ERACLEA, MIGRANTI TRASFERITI IN MODULI ABITATIVI
18/06/2015 16:49

VENEZIA, 18 GIU - I migranti ospiti al residence 'Magnolie' di Eraclea (Venezia) saranno trasferiti in moduli abitativi nell' area di proprietà comunale antistante l'ex-caserma Cà Turcata. E' quanto stato deciso oggi in Prefettura a Venezia, presente tra gli altri, il sindaco di Eraclea, Gianpaolo Talon. Il trasferimento avverrà, rileva la prefettura, "in un tempo massimo di 15 giorni e consentirà quindi il completo sgombero dei locali del residence attualmente occupati". L'originaria soluzione individuata e "cioè quella dell'installazione di tende, di immediata realizzabilità, non si è potuta attuare in quanto la Presidenza del Consiglio - Dipartimento Protezione Civile non ha autorizzato l'utilizzo delle tende in dotazione alla Regione Veneto perchè manca la dichiarazione dello stato di emergenza". La prefettura osserva che "la soluzione dei moduli abitativi, se da un lato comporterà qualche giorno in più per la sua attuazione, dall'altro consentirà una sistemazione meno disagevole, rispetto alle tende, per i migranti". Il prefetto Domenico Cuttaia ha inoltre suggerito al sindaco Talon di far nominare un rappresentate delle categorie economico-produttive ed un rappresentate delle famiglie che si trovano nel residence, in maniera che possano seguire passo passo l'andamento della procedura già avviata, in modo da consentire "il pieno monitoraggio dell'iter attuativo e dare anche suggerimenti ed ulteriori proposte". Cuttaia, inoltre, ha posto all'esame anche la possibilità di utilizzare la modalità individuata per Eraclea "per l'allestimento di siti di accoglienza in aree demaniali da individuarsi sul territorio provinciale". La ormai esaurita disponibilità di locali esige infatti la ricerca di disponibilità di accoglienza in ambiti distanti da luoghi abitati e facilmente controllabili dalle forze dell'ordine. Tale esigenza, spiega Cuttaia, "appare ancora più pressante alla luce dell'episodio verificatosi ieri a Ceggia" dove sono stati scaricati da un camion, nei pressi del casello autostradale, un consistente numero di pakistani e afghani "con modalità analoghe a quelle praticate dagli scafisti in mare". Secondo la prefettura ciò potrebbe comportare il rischio di un arrivo, non programmato e improvviso, di migranti "sul territorio dei comuni adiacenti alle vie di grande comunicazione con conseguenti riflessi negativi sulla popolazione, sotto ogni aspetto". La prefettura sottolinea che è ineludibile "la ricerca di soluzioni di accoglienza, che, oltre a soddisfare l'esigenza di pervenire al completamento della quota assegnata dal Ministero dell'Interno al Veneto, consenta di fronteggiare nell' immediatezza situazioni del tipo di quelle verificatesi ieri a Ceggia e qualche giorno fa a Scorzè". Nel contempo Cuttaia ha disposto una intensificazione dei servizi di vigilanza da parte delle forze dell'Ordine per rafforzare i dispositivi di controllo sulle strade, autostrade, nelle aree ferroviarie e aeroportuali, "finalizzati ad individuare eventuali situazioni di presenze irregolari di cittadini stranieri o di malfattori che si prestino al trasporto illegale di migranti".

