NESSUNA CORRELAZIONE TRA EVASIONE E UTILIZZO DEL CONTANTE
14/10/2015 16:01

In Italia ci sono 15 milioni di unbanked. Nel 2014 la massa monetaria circolante ha sfiorato i 165 miliardi (+30% rispetto al 2008).

 Nonostante l’Italia abbia il limite all’utilizzo del contante più basso d’Europa,  l’evasione fiscale non sembra averne risentito. Anzi, dall’analisi elaborata dall’Ufficio studi della CGIA, emerge un dato sorprendente: c’è pochissima correlazione tra la soglia limite all’uso di cartamoneta imposta per legge e il rapporto tra la base imponibile Iva non dichiarata e il Pil, vale a dire l’evasione fiscale.
Tra il 2000 e il 2012 (ultimo anno in cui i dati sono disponibili), a fronte di una soglia limite all’uso del denaro che è rimasta pressoché stabile fino al giugno 2008, l’evasione ha registrato un andamento altalenante fino al 2006 per poi scivolare progressivamente fino al 2010. Se tra il 2010 e  l’anno successivo  l’”asticella” del limite al contante si è ulteriormente abbassata (passando da 5.000 e 1.000 euro), l’evasione, invece, è salita fino a sfiorare il 16 per cento del Pil, per poi ridiscendere nel 2012 sotto quota 14 per cento.
Alla luce di questa comparazione possiamo affermare che non c’è una stretta correlazione tra l’uso della carta moneta e l’evasione fiscale.
Tra i principali membri dell’Unione europea, ben 11 Paesi non prevedono alcun limite all’uso del contante. Il Belgio ha una soglia  di spesa con la cartamoneta di 3.000 euro, la Spagna di 2.500 euro e la Grecia di 1.500 euro. L’Italia, da poche settimane la Francia e il Portogallo, invece, manifestano la situazione più restrittiva: la soglia massima oltre il quale non si può più usare il contante è pari a 1.000 euro.

Nel 2014 la massa monetaria complessiva circolante in Italia ha sfiorato i 164,5 miliardi di euro. Negli ultimi 7 anni di crisi, fa sapere la CGIA,   l’incremento percentuale è stato del 30,4 per cento, a fronte di una variazione dell’incidenza delle banconote sul Pil del +2,4 per cento e di un aumento dell’inflazione che ha sfiorato il 10 per cento.
“Il diffusissimo uso del contante è correlato al fatto che in Italia ci sono quasi 15 milioni di unbanked – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo -  ovvero di persone che non hanno un conto corrente presso una banca. Un record non riscontrabile in nessun altro paese d’Europa. Non avendo nessun rapporto con gli istituti di credito, milioni di italiani non utilizzano alcuna forma di pagamento tracciabile, come la carta di credito, il bancomat o il libretto degli assegni. Questa specificità tutta italiana  va ricercata  nelle ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del nostro Paese. Non possiamo disconoscere – conclude Zabeo - che molte persone di una certa età e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca. Del resto, i vantaggi economici non sono indifferenti, visto che i costi per la tenuta di un conto corrente sono in Italia i più elevati d’Europa.”

NESSUNA CORRELAZIONE TRA EVASIONE E UTILIZZO DEL CONTANTE

In Italia ci sono 15 milioni di unbanked. Nel 2014 la massa monetaria circolante ha sfiorato i 165 miliardi (+30% rispetto al 2008).

 Nonostante l’Italia abbia il limite all’utilizzo del contante più basso d’Europa,  l’evasione fiscale non sembra averne risentito. Anzi, dall’analisi elaborata dall’Ufficio studi della CGIA, emerge un dato sorprendente: c’è pochissima correlazione tra la soglia limite all’uso di cartamoneta imposta per legge e il rapporto tra la base imponibile Iva non dichiarata e il Pil, vale a dire l’evasione fiscale.
Tra il 2000 e il 2012 (ultimo anno in cui i dati sono disponibili), a fronte di una soglia limite all’uso del denaro che è rimasta pressoché stabile fino al giugno 2008, l’evasione ha registrato un andamento altalenante fino al 2006 per poi scivolare progressivamente fino al 2010. Se tra il 2010 e  l’anno successivo  l’”asticella” del limite al contante si è ulteriormente abbassata (passando da 5.000 e 1.000 euro), l’evasione, invece, è salita fino a sfiorare il 16 per cento del Pil, per poi ridiscendere nel 2012 sotto quota 14 per cento.
Alla luce di questa comparazione possiamo affermare che non c’è una stretta correlazione tra l’uso della carta moneta e l’evasione fiscale.
Tra i principali membri dell’Unione europea, ben 11 Paesi non prevedono alcun limite all’uso del contante. Il Belgio ha una soglia  di spesa con la cartamoneta di 3.000 euro, la Spagna di 2.500 euro e la Grecia di 1.500 euro. L’Italia, da poche settimane la Francia e il Portogallo, invece, manifestano la situazione più restrittiva: la soglia massima oltre il quale non si può più usare il contante è pari a 1.000 euro.

