POPOLARE DI VICENZA NEL CAOS, INDAGA LA FINANZA
22/09/2015 12:11

Una perquisizione della Guardia di Finanza è in corso nella sede della Banca Popolare di Vicenza. E' stata affidata al sostituto procuratore Luigi Salvadori l'inchiesta aperta dalla procura della Repubblica di Vicenza per le ipotesi di aggiotaggio e ostacolo delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza nei confronti di alcuni esponenti di vertice della Popolare di Vicenza, tra i quali il presidente Gianni Zonin. Il procuratore Antonino Cappelleri ha confermato l'avvio delle indagini preliminari. In Procura, nelle settimane scorse erano giunti esposti da parte dei correntisti. Azioni della banca acquistate tramite finanziamenti, per 975 milioni di euro, erogati agli azionisti dallo stesso istituto di credito, in misura tale da costituire violazione delle norme del diritto bancario: è questo il filone principale dell'inchiesta della magistratura sulla Banca Popolare di Vicenza (117mila soci), che fa seguito ad una ispezione compiuta dalla Bce. La banca avrebbe, dunque, finanziato - secondo l'ipotesi investigativa - un quarto del suo stesso capitale azionario (circa 4 miliardi di euro), superando i limiti consentiti. L'indagine della magistratura riguarda anche una sovrastima del prezzo delle azioni della Banca, che ha determinato numerose proteste degli azionisti, e che nell'ultima semestrale, avrebbe indotto i vertici a svalutare i crediti considerati deteriorati. Le decine di perquisizioni che la Guardia di Finanza sta effettuando in queste ore alla Banca Popolare di Vicenza su disposizione della Procura riguardano la sede amministrativa e legale del capoluogo berico dell'istituto e gli uffici direzionali di Milano, Roma e Palermo.
Nell'inchiesta della magistratura sono indagati, tra gli altri, il presidente della banca Giovanni Zonin, noto imprenditore nel settore del vino; l'ex direttore generale dell'istituto Samuele Sorato. Per entrambi le ipotesi di reato sono aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza.

 

POPOLARE DI VICENZA NEL CAOS, INDAGA LA FINANZA

Una perquisizione della Guardia di Finanza è in corso nella sede della Banca Popolare di Vicenza. E' stata affidata al sostituto procuratore Luigi Salvadori l'inchiesta aperta dalla procura della Repubblica di Vicenza per le ipotesi di aggiotaggio e ostacolo delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza nei confronti di alcuni esponenti di vertice della Popolare di Vicenza, tra i quali il presidente Gianni Zonin. Il procuratore Antonino Cappelleri ha confermato l'avvio delle indagini preliminari. In Procura, nelle settimane scorse erano giunti esposti da parte dei correntisti. Azioni della banca acquistate tramite finanziamenti, per 975 milioni di euro, erogati agli azionisti dallo stesso istituto di credito, in misura tale da costituire violazione delle norme del diritto bancario: è questo il filone principale dell'inchiesta della magistratura sulla Banca Popolare di Vicenza (117mila soci), che fa seguito ad una ispezione compiuta dalla Bce. La banca avrebbe, dunque, finanziato - secondo l'ipotesi investigativa - un quarto del suo stesso capitale azionario (circa 4 miliardi di euro), superando i limiti consentiti. L'indagine della magistratura riguarda anche una sovrastima del prezzo delle azioni della Banca, che ha determinato numerose proteste degli azionisti, e che nell'ultima semestrale, avrebbe indotto i vertici a svalutare i crediti considerati deteriorati. Le decine di perquisizioni che la Guardia di Finanza sta effettuando in queste ore alla Banca Popolare di Vicenza su disposizione della Procura riguardano la sede amministrativa e legale del capoluogo berico dell'istituto e gli uffici direzionali di Milano, Roma e Palermo.
Nell'inchiesta della magistratura sono indagati, tra gli altri, il presidente della banca Giovanni Zonin, noto imprenditore nel settore del vino; l'ex direttore generale dell'istituto Samuele Sorato. Per entrambi le ipotesi di reato sono aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza.

 

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@gruppotv7.com

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy Cookie Policy
SCACCIAVA CIMICI, GIOVANE PRECIPITA DAL TERZO PIANO Tragedia sabato pomeriggio a Campodarsego: un trentenne è precipitato dal terzo piano ed è morto sul colp...

BANCHE: LE FILIALI CHIUDONO, LA FIDUCIA CALA ANCORA. Nelle ultime ore, il Tribunale di Vicenza ha disposto il sequestro di altri 200 milioni...

Il Centro Operativo della Dia di Padova e la Sezione Operativa della Dia di Lecc...

Verona | Completate domenica le ultime operazioni e gli ultimi test di migrazione dei conti correnti dai due istituti bancari falliti a Intesa Sanpaolo. La fus...

Un albanese di 51 anni, dipendente di un'azienda di autotrasporti padovana, è m...

Sarebbe stato acquistato in un'azienda del Padovano il tallio che Mattia Del Zotto, il giovane di No...

Sono riusciti nell'intento di rapinare 18 mila euro alla banca Antonveneta di To...

Sarà il tribunale di sorveglianza di Padova a decidere sulla richiesta della procura di una restriz...

E' un ivoriano di 35 anni, richiedente asilo in Italia, il migrante travolto e ucciso da un'auto men...

Verona | Alcuni delegati delle principali associazioni di tutela degli ex soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, tra cui Alfredo Belluco di Conferco...