PADOVA, NUOVO REGOLAMENTO PER L'ARREDO URBANO
16/04/2015 11:06

Padova si dota di un regolamento per il riordino dell’arredo urbano e il decoro della città, uno strumento a tutela della qualità degli spazi pubblici per una maggiore chiarezza tra gli esercenti nell'intento di favorire, nel contempo, l’attività di chi fa impresa in città. "La città, in questi anni, è stata oggetto di numerose trasformazioni urbane che hanno interessato soprattutto lo spazio pubblico – ha commentato l’assessore al Verde e all'arredo urbano Fabrizio Boron - Interventi che talora hanno previsto collocazioni inopportune o comunque progettualmente discutibili soprattutto rispetto al contesto e alla qualità dei manufatti". Con il nuovo regolamento approvato dalla giunta, si intende garantire qualità e omogeneità stilistica e tipologica, nel caso di plateatici contigui o presenti nello stesso ambito, o ancora disciplinare edicole, chioschi, pensiline, manufatti commemorativi di interesse storico o artistico, fioriere, impianti di illuminazione esterna privata e altri manufatti visibili o di arredo. Le disposizioni riguarderanno anche la segnaletica e l’uso dei materiali di finitura nel fronte degli edifici, con particolare riferimento alle tende parasole. L’inosservanza delle disposizioni regolamentari comporterà sanzioni amministrative da 25 a 500 euro e in caso di reiterazione dell’illecito si applicherà un importo pari al pagamento in misura ridotta maggiorato del 50%. Oltre al pagamento della sanzione amministrativa prevista, il Comune può disporre l'esecuzione d'ufficio con spese a carico dell'interessato.

 

PADOVA, NUOVO REGOLAMENTO PER L'ARREDO URBANO

Padova si dota di un regolamento per il riordino dell’arredo urbano e il decoro della città, uno strumento a tutela della qualità degli spazi pubblici per una maggiore chiarezza tra gli esercenti nell'intento di favorire, nel contempo, l’attività di chi fa impresa in città. "La città, in questi anni, è stata oggetto di numerose trasformazioni urbane che hanno interessato soprattutto lo spazio pubblico – ha commentato l’assessore al Verde e all'arredo urbano Fabrizio Boron - Interventi che talora hanno previsto collocazioni inopportune o comunque progettualmente discutibili soprattutto rispetto al contesto e alla qualità dei manufatti". Con il nuovo regolamento approvato dalla giunta, si intende garantire qualità e omogeneità stilistica e tipologica, nel caso di plateatici contigui o presenti nello stesso ambito, o ancora disciplinare edicole, chioschi, pensiline, manufatti commemorativi di interesse storico o artistico, fioriere, impianti di illuminazione esterna privata e altri manufatti visibili o di arredo. Le disposizioni riguarderanno anche la segnaletica e l’uso dei materiali di finitura nel fronte degli edifici, con particolare riferimento alle tende parasole. L’inosservanza delle disposizioni regolamentari comporterà sanzioni amministrative da 25 a 500 euro e in caso di reiterazione dell’illecito si applicherà un importo pari al pagamento in misura ridotta maggiorato del 50%. Oltre al pagamento della sanzione amministrativa prevista, il Comune può disporre l'esecuzione d'ufficio con spese a carico dell'interessato.

 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy