CUCCIOLO DI CAMOSCIO VEGLIA LA MADRE MORTA
14/09/2015 11:58

Gli escursionisti che nel fine settimana hanno percorso il sentiero della Val Canale per raggiungere il monte Pasubio, si sono trovati davanti  una scena toccante: una vecchia femmina di camoscio era morta per cause naturali e il suo cucciolo la stava vegliando probabilmente da giorni. A salvarlo è stato l'agente della Polizia Provinciale di Vicenza Giancarlo Ferron, intervenuto assieme ad altri colleghi.    "Trovandosi senza guida, il piccolo vegliava il corpo della madre morta continuando a belare - racconta - brucando qualche cespuglio nei dintorni ma senza mai allontanarsi". Mentre all'inizio il cucciolo sembrava tranquillo e facilmente avvicinabile, quando si è reso conto della presenza degli agenti è scappato verso una impervia zona rocciosa. È stato quindi necessario narcotizzare il piccolo per riuscire a catturarlo.  Gli agenti hanno trasportato il camoscio in un recinto, per curarlo, rifocillarlo in vista della futura liberazione magari dopo l'inverno.  L'esame del cadavere della femmina morta ha rivelato che aveva circa venti anni, un'età quasi estrema per questa specie, che comunque non le ha impedito di dare alla luce un ultimo cucciolo.

CUCCIOLO DI CAMOSCIO VEGLIA LA MADRE MORTA

Gli escursionisti che nel fine settimana hanno percorso il sentiero della Val Canale per raggiungere il monte Pasubio, si sono trovati davanti  una scena toccante: una vecchia femmina di camoscio era morta per cause naturali e il suo cucciolo la stava vegliando probabilmente da giorni. A salvarlo è stato l'agente della Polizia Provinciale di Vicenza Giancarlo Ferron, intervenuto assieme ad altri colleghi.    "Trovandosi senza guida, il piccolo vegliava il corpo della madre morta continuando a belare - racconta - brucando qualche cespuglio nei dintorni ma senza mai allontanarsi". Mentre all'inizio il cucciolo sembrava tranquillo e facilmente avvicinabile, quando si è reso conto della presenza degli agenti è scappato verso una impervia zona rocciosa. È stato quindi necessario narcotizzare il piccolo per riuscire a catturarlo.  Gli agenti hanno trasportato il camoscio in un recinto, per curarlo, rifocillarlo in vista della futura liberazione magari dopo l'inverno.  L'esame del cadavere della femmina morta ha rivelato che aveva circa venti anni, un'età quasi estrema per questa specie, che comunque non le ha impedito di dare alla luce un ultimo cucciolo.

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
Sono riprese questa mattina alle prime luci le ricerche sul Pasubio dell'escursionista di Montecchio Maggiore (VI), non rientrato domenica dalla Strada delle Ga...

Ieri sera attorno alle 22 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato per il mancato rientro di un escursionista, partito da solo in mattinata in direzione della Strada delle gallerie sul Pasubio, ...

Troviamo sia doveroso ricordare il sacrificio dei molti religiosi che hanno perso la vita al fronte. Vittime della folli...

Oggi al Tempio della Pace di Padova si è tenuto l'avvio delle Celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra. Presenti le massime cariche locali delle forze armate, il Vice Pr...

TREVISO, 26 GEN - C'é stato bisogno dell'intervento del Soccorso Alpino per a...