Nel 2014 la massa monetaria complessiva circolante in Italia ha sfiorato i 164,5 miliardi di euro. Negli ultimi 7 anni di crisi, fa sapere la CGIA,   l’incremento percentuale è stato del 30,4 per cento, a fronte di una variazione dell’incidenza delle banconote sul Pil del +2,4 per cento e di un aumento dell’inflazione che ha sfiorato il 10 per cento.
“Il diffusissimo uso del contante è correlato al fatto che in Italia ci sono quasi 15 milioni di unbanked – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo -  ovvero di persone che non hanno un conto corrente presso una banca. Un record non riscontrabile in nessun altro paese d’Europa. Non avendo nessun rapporto con gli istituti di credito, milioni di italiani non utilizzano alcuna forma di pagamento tracciabile, come la carta di credito, il bancomat o il libretto degli assegni. Questa specificità tutta italiana  va ricercata  nelle ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del nostro Paese. Non possiamo disconoscere – conclude Zabeo - che molte persone di una certa età e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca. Del resto, i vantaggi economici non sono indifferenti, visto che i costi per la tenuta di un conto corrente sono in Italia i più elevati d’Europa.”

Share
Condividi su Facebook/ Google+/ Twitter
Facebook share Google+ share Twitter share
Commenti
commenta la notizia con il tuo account facebook
Invia il tuo video/foto
Inizia subito ad essere un iReporter
Tags
trova altri articoli con gli stessi tags
Contattaci
Contatta la nostra redazione






Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

GRUPPO TV7
TEL: 049.8077754
FAX: 049.8074636
Via Francesco Scipione Orologio, 2
35129 Padova [google maps]

direttore responsabile : Ermanno Chasen

E-Mail redazione: redazione@triveneta.tv
E-Mail commerciale: commerciale@fintrading.tv

P.iva: 00769700287

Informativa sulla privacy
Informativa estesa cookie
Tv7 con Voi del 3/6/2019 - Novità fiscali 2019 Ospite: - Claudio Zaccarin, Amm Del. CAAF CGIL Veneto - Iscriviti al canale YouTube del Gruppo Tv7, e non perderti nemmeno un nost...

Primus Inter Pares del 21/09/2018 - Massimo Bitonci Ospite: - Massimo Bitonci, Sottosegretario all'economia - Iscriviti al canale YouTube ...

Tv7 con Voi del 21/9/2018 - Evasione fiscale Ospite: - Gino Ferraresso, Contrattazione sociale SPI-CGIL Veneto - Iscri...

TASSE ALTE E POCA SPESA SOCIALE: SEMPRE PIÙ POVERI. Il rischio di povertà ed esclusione sociale ormai tocca più 18 mi...

LA CGIA METTE IN GUARDIA: RIPRESA LENTA NEL 2018. Nonostante i recenti dati occupazionali prodotti d...

IMPRESE: EVASIONE FISCALE DA 93 MILIARDI DI EURO. Secondo i calcoli della Cgia di Mestre sulla base dei dati Istat, l'evasione fiscale delle imprese è scesa ne...

QUALITA' DELLA PA IN EUROPA: ITALIA IN ZONA RETROCESSIONE La Pubblica amministr...

Entro domani le imprese sono chiamate a versare all'erario 27 miliardi di euro p...

Tv7 con Voi del 28/10/2016 - Cosa fare per contrastare l'evasione fiscale Ospite: - Daniele Tronco, Segret. Organizzativo SPI CGIL Veneto - Gino Ferraresso, Coordinatore Dipartime...

Tra il 2010 e il 2014 l'Italia ha autorizzato esportazioni nell'Africa settentrionale e nel Medio Or...