GALAN SE NON RESTITUISCE 2,5 MILIONI DOVRA' CEDERE VILLA
03/07/2015 15:58

VENEZIA, 3 LUG - La settima sezione della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso, ritenendolo inammissibile, al patteggiamento, così passato in giudicato, dell'ex Presidente Veneto e ministro Giancarlo Galan, relativo all'accusa di corruzione nell'ambito della vicenda Mose. Galan, a tutt'oggi senatore, era tra gli indagati della Procura di Venezia del blitz del 4 giugno 2014. Quindi era finito in carcere, dopo che il Parlamento aveva dato il via libera, il 22 luglio successivo. Dopo mesi di prigione nell'infermeria del carcere di Opera, aveva optato per il patteggiamento ed era finito ai domiciliari. L'accordo con la Procura veneziana, avvallato dal Gup Giuliana Galasso, era per due anni e 10 mesi di carcere e la corresponsione al fondo per la giustizia di 2,5 milioni di euro come provento di reato calcolati su una percentuale di quanto avrebbe illecitamente ricevuto dal Consorzio Venezia Nuova, guidato allora da Giovanni Mazzacurati, che lo avrebbe avuto a 'libro paga' occulto per un milione di euro all'anno Ad assistere Galan, nella vicenda giudiziaria, sono gli avvocati Niccolò Ghedini ed Antonio Franchini. Proprio quest'ultimo, ha detto che "visto l'esito del ricorso, Galan chiederà di essere assegnato ai servizi sociali mentre per il pagamento della somma ha ora tre mesi di tempo". L'ipotesi è che se Galan non sarà in grado di trovare i 2,5 milioni di euro dovrà cedere la sua abitazione, Villa Rodella, a Cinto Euganeo. Galan non decade automaticamente da senatore, è presidente della Commissione cultura: a decidere delle sue sorti politiche saranno i colleghi in Parlamento.

GALAN SE NON RESTITUISCE 2,5 MILIONI DOVRA' CEDERE VILLA

VENEZIA, 3 LUG - La settima sezione della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso, ritenendolo inammissibile, al patteggiamento, così passato in giudicato, dell'ex Presidente Veneto e ministro Giancarlo Galan, relativo all'accusa di corruzione nell'ambito della vicenda Mose. Galan, a tutt'oggi senatore, era tra gli indagati della Procura di Venezia del blitz del 4 giugno 2014. Quindi era finito in carcere, dopo che il Parlamento aveva dato il via libera, il 22 luglio successivo. Dopo mesi di prigione nell'infermeria del carcere di Opera, aveva optato per il patteggiamento ed era finito ai domiciliari. L'accordo con la Procura veneziana, avvallato dal Gup Giuliana Galasso, era per due anni e 10 mesi di carcere e la corresponsione al fondo per la giustizia di 2,5 milioni di euro come provento di reato calcolati su una percentuale di quanto avrebbe illecitamente ricevuto dal Consorzio Venezia Nuova, guidato allora da Giovanni Mazzacurati, che lo avrebbe avuto a 'libro paga' occulto per un milione di euro all'anno Ad assistere Galan, nella vicenda giudiziaria, sono gli avvocati Niccolò Ghedini ed Antonio Franchini. Proprio quest'ultimo, ha detto che "visto l'esito del ricorso, Galan chiederà di essere assegnato ai servizi sociali mentre per il pagamento della somma ha ora tre mesi di tempo". L'ipotesi è che se Galan non sarà in grado di trovare i 2,5 milioni di euro dovrà cedere la sua abitazione, Villa Rodella, a Cinto Euganeo. Galan non decade automaticamente da senatore, è presidente della Commissione cultura: a decidere delle sue sorti politiche saranno i colleghi in Parlamento.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
REGIONE VENETO AUMENTA IL BONUS PER LA CASA - La Giunta regionale del Veneto ha ...

3 MILIONI E MEZZO PER RILANCIARE IL TURISMO - La Giunta Regionale del Veneto ha deciso di incrementare di 3,6 milioni di euro i contributi d...

DALLA REGIONE 60 MILIONI PER LE IMPRESE - " Il fondo anticrisi fa parte del Piano Ora Veneto, ed è una delle tante iniziative di sostegno ...

CROLLANO I CONSUMI IN VENETO - "Una cifra impressionante che da sola la dice lunga sulla necessità di provvedimenti rapidi che invece tardano ad arrivare", com...

PROTEZIONE CIVILE, UNA FESTA PER RINGRAZIARLI - Si è svolta presso la sede della Protezione Civile di Padova, una cerimonia per ringraziare e premiare tutti i ...

CLIMATIZZATORI: CROLLANO ACQUISTI STAGIONE PERSA----Tra i settori economici colpiti pesantemente dalla pandemia, c’è ...

CALANO I RICOVERI,IN OSPEDALE SUPERATI 1000 DECESSI. Sono 9.925 i #casi attualme...

IN CALO GLI ATTUALMENTE POSITIVI: OGGI -163. Sono 10.618 i #casi attualmente positivi di #Coronavirus in #Veneto, 1.026 sono i deceduti complessivi e 3.730 le persone che si sono n...

CORONAVIRUS: RICOVERI IN CALO. Sono 10.800 i #casi attualmente positivi di #Coronavirus in #Veneto, 981 sono i deceduti complessivi e 3.209 le persone che si sono negativizzate, ovvero che dopo un'in...

NESSUN NUOVO CASO NE A VENEZIA NE A ROVIGO. Sono 10.789 i #casi attualmente positivi di #Coronavirus in #Veneto, 940 sono i deceduti complessivi e 2.895 le persone che si sono nega...