"RI...METTIAMOCI LA FACCIA",PROGETTO ANTI-BULLISMO
27/05/2015 13:27

Negli ultimi anni il termine bullismo è comparso frequentemente nelle cronache dei giornali e della televisione, presentando dei nuovi adolescenti, da un lato capaci di gravi condotte sociali e dall’altro con caratteristiche proprie di disagio sociale e abbandono scolastico. Prepotenze, minacce, offese, maltrattamenti sono sempre più frequenti non solo nei luoghi di ritrovo degli adolescenti ma soprattutto a scuola. Mancando modelli di riferimento, i ragazzi sono spesso isolati durante l’adolescenza, complici molto spesso i social network, incapaci di elaborare emozioni complesse ed il bullismo diventa allora una tipica risposta alle difficoltà individuali. Nei compiti di sviluppo cui è chiamato un adolescente, l’influenza esercitata dai fattori biologici, così come quella esercitata dai fattori socioculturali, viene mediata dall’azione della famiglia e del gruppo dei pari e dai processi psicologici ed emotivi che si sviluppano nel corso delle interazioni sociali. Famiglia e scuola ricoprono quindi il ruolo centrale di “compagnie” di socializzazione e perciò anche di mediazione fra bisogni, problemi, risorse e rischi in età evolutiva. Il progetto intende quindi contribuire a prevenire e ridurre il fenomeno del bullismo nelle scuole della provincia di Padova. La scuola, infatti, si pone come luogo privilegiato non solo per l’apprendimento di conoscenze e abilità strumentali allo sviluppo cognitivo dell’individuo, ma anche di apprendimento di norme di rispetto reciproco e di “prosocialità”, necessarie ad un progetto veramente “educativo”. Attualmente nelle scuole elementari italiane un bambino su dieci dichiara di subire le prepotenze dei compagni una o più volte la settimana e nelle scuole secondarie e di primo grado il problema assume connotati di maggiore cronicità e gravità, in quanto le vessazioni si concentrano su un minor numero di soggetti vittimizzati e per questo più sistematicamente bersagliati.

"RI...METTIAMOCI LA FACCIA",PROGETTO ANTI-BULLISMO

Negli ultimi anni il termine bullismo è comparso frequentemente nelle cronache dei giornali e della televisione, presentando dei nuovi adolescenti, da un lato capaci di gravi condotte sociali e dall’altro con caratteristiche proprie di disagio sociale e abbandono scolastico. Prepotenze, minacce, offese, maltrattamenti sono sempre più frequenti non solo nei luoghi di ritrovo degli adolescenti ma soprattutto a scuola. Mancando modelli di riferimento, i ragazzi sono spesso isolati durante l’adolescenza, complici molto spesso i social network, incapaci di elaborare emozioni complesse ed il bullismo diventa allora una tipica risposta alle difficoltà individuali. Nei compiti di sviluppo cui è chiamato un adolescente, l’influenza esercitata dai fattori biologici, così come quella esercitata dai fattori socioculturali, viene mediata dall’azione della famiglia e del gruppo dei pari e dai processi psicologici ed emotivi che si sviluppano nel corso delle interazioni sociali. Famiglia e scuola ricoprono quindi il ruolo centrale di “compagnie” di socializzazione e perciò anche di mediazione fra bisogni, problemi, risorse e rischi in età evolutiva. Il progetto intende quindi contribuire a prevenire e ridurre il fenomeno del bullismo nelle scuole della provincia di Padova. La scuola, infatti, si pone come luogo privilegiato non solo per l’apprendimento di conoscenze e abilità strumentali allo sviluppo cognitivo dell’individuo, ma anche di apprendimento di norme di rispetto reciproco e di “prosocialità”, necessarie ad un progetto veramente “educativo”. Attualmente nelle scuole elementari italiane un bambino su dieci dichiara di subire le prepotenze dei compagni una o più volte la settimana e nelle scuole secondarie e di primo grado il problema assume connotati di maggiore cronicità e gravità, in quanto le vessazioni si concentrano su un minor numero di soggetti vittimizzati e per questo più sistematicamente bersagliati.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
NUOVE REGOLE PER IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA. Primo giorno di scuola per i ragazzi padovani. Con l'Ass...

NELLE SCUOLE DI MONTEGROTTO PERSONALE ANTI-COVID - Le scuole di Montegrotto saranno presidiate da personale anti-covid: per evitare gli asse...

A pochi giorni dalla riapertura della scuola regna il caos: oltre che fare i conti con l'emergenza sanitaria, l'istruzione fa i conti anche con l'incertezza delle assegnazioni ...

INIZIO DELLA SCUOLA, LE ISTANZE DEGLI INSEGNANTI.

ARRIVANO A PADOVA E TREVISO I PRIMI BANCHI  - Il Ministro Per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà conferma l'arrivo entro il 4 settembre dei primi banchi scolastici dest...

Anche per quest'anno scolastico, i costi dei libri risultano dispendiosi. L'Osse...

SI TORNA IN CLASSE: RIAPRONO NIDI E MATERNE. Primo giorno di scuola oggi per i bimbi da 0 a 6 anni, hanno infatti riaperto i nidi e le sucole dell'infanzia comunali di Padova. I dettagli nel servizio.

SCUOLE: LA PROVINCIA INVESTE SUGLI ARREDAMENTI. La Provincia di Padova investe negli arredamenti sco...

CLIMATIZZATORI: CROLLANO ACQUISTI STAGIONE PERSA----Tra i settori economici colpiti pesantemente dalla pandemia, c’è il mondo della climatizzazione. Febbraio per la categoria so...

TASSAZIONE BASSA E SERVIZI, A CARMIGNANO SI PUÒ ---- I tagli ai Comuni mettono a serio rischio i servizi elargiti dalle Amministrazioni ai ...