ERACLEA, MIGRANTI TRASFERITI IN MODULI ABITATIVI

VENEZIA, 18 GIU - I migranti ospiti al residence 'Magnolie' di Eraclea (Venezia) saranno trasferiti in moduli abitativi nell' area di proprietà comunale antistante l'ex-caserma Cà Turcata. E' quanto stato deciso oggi in Prefettura a Venezia, presente tra gli altri, il sindaco di Eraclea, Gianpaolo Talon. Il trasferimento avverrà, rileva la prefettura, "in un tempo massimo di 15 giorni e consentirà quindi il completo sgombero dei locali del residence attualmente occupati". L'originaria soluzione individuata e "cioè quella dell'installazione di tende, di immediata realizzabilità, non si è potuta attuare in quanto la Presidenza del Consiglio - Dipartimento Protezione Civile non ha autorizzato l'utilizzo delle tende in dotazione alla Regione Veneto perchè manca la dichiarazione dello stato di emergenza". La prefettura osserva che "la soluzione dei moduli abitativi, se da un lato comporterà qualche giorno in più per la sua attuazione, dall'altro consentirà una sistemazione meno disagevole, rispetto alle tende, per i migranti". Il prefetto Domenico Cuttaia ha inoltre suggerito al sindaco Talon di far nominare un rappresentate delle categorie economico-produttive ed un rappresentate delle famiglie che si trovano nel residence, in maniera che possano seguire passo passo l'andamento della procedura già avviata, in modo da consentire "il pieno monitoraggio dell'iter attuativo e dare anche suggerimenti ed ulteriori proposte". Cuttaia, inoltre, ha posto all'esame anche la possibilità di utilizzare la modalità individuata per Eraclea "per l'allestimento di siti di accoglienza in aree demaniali da individuarsi sul territorio provinciale". La ormai esaurita disponibilità di locali esige infatti la ricerca di disponibilità di accoglienza in ambiti distanti da luoghi abitati e facilmente controllabili dalle forze dell'ordine. Tale esigenza, spiega Cuttaia, "appare ancora più pressante alla luce dell'episodio verificatosi ieri a Ceggia" dove sono stati scaricati da un camion, nei pressi del casello autostradale, un consistente numero di pakistani e afghani "con modalità analoghe a quelle praticate dagli scafisti in mare". Secondo la prefettura ciò potrebbe comportare il rischio di un arrivo, non programmato e improvviso, di migranti "sul territorio dei comuni adiacenti alle vie di grande comunicazione con conseguenti riflessi negativi sulla popolazione, sotto ogni aspetto". La prefettura sottolinea che è ineludibile "la ricerca di soluzioni di accoglienza, che, oltre a soddisfare l'esigenza di pervenire al completamento della quota assegnata dal Ministero dell'Interno al Veneto, consenta di fronteggiare nell' immediatezza situazioni del tipo di quelle verificatesi ieri a Ceggia e qualche giorno fa a Scorzè". Nel contempo Cuttaia ha disposto una intensificazione dei servizi di vigilanza da parte delle forze dell'Ordine per rafforzare i dispositivi di controllo sulle strade, autostrade, nelle aree ferroviarie e aeroportuali, "finalizzati ad individuare eventuali situazioni di presenze irregolari di cittadini stranieri o di malfattori che si prestino al trasporto illegale di migranti".

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
iReporter Xmas del 15/12/2019 - Inaugurazione Studio di Cristallo TV7 con esibizione del MovieChorus

CAMPOSAMPIERO CELEBRA L'ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO ---- E' veramente ampio l'assoc...

OPERATORE SOCIO SANITARIO, SELEZIONI A TOMBOLO --- Prosegue il progetto del Comune di Tombolo in #Altpadovana che a stretto contatto con gli imprenditori del territorio fa da trait d'union tra domand...

CITTADELLA RICEVE IN DONO 2000 CAPI D'ABBIGLIAMENTO --- E' grazie alla generosità di un imprenditore veneziano che molte famiglie in difficoltà in #Altapadovana e in Veneto, avra...

CARABINIERI CITTADELLA: CONTROLLATI BUS SCOLASTICI  ---- Tutto è nato dalle segnalazioni dei genitori che chiedevano maggiori controlli s...

MASSANZAGO, LÀ DOVE NON PASSANO I BUS --- Non la manda certo a dire Stefano Scattolin , Sindaco di Massanzago in #Altapadovana, che punta i...

CADONEGHE INCENTIVA IL COMMERCIO NEL TERRITORIO --- Due anni di detassazione per...

TREBASELEGHE: LA BREXIT DELL'ALTA PADOVANA --- Escludendo un possibile ribaltone all'ultimo momento proprio durante il voto in Consiglio, lunedì 30 settembre l...

SAN GIORGIO CAMBIA VIABILITÀ PER I PICCOLI STUDENTI --- Non è certo per creare una zona di non disturbo per il personale del Comune di San Giorgio in Bosco in #Altapadovana, che ...

PONTE DARWIN: CHIUDE IL CANTIERE, FINE DI UN INCUBO --- Come da promessa, Veneto Strade sta chiudendo il cantiere aperto sul ponte Darwin a Padova. Domani gli automobilisti che quotidianamente hanno v...