ITALIANE stava preparando per il primo 8 marzo del dopoguerra , si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare visibilmente la giornata. Considerando che in quel periodo  c'era già in uso il garofano rosso , simbolo usato per la festa dei lavoratori del 1° maggio, le giovani donne romane decisero per la mimosa. I suoi fiori gialli e profumatissimi avevano il vantaggio in più di fiorire proprio in quel periodo e costavano pochissimo. Ma poco importano le origini di questa festa, ciò che conta è che nel 2015 le donne muoiono ancora per mano di uomini ignoranti e violenti, vengano stuprate e la loro storia diventata documentario sia censurata . Importa che per lavorare debbano scendere a compromessi sessuali per poi percepire stipendi inferiori a quelli dei loro colleghi uomini. Importa che siano madre, amica, amante, lavoratrice e guai a non trovare il piatto pronto. Non serve una mimosa o una festa ormai dal sapore commerciale a dare dignità e parità, basta scoprire il senso del Rispetto.

8 MARZO, TRA LEGGENDE E REALTA'

Si è detto di tutto sull'8 marzo e del perchè sia la data della festa della donna. Chi sostiene che l’8 marzo 1908 un gruppo di donne si riunì nella filanda tessile Cotton di New York per dichiararsi in sciopero. Il padrone le chiuse a chiave e l’edificio prese fuoco: morirono 129 donne. Fu detto anche che nel medesimo giorno ma del 1848 ci fu una violenta carica della polizia a danno sempre di donne in sciopero..Chi addita come padre della festa il dittatore comunista sovietico Vlamidir Lenin e dalla femminista Alexandra Kollontai per far credere alle lavoratrici di essere state liberate dalla schiavitù capitalistico-patriarcale. Una curiosità nel 1946, quando L'UNIONE DONNE ITALIANE stava preparando per il primo 8 marzo del dopoguerra , si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare visibilmente la giornata. Considerando che in quel periodo  c'era già in uso il garofano rosso , simbolo usato per la festa dei lavoratori del 1° maggio, le giovani donne romane decisero per la mimosa. I suoi fiori gialli e profumatissimi avevano il vantaggio in più di fiorire proprio in quel periodo e costavano pochissimo. Ma poco importano le origini di questa festa, ciò che conta è che nel 2015 le donne muoiono ancora per mano di uomini ignoranti e violenti, vengano stuprate e la loro storia diventata documentario sia censurata . Importa che per lavorare debbano scendere a compromessi sessuali per poi percepire stipendi inferiori a quelli dei loro colleghi uomini. Importa che siano madre, amica, amante, lavoratrice e guai a non trovare il piatto pronto. Non serve una mimosa o una festa ormai dal sapore commerciale a dare dignità e parità, basta scoprire il senso del Rispetto.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
EVENTI DI PIAZZA A BORGORICCO, COMMERCIANTI DIVISI   Indecisi sul da farsi gli esercenti del centro a Borgoricco. Le o...

"GIOVANI" PER LEGGE FORNERO,"VECCHI" PER LA NESTLE'    San Giorgio in Bosco, comune dell'Alta padovana in cui da anni opera uno dei tanti rami logistici produttivi della multina...

CAMPOSAMPIERO PREMIA LA POESIA RELIGIOSA  Giunto alla XXIV edizione , il "Premio Camposampiero di Poesia Religiosa" torna a rivivere nel ricordo di padre David Maria Turoldo che per anni ne ha presie...

BANCO ALIMENTARE, "I POVERI AIUTANO I POVERI" Noto ai più, l'impegno dei nostri Alpini che questo fine settimana li ha ...

LA TELEVISIONE, SPECCHIO E VOCE DEL PRESENTE - Si celebra oggi la Giornata Mondiale della Television...

CAMPOSAMPIERO RENDE OMAGGIO ALLA MADONNA   Quattro giornate speciali attendono il Comune di Camposampiero e chi avrà il piacere di partecipare. Un mix tra sacro e profano, attende tutti dal 17 al 2...

TRAGEDIA NELLA FAMIGLIA MOLINO BENETELLO La tranquilla frazione di Santa Croce B...

VILLA DEL CONTE REGGE LA CRISI ECONOMICA Bilancio positivo a Villa del Conte nell'Alta padovana, sia per i conti del Comune che per il tessu...

CAMPOSAMPIERO DAL 1866, SOLO DUE DONNE SINDACO  Un lungo elenco che parte dal 1866, data di ammissione al Regno d'Italia per il Comune di Camposampiero. A ricoprire la carica di primo cittadino è il...

CAMPOSAMPIERO: L'OSPEDALE MUOVE L'ECONOMIA LOCALE  Pare brutto parlare di Economia del territorio e Sanità ma è ciò che avviene ogni giorno attorno ad un polo ospedaliero in qualsiasi parte del mo...